Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

La sezione dedicata all'attrazione romantica e all'aromanticismo.
Mariii
Maxi-Mitosi
Messaggi: 260
Iscritto il: gio ott 01, 2020 2:53 pm
Orientamento: Asessuale - Omoromantica
Genere: Femmina

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Mariii »

Mariii ha scritto:
dom giu 13, 2021 5:54 pm
Bakeneko ha scritto:
dom giu 13, 2021 5:14 pm
Mariii ha scritto:
sab giu 12, 2021 10:23 am
Scusate ma, una volta per tutte :!: , qualcuno potrebbe spiegare in cosa consiste L'AROMANTICISMO?
Ho sentito spesso dire che l'aromantico non si innamora. Cioè ama i suoi cari, gli amici, gli animali domestici, ma non si innamora in quel modo in cui fanno vedere nei film. Io per esempio mi pongo ancora il dubbio di poter essere aromantic. Ho provato e provo sentimenti forti verso persone (più spesso dell'altro sesso, ma non esclusivamente), ma non ho mai avuto desiderio di viverci assieme, di riempirlo di baci (se non nelle fantasie). La mia sembra più una crush. Sembra che sia capace di vivere solo crush in cui provo moltissima ammirazione e voglia di instaurante un rapporto di amicizia profonda ed esclusiva, che può includere anche dei progetti futuri, ma non del tipo che di di solito sono la norma per le coppie romantiche.
Che io sappia l'aromantico prova delle squish, non crush.
Comunque stavo leggendo nell'altro topic la tua idea di relazione queerplatonica. Mhmhhm ecco, io non mi ritrovo in un punto : se siamo due donne, una delle due può sposarsi mentre se siamo uomo e donna no. Mhmhm, no io non la penso così. Se vivessi in una relazione queerplatonica e fossi innamorata di una donna non vorrei nemmeno che si sposasse, per me varrebbe come tradimento a tutti gli effetti perché poi quella persona sceglie di passare il resto della sua vita con un'altra persona. Non concordo su sto punto anche perché sarebbe l'ennesima predilezione della coppia etero.

Avatar utente
Bakeneko
AVENissimo
Messaggi: 3576
Iscritto il: mer mag 23, 2012 5:28 pm
Orientamento: Asessuale
Genere: ♀️

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Bakeneko »

Ti ho risposto di là sulla cosa queerplatonica.
Ho dovuto andarmi a rivedere la definizione di squish. Si mi sa che anche io provo delle squish. Se si tratta di persone irraggiungibili, tipo personaggi famosi o di fantasia, la crush ci sta meglio, perché è solo una fantasia, pure se il sentimento che provo è forte.
53x+m³=Ø

Mariii
Maxi-Mitosi
Messaggi: 260
Iscritto il: gio ott 01, 2020 2:53 pm
Orientamento: Asessuale - Omoromantica
Genere: Femmina

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Mariii »

Bakeneko ha scritto:
dom giu 13, 2021 8:37 pm
Ti ho risposto di là sulla cosa queerplatonica.
Ho dovuto andarmi a rivedere la definizione di squish. Si mi sa che anche io provo delle squish. Se si tratta di persone irraggiungibili, tipo personaggi famosi o di fantasia, la crush ci sta meglio, perché è solo una fantasia, pure se il sentimento che provo è forte.
Ah vabbè, I personaggi del mondo Dello spettacolo sono stati fatti apposta per attirare. Sì per un aromantico squish ci sta meglio. Ah, sí, ho risposto anche nell'altro topic.

Avatar utente
Pdydow_
Ameba
Messaggi: 66
Iscritto il: gio mar 04, 2021 2:35 am

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Pdydow_ »

Ahahahahaha adoro la confusione dei dubbi sull'aromanticismo.
Siam tutti d'accordo che l'aromanticismo sia una mancanza di attrazione romantica e conseguenti manifestazioni romantiche.
Nella mia esperienza ad esempio ricordo che fino a qualche anno fa non capivo totalmente i gesti romantici, non capivo gli abbracci (a parte rare eccezioni), non capivo il tenersi per mano, non capivo l'istinto di darsi un bacio... ed a dire la verità ancora faccio difficoltà.
Io penso che non è detto che però un aromantico possa non desiderare una relazione romantica, penso che con qualcuno che ti attragga ad esempio mentalmente (come nel mio caso dove mi manca l'attrazione sia sessuale che romantica) potresti iniziare a desiderare qualcosa di diverso, perchè si non hai quegli stimoli romantici automatici ma non è detto che tu non possa desiderarli di tanto in tanto.
Non so ad esempio io sono molto selettiva, ma penso che se qualcuno di speciale entrasse nella mia vita non mi porrei limiti, diciamo che io mi definisco un'asessuale aromantica verso il mondo circostante ma nel mio piccolo so che qualcosa cioè... qualcuno... potrebbe sciogliermi un po'.
Ripeto mi son sempre adattata e ci son sempre stata male, tanto, soprattutto riguardo la sfera sessuale sentivo sempre un macigno dentro di me e dopo poco tempo che non ascoltavo i miei veri bisogni anche i gesti affettivi mi provocavano disgusto. buh... forse perchè iniziava a mancarmi l'attrazione mentale che è la base di qualsiasi mia relazione mmmmm

Athos
Samurai Asexy
Messaggi: 624
Iscritto il: ven dic 11, 2020 11:44 pm
Orientamento: Eterosessuale aromantico
Località: Un braccio verso Pughtown e l’altro verso New Cumberland, per la testa abbiamo qualche problema...

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Athos »

Pdydow_ ha scritto:
dom giu 13, 2021 9:43 pm
Io penso che non è detto che però un aromantico possa non desiderare una relazione romantica, penso che con qualcuno che ti attragga ad esempio mentalmente (come nel mio caso dove mi manca l'attrazione sia sessuale che romantica) potresti iniziare a desiderare qualcosa di diverso, perchè si non hai quegli stimoli romantici automatici ma non è detto che tu non possa desiderarli di tanto in tanto.
Se una persona li prova di tanto in tanto può essere demi o gray romantica ma non aromantica. Comunque penso che una persona aro che desidera una relazione romantica sia come una persona asessuale che vuole fare sesso. L’asessuale se fa sesso è perché prova piacere per l’attività in sé, non perché è attratto sessualmente dalla persona con cui lo sta facendo. Allo stesso modo, chi è aro e desidera una relazione romantica lo fa perché prova interesse per quel tipo di relazione ma non perché è romanticamente attratto dalla persona con cui sta. Cioè non è la persona a fargli scattare il desiderio di una relazione romantica, è un desiderio che ha già di suo.

Athos
Samurai Asexy
Messaggi: 624
Iscritto il: ven dic 11, 2020 11:44 pm
Orientamento: Eterosessuale aromantico
Località: Un braccio verso Pughtown e l’altro verso New Cumberland, per la testa abbiamo qualche problema...

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Athos »

Comunque mi ritrovo molto nella definizione di Sole, non avrei saputo spiegarlo meglio!
Aggiungo solo una cosa sull’amore alterous. Credo che si possa riuscire a capirlo solo dopo averlo provato, perché in astratto è davvero difficile da immaginare. In realtà pure io che l’ho provato non riesco a definirlo a parole, so solo che dopo averlo provato ho saputo distinguerlo dall’amore platonico. Faccio un esempio: consideriamo l’amicizia, l’amore platonico e l’amore alterous e mettiamo ciascuno di loro su un gradino diverso di una scala, posizionandoli in base alla diversa intensità di emozioni e trasporto che ti fanno provare per un’altra persona. Sul gradino più basso c’è l’amicizia, su quello intermedio c’è l’amore platonico e su quello più alto c’è l’amore alterous.

Avatar utente
Pdydow_
Ameba
Messaggi: 66
Iscritto il: gio mar 04, 2021 2:35 am

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Pdydow_ »

Athos ha scritto:
lun giu 14, 2021 12:03 am
Se una persona li prova di tanto in tanto può essere demi o gray romantica ma non aromantica.
Allo stesso modo, chi è aro e desidera una relazione romantica lo fa perché prova interesse per quel tipo di relazione ma non perché è romanticamente attratto dalla persona con cui sta. Cioè non è la persona a fargli scattare il desiderio di una relazione romantica, è un desiderio che ha già di suo.
Secondo me c'è un sottilissimo controsenso qui, dimmi se sbaglio u.u
Cioè... nel senso, che tu lo stia provando per una relazione o persona non li stai difatti provando?
Aspetta ma io non ti parlo di attrazione ma di "desiderare" o comunque provare piacere dalla relazione in qualche modo, semplicemente uno di stato di benessere con quella persona talmente alto da aver voglia di abbracciarla ad esempio.
Io penso che queste definizioni vadano prese in maniera molto generica comunque, secondo me una persona può essere in un modo ma nulla lo vieta di sentirsi diversamente in un caso in particolare.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29080
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Bianca »

C’è sempre un caso particolare.

Perché l’aromanticismo, non esiste.

Avatar utente
Pdydow_
Ameba
Messaggi: 66
Iscritto il: gio mar 04, 2021 2:35 am

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Pdydow_ »

Cioè io l'aromanticismo lo vedo più un modo in cui si vede la realtà e come la si vive; poi gli orientamenti i desideri le attrazioni son tutte cose secondarie che variano secondo questa realtà, non che non esistano ma che vengano solo vissute diversamente, ecco.

Sole
A-ssolutamente Fantastico
Messaggi: 83
Iscritto il: mar mar 30, 2021 12:23 am
Orientamento: Asessuale
Genere: Femmina

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Sole »

Athos ha scritto:
lun giu 14, 2021 12:28 am
Comunque mi ritrovo molto nella definizione di Sole, non avrei saputo spiegarlo meglio!
Aggiungo solo una cosa sull’amore alterous. Credo che si possa riuscire a capirlo solo dopo averlo provato, perché in astratto è davvero difficile da immaginare. In realtà pure io che l’ho provato non riesco a definirlo a parole, so solo che dopo averlo provato ho saputo distinguerlo dall’amore platonico. Faccio un esempio: consideriamo l’amicizia, l’amore platonico e l’amore alterous e mettiamo ciascuno di loro su un gradino diverso di una scala, posizionandoli in base alla diversa intensità di emozioni e trasporto che ti fanno provare per un’altra persona. Sul gradino più basso c’è l’amicizia, su quello intermedio c’è l’amore platonico e su quello più alto c’è l’amore alterous.
Grazie mille! Mi hai aperto un mondo. Era la spiegazione che mi mancava ma che andavo disperatamente cercando.💜

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29080
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Bianca »

Bella questa idea!
Un modo di vedere le cose.

Detto così, mi è più facile comprenderlo.

Anche perché, i modi di fare, le decisioni che si prendono, vengono determinate da come si considera la realtà.

Mariii
Maxi-Mitosi
Messaggi: 260
Iscritto il: gio ott 01, 2020 2:53 pm
Orientamento: Asessuale - Omoromantica
Genere: Femmina

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Mariii »

Bianca ha scritto:
lun giu 14, 2021 9:42 am
C’è sempre un caso particolare.

Perché l’aromanticismo, non esiste.
Non so se darti ragione o torto

Avatar utente
Pdydow_
Ameba
Messaggi: 66
Iscritto il: gio mar 04, 2021 2:35 am

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Pdydow_ »

Okay...ci sono quasi, leggendo il vecchio memorabile e delirante topic sull'aromanticismo sento di star arrivando ad una consapevolezza quasi completa della vicenda.
Grazie ad and e hade il quadro si fa più semplice:
Haderian ha scritto:
gio lug 23, 2015 5:43 pm
AnDieWelt ha scritto:da https://it.wikipedia.org/wiki/Innamoramento (non so quanto è da prendere sul serio)

L'antropologa Helen Fisher, nel 2006, ha scoperto, utilizzando la risonanza magnetica cerebrale su persone innamorate che l’innamoramento è una pulsione che attiva parti del cervello profondo con la produzione di ormoni caratteristici e che può ricondursi a tre separati stati mentali specifici più o meno contemporanei o conseguenziali: desiderio sessuale ( estrogeni, endogeni, endorfine ), amore romantico ( dopamina, norepinefrina, serotonina ), attaccamento ( ossitocina, vasopressina ). Caratteristiche del desiderio sessuale è la promiscuità, dell'amore romantico l'esclusività, dell'attaccamento il desiderio di vicinanza, che possono essere agiti anche con partner diversi nello stesso momento[1].
<<interessante... l'attaccamento di cui si parla potrebbe corrispondere a quella che viene chiamata attrazione sensuale...>>
....<<allora forse ha senso includere l'attrazione sensuale che potrebbe essere anch'essa omo, etero, bi, pan, a, e grazie alla quale una persona aromantica puo' sviluppare "attaccamento" e non innamoramento. quindi qualcosa che puo' essere confuso con l'innamoramento ma che non ha una connotazione romantica pur essendo frutto di un tipo di attrazione. l'attaccamento potrebbe corrispondere alle relazioni queerplatoniche e forse potrebbe corrispondere anche a quella cosa che abbiamo distinto dall'attrazione e che stiamo chiamando desiderio.>>
Prendiamo quindi l'innamoramento e suddividiamolo nelle sue sfaccettature; troviamo quindi 3 tipi di manifestazioni emotive, desiderio sessuale (attrazione fisica sessuale) amore romantico (secondo gli ormoni rilasciati potremmo definirla in entusiasmo/piacere) ed infine il desiderio sensuale (quindi attaccamento e desiderio)

Fatto il quadro della situazione forse nell'aromanticismo potrebbe esserci un modo diverso di manifestare entusiasmo/piacere che viene convenzionalmente usato nelle relazioni, magari questo suo entusiasmo non ha un seguito vero e proprio, più o meno proprio come con il desiderio sessuale, cioè non hai bisogno di manifestarlo nel modo convenzionale..
Ad esempio ricordo il primo messaggio che mi scrisse Bianca (♥) sulla questione asessualità, cioè il mio piacere nel restare in un caldo abbraccio che io definirei più un desiderio sensuale, e non romantico, magari romantico è esaltare quel rapporto (ad esempio festeggiamenti, uscite, urlare in giro per casa l'emozione che si sta provando) ed amore (baci,coccole,apprezzamenti, troppo accentuati) ... insomma una vera e propria manifestazione emotiva e di conseguenza assenza nell'aromantico?

Magari abbiamo sempre inserito anche la mancanza del desiderio sensuale nell'aromanticismo e quindi un po' di confusione e fraintendimenti su ciò che abbiamo provato e proviamo nel caso in qualcuno fosse presente??

Ad esempio: abbraccio (desiderio di vicinanza e quindi sensuale) prolungamento eccessivo dell'abbraccio quasi come un'esaltazione "romantica" (amore romantico) @.@
Okay inizio a delirare la smetto xD
Ultimo esempio e sto zitta, se presenti attrazione sessuale e sensuale definirei quest'insieme come sessuale aromantico(?), e così via...

Ma.. come detto nel post di prima rimango dell'idea che per me l'aromanticismo è un modo di essere e vivere la realtà circostante e tutte le seguenti aggiunte, come l'orientamento e le attrazioni ad esempio, sono secondarie e variano in base al soggetto.

Avatar utente
AnDieWelt
A-frodite
Messaggi: 1220
Iscritto il: mer mag 30, 2012 1:13 am
Orientamento: Dinosauroafricanonotturnocon6
Genere: occhitrapiantatovicinoabrescia

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da AnDieWelt »

Pdydow_ ha scritto:
lun giu 14, 2021 11:51 am
Okay...ci sono quasi, leggendo il vecchio memorabile e delirante topic sull'aromanticismo sento di star arrivando ad una consapevolezza quasi completa della vicenda.
Grazie ad and e hade il quadro si fa più semplice:
Haderian ha scritto:
gio lug 23, 2015 5:43 pm
AnDieWelt ha scritto:da https://it.wikipedia.org/wiki/Innamoramento (non so quanto è da prendere sul serio)

L'antropologa Helen Fisher, nel 2006, ha scoperto, utilizzando la risonanza magnetica cerebrale su persone innamorate che l’innamoramento è una pulsione che attiva parti del cervello profondo con la produzione di ormoni caratteristici e che può ricondursi a tre separati stati mentali specifici più o meno contemporanei o conseguenziali: desiderio sessuale ( estrogeni, endogeni, endorfine ), amore romantico ( dopamina, norepinefrina, serotonina ), attaccamento ( ossitocina, vasopressina ). Caratteristiche del desiderio sessuale è la promiscuità, dell'amore romantico l'esclusività, dell'attaccamento il desiderio di vicinanza, che possono essere agiti anche con partner diversi nello stesso momento[1].
<<interessante... l'attaccamento di cui si parla potrebbe corrispondere a quella che viene chiamata attrazione sensuale...>>
....<<allora forse ha senso includere l'attrazione sensuale che potrebbe essere anch'essa omo, etero, bi, pan, a, e grazie alla quale una persona aromantica puo' sviluppare "attaccamento" e non innamoramento. quindi qualcosa che puo' essere confuso con l'innamoramento ma che non ha una connotazione romantica pur essendo frutto di un tipo di attrazione. l'attaccamento potrebbe corrispondere alle relazioni queerplatoniche e forse potrebbe corrispondere anche a quella cosa che abbiamo distinto dall'attrazione e che stiamo chiamando desiderio.>>
Quindi abbiamo 3 tipi di manifestazioni emotive, desiderio sessuale (attrazione fisica sessuale) amore romantico (secondo gli ormoni rilasciati potremmo definirla in entusiasmo/piacere) ed infine il desiderio sensuale (quindi attaccamento e desiderio)

Fatto il quadro della situazione forse nell'aromanticismo potrebbe esserci un modo diverso di manifestare entusiasmo/piacere che viene convenzionalmente usato nelle relazioni, magari questo suo entusiasmo non ha un seguito vero e proprio, più o meno proprio come con il desiderio sessuale, cioè non hai bisogno di manifestarlo nel modo convenzionale..
Ad esempio ricordo il primo messaggio che mi scrisse Bianca (♥) sulla questione asessualità, cioè il mio piacere nel restare in un caldo abbraccio che io definirei più un desiderio sensuale, e non romantico, magari romantico è esaltare quel rapporto (ad esempio festeggiamenti, uscite, urlare in giro per casa l'emozione che si sta provando) ed amore (baci,coccole,apprezzamenti, troppo accentuati) ... insomma una vera e propria manifestazione emotiva e di conseguenza assenza nell'aromantico?

Magari abbiamo sempre inserito anche la mancanza del desiderio sensuale nell'aromanticismo e quindi un po' di confusione e fraintendimenti su ciò che abbiamo provato e proviamo nel caso in qualcuno fosse presente??

esempio: abbraccio (desiderio di vicinanza e quindi sensuale) prolungamento eccessivo dell'abbraccio quasi come un'esaltazione "romantica" (amore romantico) @.@
Okay inizio a delirare la smetto xD

Ma.. come detto nel post di prima rimango dell'idea che per me l'aromanticismo è un modo di essere e vivere la realtà circostante e tutte le seguenti aggiunte, come l'orientamento e le attrazioni ad esempio, sono secondarie e variano in base al soggetto.
Non collego automaticamente le etichette in uso a determinati fasi o componenti dell'amore - Ma può capitare che in giro si vedano associati come fossero sinonimi amore romantico e passione - Se così fosse, allora si l'amore romantico sarebbe quello che caratterizza l'innamoramento, quella che è descritta come "prima fase" più che l'amore nel suo complesso. In altri casi invece viene inteso come qualcosa di più che altro culturale, modi specifici di viverlo o esprimerlo. Ma queste associazioni non sono necessariamente universalmente corrette, perché ancora, non è un termine tecnico. - anche perché ricordiamo che noi abbiamo tradotto i termini dall'inglese dove il termine romance ha una accezione sua - ossia, generica storia d'amore.


Athos ha scritto:
lun giu 14, 2021 12:28 am
Comunque mi ritrovo molto nella definizione di Sole, non avrei saputo spiegarlo meglio!
Aggiungo solo una cosa sull’amore alterous. Credo che si possa riuscire a capirlo solo dopo averlo provato, perché in astratto è davvero difficile da immaginare. In realtà pure io che l’ho provato non riesco a definirlo a parole, so solo che dopo averlo provato ho saputo distinguerlo dall’amore platonico. Faccio un esempio: consideriamo l’amicizia, l’amore platonico e l’amore alterous e mettiamo ciascuno di loro su un gradino diverso di una scala, posizionandoli in base alla diversa intensità di emozioni e trasporto che ti fanno provare per un’altra persona. Sul gradino più basso c’è l’amicizia, su quello intermedio c’è l’amore platonico e su quello più alto c’è l’amore alterous.
Perdonami Athos, sapresti darmi una definizione di amore platonico o attrazione platonica, e possibilmente farmi sapere dove l'hai ricavata?
Perché i miei dubbi nascono naturalmente anche dal fatto che le informazioni che riesco a ricavare da siti tipo "Aromantic wiki" sono estremamente insufficienti.

Da come lo descrivi è una questione di intensità, quindi l'amore platonico sarebbe qualitativamente identico all'amore romantico, ma meno intenso?
Questo già andrebbe a cozzare per esempio con l'ipotesi sopra.
"Che cos'è la castità? Non è la castità una follia? Ma questa follia venne a noi e noi ad essa. Noi abbiamo offerto a questa ospite albergo e cuore: ora essa dimora in noi - e ci resti finche vuole!"

-Così parlò Zarathustra-

Avatar utente
Pdydow_
Ameba
Messaggi: 66
Iscritto il: gio mar 04, 2021 2:35 am

Re: Una volta per tutte... Che qualcuno ci illumini!

Messaggio da Pdydow_ »

AnDieWelt ha scritto:
lun giu 14, 2021 1:48 pm
Non collego automaticamente le etichette in uso a determinati fasi o componenti dell'amore - Ma può capitare che in giro si vedano associati come fossero sinonimi amore romantico e passione - Se così fosse, allora si l'amore romantico sarebbe quello che caratterizza l'innamoramento, quella che è descritta come "prima fase" più che l'amore nel suo complesso. In altri casi invece viene inteso come qualcosa di più che altro culturale, modi specifici di viverlo o esprimerlo. Ma queste associazioni non sono necessariamente universalmente corrette, perché ancora, non è un termine tecnico. - anche perché ricordiamo che noi abbiamo tradotto i termini dall'inglese dove il termine romance ha una accezione sua - ossia, generica storia d'amore.
Nel senso sto provando a prendere l'innamoramento come completezza delle varie influenze.
Cioè per far si che tu ti possa innamorare ogni di quelle 3 caretteristiche deve essere soddisfatta, ora quelle 3 caratteristiche non sono effettivamente ciò che noi distinguiamo in attrazione sessuale/sensuale/romantica?
io credo che il cervello si autocompensi, quindi anche se non proviamo una o più delle 3 caratteristiche il cervello potrebbe autocompensarle rilasciando quei determinati ormoni in modi che non non definiamo propriamente convenzionali, io credo che chiunque possa innamorarsi e che i requisiti siano ciò che noi suddividiamo per le analisi, o sbaglio?
Ultima modifica di Pdydow_ il lun giu 14, 2021 2:12 pm, modificato 2 volte in totale.

Rispondi