Aromanticamente innamorato

La sezione dedicata all'attrazione romantica e all'aromanticismo.
Avatar utente
Haderian
Asexy
Messaggi: 365
Iscritto il: ven set 16, 2005 7:13 am
Orientamento: omosessuale
Genere: maschio

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Haderian »

le tue spiegazioni sono chiare, dettagliate e interessanti.
io potrei creare legami di amicizia profondi quanto una relazione romantica ma provo sentimenti meno intensi rispetto ad un innamoramento.
Non mi e' quasi mai successo di creare legami di amicizia profondi probabilmente anche perche' non ne sento il bisogno che invece sento per una relazione romantica (ai ai ai..)

Quickie
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: ven ago 14, 2015 11:25 am
Orientamento: Asessuale Aromantico
Genere: Agender

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Quickie »

E' proprio questa la differenza tra un romantico e un aromantico!
E' questo il punto, tu sei romantico e quindi proverai determinati sentimenti per un'amicizia e altri magari più forti per un rapporto romantico (ma non è detto che per tutti sia così). In un aromantico i sentimenti che si proveranno per un'amicizia sono forti e intensi esattamente come quelli che ha un romantico in una relazione romantica ma diversi, perché ovviamente non è amore romantico ma affetto, amicizia, empatia ecc...
Questo perché in un asessuale aromantico l'amicizia e i rapporti non romantici sono ciò che per un romantico è l'innamoramento, il rapporto di coppia, la relazione romantica e i suoi sentimenti avranno un intensità che non c'è nell'amicizia per un romantico, non perché il romantico non sia capace di avere un'amicizia forte, ma solo perché avendo in se attrazione romantica processerà le informazioni in modo diverso e l'amicizia non avrà lo stesso significato che ha per un aromantico.
Poi ovviamente ognuno ha il proprio carattere e come ci sono romantici a cui non interessa più di tanto avere una relazione per vari motivi, così esisteranno aromantici che non saranno molto affiatati in un'amicizia per vari motivi, ma questo è solo carattere e non ha a che vedere con la percezione.
Lo schema che ho fatto ha proprio questo significato: il romantico avrà in se l'impulso dell'attrazione romantica e quindi vedrà le cose, compresa l'amicizia, in base alla sua percezione. Un asessuale aromantico invece avrà la stessa capacità percettiva del romantico ma disposta in modo diverso e quindi vedrà le cose in base a questa percezione e quindi senza attrazione sessuale e romantica.
Essendo quindi entrambi completi, l'asessuale aromantico avrà delle amicizie che per un romantico saranno potenzialmente di un intensità mostruosa e prive di qualunque condizionamento (sebbene all'aromantico sembreranno normali e istintive), mentre il romantico avrà in se l'innamoramento e le relazioni romantiche. Stessa intensità, stesso valore, forma diversa, nel primo caso sentimenti non romantici, nel secondo sentimenti romantici, tutto qui.
Con questo spero sia chiaro che non voglio dire che un romantico non può avere un'amicizia forte come quella di un aromantico, non mi permetterei mai di dire una cosa del genere, ma istintivamente sarà diverso, perché nel primo caso (in relazione alla presenza di attrazione romantica e quindi di impulso all'innamoramento) avrà un significato, nel secondo (in relazione alla presenza di altri istinti e altre percezioni) ne avrà un'altro.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29080
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Bianca »

Il bisogno di rapporti di amicizia, è molto diverso da quello di instaurare una relazione con una persona in particolare.
Molte persone possono sentire il primo, ma non il secondo.
Essere Aromanticamente innamorati, sembra un controsenso, per quello che finora hanno cercato di spiegarmi.
Ma io voglio credere che sia possibile.

animapura
Asexy
Messaggi: 367
Iscritto il: mar ago 14, 2012 2:25 pm
Orientamento: asex etero-queerplatonica
Genere: femmina

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da animapura »

Quickie siamo gemelli ;) ;) ;)!!!!

Quickie
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: ven ago 14, 2015 11:25 am
Orientamento: Asessuale Aromantico
Genere: Agender

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Quickie »

Bianca ha scritto:Il bisogno di rapporti di amicizia, è molto diverso da quello di instaurare una relazione con una persona in particolare.
Molte persone possono sentire il primo, ma non il secondo.
Ciò che dici riguardo all'amicizia è vero per un romantico, ma per un asessuale aromantico l'amicizia ha un significato completamente diverso, e il valore che questa ha nella vita della persona non è paragonabile a quello che ha per un romantico.
Un aromantico non ha per natura il bisogno di instaurare una relazione romantica con una persona, in quanto l'attrazione romantica (che è ciò che fa si che si abbia questo bisogno) non è compresa nell'essenza della persona, l'aromantico non è fatto così, (esattamente come l'asessuale non ha attrazione sessuale per nessuno). Però avrà altri bisogni, come dicevo prima, i quali saranno diversi da quelli di un romantico.
Bianca ha scritto:Essere Aromanticamente innamorati, sembra un controsenso, per quello che finora hanno cercato di spiegarmi.
Ma io voglio credere che sia possibile.
Si, essere aromanticamente innamorati è come dire di essere asessualmente attratti sessualmente, è un palese controsenso.
Un asessuale aromantico non si innamora. Punto.
Semmai sarebbe corretto dire che un aromantico ama non romanticamente (e questo amore è forte come quello romantico), ma non che è innamorato dato che l'innamoramento presuppone l'attrazione romantica che nell'aromantico non è prevista per natura.
Spero di essere stato più chiaro perché voglio davvero aiutarti a capire, per quanto rientra nelle mie possibilità. ^^
animapura ha scritto:Quickie siamo gemelli ;) ;) ;)!!!!
Ahahaha, grazie Anima ^^

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29080
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Bianca »

E io voglio davvero capire, tu non sai quanto.

Avatar utente
Haderian
Asexy
Messaggi: 365
Iscritto il: ven set 16, 2005 7:13 am
Orientamento: omosessuale
Genere: maschio

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Haderian »

E' interessante non avevo considerato che un aromantico tende ad investire il suo potenziale emotivo nelle amicizie con la stessa intensita' con cui un romantico lo investe nell'innamoramento... anche se devo ammettere che la cosa mi lascia ancora qualche dubbio, forse perche' chiaramente io non so cosa puoi provare esattamente tu e tu non sai cosa posso provare esattamente io. Forse ti puo' interessare questo topic che ho scritto qualche tempo fa sull'attrazione romantica e l'amore romantico spiegate un po piu' nel dettaglio.

riguardo alla parola amore penso che l'uso che se ne fa non aiuti a fare chiarezza ma sia fonte di confusione e fraintendimenti.
per esempio una cosa che noto e' che anche se alle parole amore e innamoramento vengono spesso attribuiti significati diversi innamoramento letteralmente significherebbe entrare nell'amore o iniziare ad amare.
Io tendo ad usare la parola amore con il solo significato di romantico, ma non perche' consideri gli altri tipi di amore meno importanti (non considero la parola amore un indice di importanza) ma perche' penso sia utile distinguere le cose.
allo stesso modo potrei usare la parola amore solo per quelli non romantici purche' siano distinti.
Invece, per come percepisco io le cose, pur riconoscendo una molteplicita' di sfumature in tutti sentimenti non sento l'esigenza di distinguere gli amori non romantici tra loro. per me quello che puoi provare per un membro della tua famiglia non e' troppo diverso da quello che puoi provare per un amico, quello che puoi provare per un animale non umano (che appunto puo' essere un amico o un familiare, la specie per me non fa differenza in questo ambito). vedo le sfumature, ma appartenenti allo stesso tipo di amore per intenderci.
Userei invece un termine ancora diverso per il cosiddetto amore "per un arte" "per un hobby".. perche' non penso che si possa provare per una attivita', per un oggetto o per un pensiero lo stesso sentimento che si puo' provare per un essere che vive e che sente (almeno spero)
mi pare comunque che si facciano troppe speculazioni sulla parola amore e che si tenda ad attribuirle accezioni di sacro e divino che non appartengono al mio modo di interpretare la realta' e che vedo fuorvianti.
Quickie ha scritto:
Bianca ha scritto:Essere Aromanticamente innamorati, sembra un controsenso, per quello che finora hanno cercato di spiegarmi.
Ma io voglio credere che sia possibile.
Si, essere aromanticamente innamorati è come dire di essere asessualmente attratti sessualmente, è un palese controsenso.
Un asessuale aromantico non si innamora. Punto.
si' e' chiaramente un ossimoro, per quanto penso ci si possa innamorare in modi e con intensita' diverse.

Avatar utente
Edward
AVENita di Classe A
Messaggi: 2738
Iscritto il: mar dic 09, 2014 10:49 pm
Orientamento:
Genere: f

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Edward »

Io penso che Quickie sia la persona che più mi ha fatto andare avanti nel mio processo di comprensione del mio orientamento romantico. Hai spiegato delle cose in modo simile a ciò che abbiamo già sentito/scritto, ma con quel qualcosa in più che per me ha fatto la fondamentale differenza. Dunque, grazie.
Avrò sicuramente tante domande da farti!

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29080
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Bianca »

Ed, sono d'accordo!
Veramente ha un modo di spiegare così semplice, così terra terra (è un grosso complimento)
che persino quelli come me, che stanno con la testa tutto da un'altra parte, si avviano sulla strada della comprensione.
Fai domande Ed, le risposte servono anche a me.

Quickie
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: ven ago 14, 2015 11:25 am
Orientamento: Asessuale Aromantico
Genere: Agender

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Quickie »

Haderian ha scritto:E' interessante non avevo considerato che un aromantico tende ad investire il suo potenziale emotivo nelle amicizie con la stessa intensita' con cui un romantico lo investe nell'innamoramento... anche se devo ammettere che la cosa mi lascia ancora qualche dubbio, forse perche' chiaramente io non so cosa puoi provare esattamente tu e tu non sai cosa posso provare esattamente io. Forse ti puo' interessare questo topic che ho scritto qualche tempo fa sull'attrazione romantica e l'amore romantico spiegate un po piu' nel dettaglio.

riguardo alla parola amore penso che l'uso che se ne fa non aiuti a fare chiarezza ma sia fonte di confusione e fraintendimenti.
per esempio una cosa che noto e' che anche se alle parole amore e innamoramento vengono spesso attribuiti significati diversi innamoramento letteralmente significherebbe entrare nell'amore o iniziare ad amare.
Io tendo ad usare la parola amore con il solo significato di romantico, ma non perche' consideri gli altri tipi di amore meno importanti (non considero la parola amore un indice di importanza) ma perche' penso sia utile distinguere le cose.
allo stesso modo potrei usare la parola amore solo per quelli non romantici purche' siano distinti.
Invece, per come percepisco io le cose, pur riconoscendo una molteplicita' di sfumature in tutti sentimenti non sento l'esigenza di distinguere gli amori non romantici tra loro. per me quello che puoi provare per un membro della tua famiglia non e' troppo diverso da quello che puoi provare per un amico, quello che puoi provare per un animale non umano (che appunto puo' essere un amico o un familiare, la specie per me non fa differenza in questo ambito). vedo le sfumature, ma appartenenti allo stesso tipo di amore per intenderci.
Userei invece un termine ancora diverso per il cosiddetto amore "per un arte" "per un hobby".. perche' non penso che si possa provare per una attivita', per un oggetto o per un pensiero lo stesso sentimento che si puo' provare per un essere che vive e che sente (almeno spero)
mi pare comunque che si facciano troppe speculazioni sulla parola amore e che si tenda ad attribuirle accezioni di sacro e divino che non appartengono al mio modo di interpretare la realta' e che vedo fuorvianti.
Quickie ha scritto:
Bianca ha scritto:Essere Aromanticamente innamorati, sembra un controsenso, per quello che finora hanno cercato di spiegarmi.
Ma io voglio credere che sia possibile.
Si, essere aromanticamente innamorati è come dire di essere asessualmente attratti sessualmente, è un palese controsenso.
Un asessuale aromantico non si innamora. Punto.
si' e' chiaramente un ossimoro, per quanto penso ci si possa innamorare in modi e con intensita' diverse.
Ciò che dici è giustissimo.
Per amore non romantico intendo infatti tutti gli amori non romantici, quindi verso un animale, verso una persona, verso un fratello ecc.. la specie è vero, almeno per me non fa alcuna differenza, posso amare indifferentemente una persona o un animale senza che vi sia differenza, perché come ho detto non è una questione di fare qualcosa assieme o condividere interessi comuni, ma un sentimento di amicizia forte tra due individui (amicizia intesa come legame, sentimento non romantico, non come fare cose assieme o essere d'accordo riguardo a varie cose)
Ovviamente questo amore non romantico avrà significati diversi in un romantico e in un asessuale aromantico.
Il fatto della parola ''amore'' in realtà ha due significati nella lingua italiana. O una sorta di voler bene (amare un figlio, amare un fratello ecc) o amore romantico (amo mio marito, amo mia moglie, amo il mio fidanzato, la mia fidanzata ecc..) Quindi nella stessa parola amore non romantico e amore romantico. Quando si dice essere innamorati o innamorarsi si intende come dici tu ''entrare in amore'' o ''iniziare ad amare'' ma con amare inteso solo come amore romantico.
I greci invece avevano 5-6 parole per chiamare l'amore, ognuno con un significato particolare. In italiano invece c'è una sola parola, perché volere bene è una perifrasi, non è una parola in se per se che comprende un concetto, ma un'azione che noi indichiamo come amore non romantico (figli, fratelli, genitori, amici ecc).
In italiano non esiste una parola specifica per intendere l'amore non romantico con il significato che ha per un asessuale aromantico (asessuali? Chi sono? Romantici? Non capisco. Se non sei sessuale romantico eterosessuale fai schifo! Abbasso la teoria gender, demolirà i nostri bambini! Uccidiamo i gay! -.-'')
Perché se vogliamo potrebbe essere come un voler bene ma molto più forte del comune voler bene che si intende in un'amicizia, anche fraterna. Spesso faccio il paragone tra amore non romantico (per un asessuale aromantico) con l'amore che un cane ha per il proprio amico umano, per questo ho detto tempo fa a Bianca di vedere il film Achiko. Se si guarda il modo in cui il cane si comporta con il suo amico, quello è un esempio di amore non romantico con il significato che ha per me, ma resta sempre molto riduttivo. E' difficile da spiegare, questa lingua non mi aiuta. Fedeltà assoluta, sacrificio, rispetto, disponibilità a dare la propria vita se necessario, condivisione, affetto. Ma non attrazione romantica.
Ripeto, questo vale per me, come dicevo anche tra i romantici ci può essere egoismo, egocentrismo, delusione, indifferenza, aridità, e varie altre cose (anche non necessariamente negative), ma un romantico potenzialmente può amare romanticamente, a prescindere dal fatto che poi metta in pratica i suoi sentimenti. Lo stesso vale per un asessuale aromantico, ci può essere egoismo, egocentrismo, delusione, indifferenza, aridità, e varie altre cose (anche non necessariamente negative), ma un asessuale aromantico può potenzialmente amare non romanticamente, a prescindere dal fatto che metta in pratica i suoi sentimenti. Cosa dunque differenzia i due? L'uno avrà attrazione romantica e quindi vivrà le cose in un certo modo e si potrà innamorare romanticamente, l'altro non avrà attrazione romantica e quindi vivrà le cose in un altro modo e potrà amare non romanticamente, l'uno sarà attratto verso persone di un certo genere e in un certo modo, l'altro non avrà questo aspetto in quanto privo di attrazione romantica ma ne avrà altri, l'uno avrà una relazione romantica esclusiva con una o più persone, l'altro avrà un amicizia (quindi rapporto non romantico) esclusiva con tutti i suoi amici (ovvero non un mio amico, il mio amico, questo per ognuno dei suoi amici..non so se riesco a spiegarmi, è davvero difficile da spiegare) l'uno avrà come parte importante della sua vita qualcosa, l'altro avrà come parte importante della sua vita qualcos'altro, entrambi di pari valore, l'uno sara romantico, l'altro sarà asessuale aromantico. Tutto qui.
Edward ha scritto:Io penso che Quickie sia la persona che più mi ha fatto andare avanti nel mio processo di comprensione del mio orientamento romantico. Hai spiegato delle cose in modo simile a ciò che abbiamo già sentito/scritto, ma con quel qualcosa in più che per me ha fatto la fondamentale differenza. Dunque, grazie.
Avrò sicuramente tante domande da farti!
Davvero?! Non hai idea di quanto ne sia felice Ed, sul serio. ^^
Il fatto è che ciò che scrivo lo vivo direttamente, sapendo come sono posso senza problemi descrivere la situazione, esattamente come un asessuale può descrivere la sua situazione meglio di come possa fare magari uno che asessuale non è.
L'attrazione romantica è qualcosa di profondamente radicato nella mente di chi ce l'ha ( io so praticamente da sempre di essere aromantico, perché a differenza dell'attrazione sessuale non ha condizionamenti come ormoni, età in cui viene portata all'esterno ecc o fattori fisici che possano nasconderne l'espressione, o c'è o non c'è), e non averla, avendo quindi una natura diversa, porta ad avere istinti diversi e a vivere in un certo modo, a sentire determinate cose e a provare determinate cose. Quindi quando scrivo non devo fare altro che spiegare ciò che sono, ne più ne meno, esattamente come per l'asessualità.
Puoi farmi tutte le domande che vuoi, cercherò di essere il più esaustivo possibile.
Bianca ha scritto:Ed, sono d'accordo!
Veramente ha un modo di spiegare così semplice, così terra terra (è un grosso complimento)
che persino quelli come me, che stanno con la testa tutto da un'altra parte, si avviano sulla strada della comprensione.
Fai domande Ed, le risposte servono anche a me.
Grazie Bianca, è un grossissimo complimento, sono grato a Dio se sono in grado di esprimermi in questo modo, così è facile per gli altri capire anche concetti che a parole sono difficilmente comprensibili. Sai avevo preparato uno schema visivo per un argomento che vorrei aprire appena posso, nel quale tra le altre cose schematizzo con un disegno la natura di un asessuale aromantico (cosiccome di un asessuale romantico, di un sessuale romantico ecc), forse così è più comprensibile dato che a parole può essere difficile. A mio parere il disegno è abbastanza chiaro e spiega in maniera molto comprensibile i concetti di asessuale romantico, asessuale aromantico ecc, almeno per me, e volevo quindi discuterne con voi. Se avete un po' di pazienza, appena mi procuro lo scanner metto i disegni.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29080
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Bianca »

Non vedo l'ora che tu ne faccia parte anche a noi.
Sono certa che sarà un altro modo, un'altra occasione, per capire.
Grazie Qui!
Un bacio.

Avatar utente
Haderian
Asexy
Messaggi: 365
Iscritto il: ven set 16, 2005 7:13 am
Orientamento: omosessuale
Genere: maschio

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Haderian »

credo di aver capito :)
grazie!

Anch'io condividio quello che hanno scritto Edward e Bianca, e' un piacere leggere quello che scrivi!
Aspetto lo schema allora ma non trascurare l'uni mi raccomando! :wink:

Quickie
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: ven ago 14, 2015 11:25 am
Orientamento: Asessuale Aromantico
Genere: Agender

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Quickie »

Bianca ha scritto:Non vedo l'ora che tu ne faccia parte anche a noi.
Sono certa che sarà un altro modo, un'altra occasione, per capire.
Grazie Qui!
Un bacio.
Grazie Bianca, un bacio anche a te! ^^
Devo soltanto avere il mio scanner che tempo fa aveva qualche problema, essendo che stiamo traslocando appena i miei lo prendono metto le immagini.
Haderian ha scritto:credo di aver capito :)
grazie!

Anch'io condividio quello che hanno scritto Edward e Bianca, e' un piacere leggere quello che scrivi!
Aspetto lo schema allora ma non trascurare l'uni mi raccomando! :wink:
Grazie a te per gli spunti che mi hai dato a cui allacciarmi per spiegare!
Tranquillo, non trascurerò mai l'università, è ciò che mi piace fare e il mio interesse da sempre, sarebbe uno spreco.

unpostosullaterra
Membro
Messaggi: 40
Iscritto il: mar ago 11, 2015 12:30 pm

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da unpostosullaterra »

Devo dire che non mi riconosco molto nelle categorizzazioni forse un po’ troppo rigide che usualmente vengono fatte.
Personalmente vivo la cosa in maniera diversa: ogni rapporto con un altro essere umano per me è una storia a se, e non mi viene naturale classificarli.

Faccio mio, della descrizione che Quickie fa dell’aromanticismo, l’attribuire ai rapporti chiamiamoli “non di coppia” una dignità ed intensità in generale non inferiori a quelli che normalmente si hanno in quello specifico tipo di rapporto. Però in altre cose non mi riconosco.

Per capirci partiamo dal dizionarietto del forum. Questo definisce il desiderio romantico come quello di formare una “relazione romantica”. Ecco, il punto essenziale è che cosa uno intenda per “relazione romantica”.
Io credo che ognuno si possa sentire libero di rivendicare la propria idea di relazione romantica, senza doversi appellare ad alcuno stereotipo. E potremmo anche chiamarla “relazione ideale” con un altro essere umano. E per ognuno questo ideale può essere diverso, come diverse ancora saranno le realizzazioni: alcune più comuni, altre molto meno. Ciascuno, dei rapporti umani, ha una sua personale visione, e se è rispettosa del prossimo a mio avviso è sempre legittima.

Il mio punto di vista, ad esempio, è molto simile a quello di Bakeneko. Ai miei occhi l’ideale di coppia quasi non assume alcun significato, in particolare la sua esclusività. Potrei allora dirmi aromantico secondo la definizione di Quickie. Ma allo stesso tempo io mi innamoro, ovvero per capirci provo le famose “farfalle nello stomaco”. E in passato mi è capitato anche di innamorarmi di un amico verso cui non avevo nessuna attrazione sensuale, per dire! Con lui non avrei formato una coppia, ma sicuramente avrei voluto costruire la più profonda, sincera e impegnata delle relazioni..

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29080
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Aromanticamente innamorato

Messaggio da Bianca »

Credo di capire quello che hai spiegato, con qualche riserva.
I rapporti "non di coppia", hanno certamente dignità, importanza, intensità.
Per me, le loro, specifiche, che non saranno mai uguali a quelle che io riscontro in un rapporto unico.
Per l'aromantico invece, potrebbero essere uguali.
Questa è forse la cosa che meno mi è chiara.
Mi sembra un disperdere, mi sembra un non saper distinguere.
Come si fa a vivere, con la stessa intensità, un rapporto qualsiasi che non prevede un legame particolare, come si vivrebbe un rapporto a due?
Io ho vissuto rapporti di stima profonda, ammirazione, sentimenti di profondo affetto, ma non posso dire che avessero la stessa intensità dell'unico rapporto a due.
Quella che tu chiami "relazione ideale" con un altro essere umano, non può essere che a senso unico.
Giustamente il modo di realizzare questa relazione, potrà essere diverso, anche molto diverso dal modo tradizionale.
E anche varia, per ciascuna persona, che cosa si intende per ideale.

Per te l'ideale di coppia non esiste?
Per te non esiste l'esclusività?
Ma se tu ti innamori, nel modo tradizionale del termine, tu non senti il bisogno che quella persona ci sia solo per te?
Non voglio dire che non deve più esistere per nessun altro, ci mancherebbe!
Intendo che esista per te in modo speciale, esclusivo e unico.
Con l'amico di cui parli, non avresti voluto avere una cosa unica?

Rispondi