E se è gay? Meglio.

Per tutte le piccole e grandi cose che vi rendono tristi o felici: che cerchiate conforto o vogliate celebrare un successo, questo è il posto giusto!
Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27564
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: E se è gay? Meglio.

Messaggio da Bianca »

Posso scegliere un quarto personaggio?
Sceglierei un gay.
Hai presente il film “Una giornata particolare”?
È stata una gran bella giornata.

Angela108
Mega-Mitosi
Messaggi: 136
Iscritto il: mar giu 02, 2020 7:54 pm

Re: E se è gay? Meglio.

Messaggio da Angela108 »

Bianca ha scritto:
gio feb 18, 2021 6:01 pm
Posso scegliere un quarto personaggio?
Sceglierei un gay.
Hai presente il film “Una giornata particolare”?
È stata una gran bella giornata.
Non l'ho visto, ma ho visto che ha dei grandi attori. :)
Tra l'avere sotto lo stesso tetto un gay o un asessuale, senz'altro parecchie donne sceglierebbero il gay. :)

Alcuni fattori di preoccupazioni piu' elevati in presenza di un gay potrebbero forse essere:

1. Un gay e' prone ad essere piu' internamente irrequieto, piu' combattuto in se stesso, per la discrepanza tra il corpo che ha e le azioni che ha voglia di fare con altri. Sentiamo di queste situazioni ogni giorno... gente che e' confusa, non sanno bene chi sono, che posto hanno nel mondo, con gli altri, con se stessi... Il non-allineamento con la situazione anatomica naturale e' fonte di un certo livello di disagio, cosa che l'asessuale non ha. Quando il gay agisce sessualmente con altri incorre in rischi maggiori per la salute sua e di chi coinvolge. Alcune malattie incubano e anche una semplice respirazione bocca a bocca, se dovesse essere necessaria, ha rischi igienici maggiori se ricevuta da chi e' abituato a praticare attivita' per cui il corpo non e' attrezzato (trasferisce microbi da una parte del corpo all'altra, dove per natura non dovrebbero mai trovarsi.)

2. Un desiderio sessuale che giorno dopo giorno non viene soddisfatto (come quello di un gay senza un uomo col quale soddisfarsi), agita la mente della persona molto di piu' di un desiderio non esistente (asessuale): ribolle, sotto sotto, con una possibilita' piu' elevata di manifestarsi in comportamenti inaspettati, instabili, inaffidabili. La voglia di sesso agisce su alcuni individui come una droga, un piacere di cui e' molto difficile fare a meno, anche per poche settimane.
Malgrado la situazione paritaria che si vuole creare oggigiorno, un genitore che sceglie di affidare un bambino alle cure di un baby-sitter gay, piuttosto che di un asessuale, se dovesse succedere un abuso, anche di fronte a un giudice e a una giuria (che dire agli occhi della vittima... i genitori sbagliano sempre, vero?), riceve delle reazioni accusatorie diverse.
Quando tutto va bene, ok; ma quando qualcosa non va per il verso giusto, si fa appello all'abilita' delle persone di prevedere le situazioni, usando tutti quei segnali anche non-verbali, diciamo d'istinto ed energetici. Sono abilita' piu' o meno sviluppate, utili ad investigatori quando fanno ricerche anche sui crimini piu' complessi. Non e' questione di pregiudizi: viene legalmente attribuito alla sfera dell'osservazione e dell'analisi, del "common sense". Avvocati, giudici, l'accusa e la difesa, ne fanno una professione di questi aspetti.

3. Un gay con comportamento effeminato porta con se' altre questioni: il timbro di voce, il modo di muoversi... aspetti che hanno un certo effetto nelle tecniche di difesa personale e nel combattimento corpo-a-corpo in caso di bisogno vengono messi in gioco (soprattutto nella difesa di vecchi, donne e bambini).
Un asessuale mantiene la sua identita' di uomo e, senza il debole per l'attrazione sessuale, non abbocca facilmente a tante esche, non cade in tante trappole, piu' o meno intenzionali, piu' o meno strategiche, che possono deviare la sua attenzione.

Nello scegliere i "compagni di difficolta'", i compagni di vita (coi suoi alti e bassi), se ci dovessimo trovare sotto lo stesso tetto per un tempo indeterminato, magari in situazioni provanti (come lo sono state nella storia epidemie e guerre), ci sono in ballo quindi tanti criteri interessanti da tenere a mente, ma questa e' solo una semplice opinione. :)

Athos
Mega-Mitosi
Messaggi: 187
Iscritto il: ven dic 11, 2020 11:44 pm
Orientamento: Eterosessuale aromantico
Genere: FtM, pre-T
Località: Un braccio verso Pughtown e l’altro verso New Cumberland, per la testa abbiamo qualche problema...

Re: E se è gay? Meglio.

Messaggio da Athos »

Il punto 3 è un luogo comune. L’identità di genere non c’entra con l’orientamento. Anche un asessuale può avere un comportamento effeminato. Può averlo anche un uomo eterosessuale. Così come una donna etero può avere un comportamento maschile.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27564
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: E se è gay? Meglio.

Messaggio da Bianca »

Ma la volete mettere un’altra M, tirchi!!!!

Angela108
Mega-Mitosi
Messaggi: 136
Iscritto il: mar giu 02, 2020 7:54 pm

Re: E se è gay? Meglio.

Messaggio da Angela108 »

Athos ha scritto:
ven feb 19, 2021 12:31 am
Il punto 3 è un luogo comune.
"3. Un gay con comportamento effeminato "
Mi riferisco qui a un sottogruppo dei gays.

"L’identità di genere non c’entra con l’orientamento."
Di fatto esiste nella mente della maggior parte delle persone un'associazione di idee, tra l'essere gay e un comportamento effeminato: la vediamo espressa in films, in interviste, e guardando un maschio effeminato una persona, dentro di se', e' piu' propensa a concludere, cosi', ad istinto, che "e' gay", piuttosto che etero.

Ecco un esempio, preso da una semplice commedia che ha scene di gays di diversi tipi e che analizza l'approccio sessuale con diversi tipi di persone:


Inoltre, nello scrivere che "Un asessuale mantiene la sua identita' di uomo", stavo prendendo in considerazione l'aspetto del desiderio sessuale e non il problema aggiunto di un'identita' non-allineata.

Sono quindi completamente d'accordo con quello che dici:
"Anche un asessuale può avere un comportamento effeminato."
"Può averlo anche un uomo eterosessuale."
Si'. Abbiamo tutti un misto di qualita' maschili e femminili.

"Così come una donna etero può avere un comportamento maschile."
Questa e' una situazione molto piu' vantaggiosa per la sopravvivenza della donna (per quanto riguarda la sua protezione fisica e abilita' pratiche che puo' mostrare in situazioni difficili) rispetto alla situazione inversa di un uomo con comportamento femminile.

Athos
Mega-Mitosi
Messaggi: 187
Iscritto il: ven dic 11, 2020 11:44 pm
Orientamento: Eterosessuale aromantico
Genere: FtM, pre-T
Località: Un braccio verso Pughtown e l’altro verso New Cumberland, per la testa abbiamo qualche problema...

Re: E se è gay? Meglio.

Messaggio da Athos »

Allora avevo frainteso quello che intendevi dire.

Athos
Mega-Mitosi
Messaggi: 187
Iscritto il: ven dic 11, 2020 11:44 pm
Orientamento: Eterosessuale aromantico
Genere: FtM, pre-T
Località: Un braccio verso Pughtown e l’altro verso New Cumberland, per la testa abbiamo qualche problema...

Re: E se è gay? Meglio.

Messaggio da Athos »

Bianca ha scritto:
ven feb 19, 2021 10:26 am
Ma la volete mettere un’altra M, tirchi!!!!
Mi hai fatto venire i dubbi e ho controllato. Il dizionario mi dà come prima opzione con una M sola, ma si può scrivere anche con due.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27564
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: E se è gay? Meglio.

Messaggio da Bianca »

Mi inchino alle tue ricerche.
Per me ne ha due.

Rispondi