Credete in una religione?

Per le discussioni più serie, di carattere etico, politico, morale, religioso e quant'altro. Si raccomanda la serietà e il rispetto delle opinioni altrui.
Avatar utente
AnDieWelt
A-frodite
Messaggi: 1134
Iscritto il: mer mag 30, 2012 1:13 am
Orientamento: Dinosauroafricanonotturnocon6
Genere: occhitrapiantatovicinoabrescia

Re: Credete in una religione?

Messaggio da AnDieWelt »

Anton ha scritto:
Bianca ha scritto:Tu dici che essendo dei geni, hanno potuto intuire tutti i cambiamenti che sono avvenuti poi ed hanno filosofeggiato tenendone conto?

Se avessero avuto tutta questa preveggenza, ci avrebbero lasciato degli insegnamenti più utili
Capito come la pensate, conta solo la fede nel vostro dio il resto non vale nulla...
Piuttosto che queste sentenze alquanto azzardate, sarei più felice di conoscere il tuo punto di vista in maniera più approfondita, così da favorire il confronto costruttivo
"Che cos'è la castità? Non è la castità una follia? Ma questa follia venne a noi e noi ad essa. Noi abbiamo offerto a questa ospite albergo e cuore: ora essa dimora in noi - e ci resti finche vuole!"

-Così parlò Zarathustra-

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27138
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Bianca »

Anche per me andrebbe meglio continuare il confronto in modo costruttivo, come dice And.

Anton
Membro
Messaggi: 39
Iscritto il: dom giu 11, 2017 3:51 pm
Orientamento: Eterosessuale
Genere: Maschio

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Anton »

O perche non si crede..

Anton
Membro
Messaggi: 39
Iscritto il: dom giu 11, 2017 3:51 pm
Orientamento: Eterosessuale
Genere: Maschio

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Anton »

AnDieWelt ha scritto:
Anton ha scritto:
Bianca ha scritto:Tu dici che essendo dei geni, hanno potuto intuire tutti i cambiamenti che sono avvenuti poi ed hanno filosofeggiato tenendone conto?

Se avessero avuto tutta questa preveggenza, ci avrebbero lasciato degli insegnamenti più utili
Capito come la pensate, conta solo la fede nel vostro dio il resto non vale nulla...
Piuttosto che queste sentenze alquanto azzardate, sarei più felice di conoscere il tuo punto di vista in maniera più approfondita, così da favorire il confronto costruttivo
Cio è dovuto al fatto che non sono molto scolarizzato, e non so scrivere cosi bene, ma ho letto abbstanza ed anche ho un mio parere, cioe non mi faccio influenzare dagli scrittori ma so ad istinto se uno scrive cose giuste oppure cazzate

Anton
Membro
Messaggi: 39
Iscritto il: dom giu 11, 2017 3:51 pm
Orientamento: Eterosessuale
Genere: Maschio

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Anton »

axelay ha scritto:Io credo che le religioni,in modo particolare quella cristiana/cattolica, siano un'insieme di regole dettate dal buon senso per vivere in maniera corretta.
Per "maniera corretta", ci tengo a precisarlo, intendo un modo di vivere che non nuoce a se stessi e ad altri.

Perchè, ad esempio, non posso uccidere una persona? Un tempo, per onore, non si duellava fino alla morte? Che ci sta di male?
In fondo, non è un comportamento naturale, uccidere? È nella nostra natura.

Senza continuare con altri esempi estremi, ma riflettendo su quelli più comuni, più vicini alle nostre realtà, più vicini alla nostra intimità e a ciò che sentiamo dentro, nei nostri desideri più profondi, più segreti, che conosciamo soltanto noi. Dal mentire, all'odiare, allo schernire, dal fare del male gratuito, dall'essere egoisti, al non tollerare....
Tutti "sentimenti", per modo di dire, ma tutti veri e tutti legati alla nostra natura. Li abbiamo provati tutti, almeno una volta nella vita. Perchè fanno parte della nostra natura umana.

E qui sta la grandiosità, la grande saggezza della religione. Cercare di fare andare l'uomo contro la sua natura, perchè sbagliata, perchè forse ancora troppo "animale". Perchè la natura dell'uomo è quella di far danni, a se stesso e a gli altri.
Ma come si può andare contro la propria natura umana? Solo soffrendo, purtroppo.
Ma se si ha "fede", quella sofferenza può diventare anche leggera come una piuma.

In sintesi, guai se non ci fossero le religioni a darci delle regole, giuste o sbagliate che siano.
Un uomo senza regole, guidato soltanto dalla libertà assoluta di fare ciò che vuole, equivale ad una bestia.
Prima o poi ci diventa, è solo una questione di tempo.
Perche i cristiani non hanno mai usato la violenza......? E i crociati, e quanta gente bruciata viva ??!

Avatar utente
Zer0
Membro
Messaggi: 37
Iscritto il: mer ago 26, 2020 2:13 pm
Orientamento: Asessuale Aromantico
Genere: Maschio

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Zer0 »

Ciao, mi ritengo ateo-agnostico. Però mi piace approfondire e indagare argomenti spirituali, esoterici, teosofici ecc. La ritengo una cosa molto stimolante e utile a comprendere quali meccanismi di sintesi della realtà vengono adottati. Il tuo deismo energetico si avvicina ai più moderni movimenti spirituali new age (che pongono le radici principalmente in un buddhismo spirituale). Dove in sostanza c'è questa coscienza universale creatrice che è origine e fine di ogni cosa, e noi (frammenti di essa) siamo giunti sulla terra (dimensione materia 3d) per evolverci spiritualmente e progredire.
Io non abbraccio alcuna corrente mistica per il semplice motivo che non ne ho mai avuto prova diretta, dunque non ho effettivi motivi per crederci. Posso sentire tutti i racconti, le testimonianze e spiegazioni pseudo-filosofiche che vuoi; ma senza esperienza diretta (che molti invece sostengono di avere), non posso prendere per assodate queste teorie. Da qua nasce il mio "orientamento" religioso.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27138
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Bianca »

Questa bella definizione che dai di te significa che per te Dio non esiste e non coltivi nessun interesse nei confronti di credenze che non possono essere dimostrate.

Io credo nella tua onestà intellettuale ma mi viene anche da chiederti perchè ne parli.

Ti serve per rendere più forte un qualcosa su cui hai tanti dubbi?

Personalmente, posso dirti che nella vita la Fede mi è sempre stata di grande aiuto; sono grata a chi l'ha chiesta per me, a chi me l'ha trasmessa, a chi mi ha aiutato a coltivarla.
Ho vissuto qualche piccolo miracolo che mi ha ricordato di essere amata e poi ho sperimentato l'azione/presenza di alcune persone care defunte.
Coincidenze? Può essere ma hanno sempre azzeccato il giorno e l'ora.

L'importante io credo sia vivere in ricerca. Non accontentarsi mai delle cose in cui si crede, sia per chi crede che per chi crede di non credere.

Inoltre, ogni uomo che viene al mondo, ha una legge scritta dentro che caratterizza anche chi nasce e vive nella giungla; se non si segue nessun principio religioso, basta ascoltare ciò che viene da dentro e uniformarsi.

Avatar utente
Zer0
Membro
Messaggi: 37
Iscritto il: mer ago 26, 2020 2:13 pm
Orientamento: Asessuale Aromantico
Genere: Maschio

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Zer0 »

Hai detto cose interessanti. "L'importante io credo sia vivere in ricerca", verissimo, per questo indago argomenti come quelli, e anzi mi sorprendo del fatto che la cosa interessi solo una stretta nicchia di persone, penso siano temi da comprendere per farsi un'opinione solida e chiarire quanto più le proprie idee. E questo vale sempre, l'ignoranza non ti arricchisce, al massimo ti consola.
Il termine che utilizzo, se posto in quella maniera, mi sta effettivamente stretto. Ma non sapevo che includesse la mancanza di ogni interesse nei confronti della materia, per lo meno non lo intendevo così. Citando una definizione dello stesso, "è colui che ritiene che l'esistenza di un dio sia permanentemente inconoscibile o non conosciuta"; e qua mi ci ritrovo, non avendo alcuna prova effettiva della sua esistenza (come scritto prima). Ma non per questo mi precludo l'approfondimento di argomenti che prendo come puro concetto teorico. Nella stessa maniera in cui un ateo studioso di filosofia affronta il pensiero di Kierkegaard, di certo non lo condivide, ma non per questo lo esclude e non lo analizza. Questo faccio io.
Possiamo dire che allora, se proprio serve, mi potrei definire goliardicamente un agnostico "curioso". Non so quale termine possa rappresentare al meglio la mia posizione, che è semplicemente un approccio genuinamente critico e analitico di ciò che vedo, leggo e percepisco.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27138
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Bianca »

L’agnostico crede soltanto nel dimostrabile, quindi, anche la sua curiosità dovrebbe fermarsi di fronte alle cose che richiedono un andare aldilá.

L’ignoranza, sicuramente non arricchisce e chi vi si crogiola non ha neppure lo stimolo a ricredersi.
Meglio una perenne, onesta ricerca, ammantata di umiltà e capace di mettersi in discussione.

Sai cosa penso?
Che la Fede ti mette in grado di fiduciosamente credere, perché ti consente di cogliere quei segnali che altri non colgono.
Non credulone, non cercatore di consolazioni a tutti i costi ma consapevole e convinto sostenitore di quell’Amore che muove il sole e le altre stelle.

Avatar utente
Zer0
Membro
Messaggi: 37
Iscritto il: mer ago 26, 2020 2:13 pm
Orientamento: Asessuale Aromantico
Genere: Maschio

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Zer0 »

Il fatto che io creda solo nel dimostrabile non implica che non possa avere curiosità verso argomenti che analizzano il sovrannaturale e farmi una mia opinione degli stessi. Non vedo il nesso tra le due cose sinceramente. Anzi ritengo sia importante se non fondamentale per poter esprimere una posizione (che sia positiva, negativa, neutrale) sulla materia. Se non approfondisco non potrò mai sapere se qualcosa è dimostrabile o meno, e assumerei un'atteggiamento di chiusura e preclusione che non porta da nessuna parte.

Per il discorso della fede di cui parli, credo sia questione di stati mentali, nel senso più ampio. Tu ti poni in questa condizione, in cui ciò che cogli, consciamente o inconsciamente, lo riconduci a quel dio, a quella forza. Quei segnali che magari un ateo coglie, e interpreta in modo diverso, perché appunto percepisce le cose con uno stato, un'attitudine, differente dalla tua. Non c'è il giusto e lo sbagliato; sono sensazioni.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27138
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Bianca »

Un ateo non può cogliere segni, perché dovrebbe lasciare spazio al soprannaturale, cosa che non gli appartiene.

Se ti incuriosisce ciò che concerne il soprannaturale, devi ammettere che il dogma che fai tuo, che consiste nel credere soltanto al dimostrabile, un pochino vacilla.

Continuare la propria ricerca, vuol dire nutrire dei dubbi e questo conferma che definirsi ateo, è azzardato, perché non ammette dubbi.

Avatar utente
Zer0
Membro
Messaggi: 37
Iscritto il: mer ago 26, 2020 2:13 pm
Orientamento: Asessuale Aromantico
Genere: Maschio

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Zer0 »

Ateo non mi sono definito (l'agnosticismo ateo differisce dall'ateismo puro). Comunque penso che allora sia un problema di etichette, gli abbiamo dato sfumature differenti e magari sono stato poco esaustivo. Faccio prima a dire di essere un curioso indagatore che non crede se non ha i presupposti reali per farlo, così credo che renda meglio nella forma e che lasci spazio a meno interpretazioni.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27138
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Credete in una religione?

Messaggio da Bianca »

Tu sei libero di definirti come vuoi, è a te che devi dare risposte.
Con gli altri ci possono essere scambi di idee ma sono argomenti talmente intimi e personali che ognuno li vive secondo la propria esperienza.
È proprio la libertà di scelta che caratterizza l’uomo, a renderlo unico essere pensante in grado di operare secondo una sua volontà, che è anche quella di crearsi un suo creatore o di negarne l’esistenza: in questo sta la nostra grandezza.

Rispondi