Vegan* Vegetarian* Onnivor*

E statistiche di vario genere.

Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Vegan*
9
15%
Vegetarian*
10
17%
Mangio anche gli animali
41
68%
 
Voti totali: 60

Avatar utente
Matty
Samurai Asexy
Messaggi: 722
Iscritto il: mer dic 30, 2015 6:18 pm
Orientamento: Asex; Romantico
Genere: Maschio
Località: Emilia

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Matty »

AnDieWelt ha scritto: Dai pure il giudizio che senti più in linea con la tua logica a quello che è uno scritto come un altro, ma non eccedere in arroganza a dare tanto credito a quella che è una teoria e da considerarsi come tale colma di lacune ma che a differenza della Bibbia lascia poco spazio alle interpretazioni. E il signor Darwin deve spiegarmi in che modo è più logico che l'evoluzione umana sia frutto del caso e della necessità, quando sarebbe avvenuta unicamente in funzione di sopravvivenza e ci saremmo fermati, in sostituzione ad artigli, alla pietra levigata; ma invece abbiamo costruito Stonehenge.
No no, aspetta, se dici così vuol dire che Darwin non lo hai nemmeno mai sfiorato come argomento!
Tu stai facendo confusione tra evoluzione genetica ed evoluzione culturale.
Darwin, ma anche altri prima di lui, hanno aperto la via verso una verità più probabile e riscontrabile rispetto agli scritti biblici, non mi sento assolutamente di dire che sono sullo stesso piano un profeta che ha scritto i primi passi della Bibbia svariate migliaia di anni fa e un biologo che ha dedicato anni e anni di ricerca per formulare una teoria che tutt'oggi, dopo 150 anni, è ancora in piedi nel mondo scientifico con poche modifiche nonostante i grandi passi avanti della scienza.

L'evoluzione genetica è quella che ha reso possibile l'evoluzione dalla scimmia all'uomo, tramite mutazioni genetiche casuali e rarissime (ma ciò che è molto difficile che si manifesti in un centinaio di anni, è molto probabile che lo faccia in milioni di anni, perché il percorso evolutivo dell'uomo tanto è durato ) e funzionali all'ambiente, nel senso che avvantaggiava quel tipo di animale rispetto agli animali suoi simili e rendeva quel nuovo tipo di forma di vita più competitivo e adatto alla sopravvivenza. In questo caso è quella che ha reso possibile il famoso passaggio Australopiteco -> Homo Abilis -> Homo Erectus -> Homo Sapiens -> Homo Sapiens Sapiens.
In questo senso l'evoluzione scimmia -> uomo è stata fonte del caso, non c'è dubbio, sicuramente ci saranno state altre mutazioni che sono state poco funzionali alla specie e che pertanto non hanno più progredito ulteriormente (uomo di Neanderthal, che comunque è dimostrato che fosse arrivato ad una intelligenza e ad un comportamento "sociale" simile all'Homo Sapiens), questo per farti capire che non c'è stata una mano invisibile e divina che ha portato ad una evoluzione lineare e senza "uscite di pista".
Non c'è nessuna differenza biologica tra un uomo di 100000 anni fa e un uomo odierno, sempre di Homo Sapiens Sapiens si parla, ciò che è diverso è il grado di evoluzione culturale che si è raggiunto, solo e unicamente quello, e per farlo sono stati necessari migliaia e migliaia di anni. Ciò ti rimanda alle varie domande che ti ho fatto su un ipotetico Tarzan, credo che durante la sua vita non combinerebbe molto di più rispetto ad un cavernicolo di 100000 anni fa, non andrebbe oltre al Chopper e forse saprebbe accendere il fuoco.
L'homo Sapiens Sapiens ha una struttura neurale che gli ha permesso di innescare l'evoluzione culturale, anche se già i suoi predecessori avevano una minima capacità di fare ciò. Nulla vieta di pensare che in futuro, quando l'uomo sarà estinto o avrà abbandonato il pianeta, una nuova specie dominerà il pianeta e potrà arrivare ad innescare una evoluzione culturale, se è successo alle scimmie perché non potrebbe succedere di nuovo?
AnDieWelt ha scritto:Liberi di credere a quello che troviamo più logico, siccome sempre di credere si tratta per quanto citi senza fonti prove e percentuali impensabili per il metodo scientifico moderno. E altrettanto liberi di identificarsi con qualcosa di inferiore anziché superiore.

Dove?

Se parli del fatto che la teoria Giudaica della creazione è un mito e pertanto falsa al 100%, se non ti va bene diciamo al 99.999999 %, ok? Ed è ampiamente provato, dalla paleontologia, perché per esempio troviamo resti di specie che l'uomo non hai mai osservato, questo dimostra il fatto che il pianeta non è partito con l'uomo, è tutto un complotto? Sono stati trovati resti di più di un cento milioni di anni fa, e invece non si hanno riscontri di ominidi prima di un milione di anni fa.
Io non capisco perché si ha tanta facilità a negare la veridicità dei miti Greci e Romani (qualcuno crede a Romolo e Remo? conoscete qualcuno che ci crede?), ma anche dei miti di tutte le svariate popolazioni mondiali, ma si fa così tanta fatica anche solo a interrogarsi sulla non veridicità dei miti della propria cultura/religione.

Avatar utente
AnDieWelt
A-frodite
Messaggi: 1220
Iscritto il: mer mag 30, 2012 1:13 am
Orientamento: Dinosauroafricanonotturnocon6
Genere: occhitrapiantatovicinoabrescia

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da AnDieWelt »

Matty ha scritto: No no, aspetta, se dici così vuol dire che Darwin non lo hai nemmeno mai sfiorato come argomento!
Tu stai facendo confusione tra evoluzione genetica ed evoluzione culturale.
Darwin, ma anche altri prima di lui, hanno aperto la via verso una verità più probabile e riscontrabile rispetto agli scritti biblici, non mi sento assolutamente di dire che sono sullo stesso piano un profeta che ha scritto i primi passi della Bibbia svariate migliaia di anni fa e un biologo che ha dedicato anni e anni di ricerca per formulare una teoria che tutt'oggi, dopo 150 anni, è ancora in piedi nel mondo scientifico con poche modifiche nonostante i grandi passi avanti della scienza.
Ma probabile e riscontrabile sulla base di cosa? Visto che hai "calcolato" le probabilità che la genesi come scritta nella bibbia sia inesatta, mi aspetto ora che mi calcoli anche la probabilità che lo sia anche la teoria dell'evoluzione così come presentata, e che illustri quali dati hai utilizzato. Magari non ne esce un risultato troppo diverso chissà.

Parli di piccole modifiche le quali comunque non avrebbero fatto crollare la teoria intera, quando io prima ho dato per interpretabile la Bibbia; Per cui la tua contestazione avrebbe dovuto essere rivolta, in questo caso, non al complesso ma al singolo estratto, siccome è tutto ciò che ho inserito nella discussione.
Per quanto se proprio ti interessa, personalmente continuerò a ritenere in certi aspetti più credibile (non uso il termine probabile) la genesi stessa alla teoria dell'evoluzione.

Mi sembra irrilevante il fatto che "stia ancora in piedi" nella comunità scientifica, per primo perché la verità non è né mutevole, né raggiungibile. Per secondo che non attribuisco nessuna autorità assoluta ad una qualsiasi comunità umana pertanto fallibile, che risieda in Vaticano a Roma o a Ginevra poca la differenza; e tra gli stessi scienziati, dovresti saperlo, temi che hai ripetuto successivamente e dato per scontato (caso e necessità contrapposti a "mano invisibile") sono oggi tutt'altro che fuori discussione.



Matty ha scritto: Non c'è nessuna differenza biologica tra un uomo di 100000 anni fa e un uomo odierno, sempre di Homo Sapiens Sapiens si parla, ciò che è diverso è il grado di evoluzione culturale che si è raggiunto, solo e unicamente quello, e per farlo sono stati necessari migliaia e migliaia di anni. Ciò ti rimanda alle varie domande che ti ho fatto su un ipotetico Tarzan, credo che durante la sua vita non combinerebbe molto di più rispetto ad un cavernicolo di 100000 anni fa, non andrebbe oltre al Chopper e forse saprebbe accendere il fuoco.
Questo discorso avrebbe senso se affidi alla genetica il ruolo di padrona incontrastata dell'universo (poco fa hai usato l'espressione "non c'è dubbio", io dei dubbi non farei mai a meno). E' ancora una volta questione di credere.
E a proposito di questo Tarzan se e dico se quello che affermi è vero e credo abbia bisogno di dimostrazione su un numero soddisfacente di campioni, ma presumiamo sia vero, ovvero che un uomo vissuto tra animali non sviluppa qualità umane, sarebbe ancor più vero e più osservabile il contrario. La differenza sarebbe comunque nel potenziale.



Matty ha scritto: L'homo Sapiens Sapiens ha una struttura neurale che gli ha permesso di innescare l'evoluzione culturale, anche se già i suoi predecessori avevano una minima capacità di fare ciò. Nulla vieta di pensare che in futuro, quando l'uomo sarà estinto o avrà abbandonato il pianeta, una nuova specie dominerà il pianeta e potrà arrivare ad innescare una evoluzione culturale, se è successo alle scimmie perché non potrebbe succedere di nuovo?
Mai escluso che l'evento sia ripetibile o che possa esistere già un fratello dell'uomo da qualche altra parte nel nostro universo infinito ed increato; Tutto ciò a cui possiamo fare riferimento sono le specie già conosciute.



Matty ha scritto: Io non capisco perché si ha tanta facilità a negare la veridicità dei miti Greci e Romani (qualcuno crede a Romolo e Remo? conoscete qualcuno che ci crede?), ma anche dei miti di tutte le svariate popolazioni mondiali, ma si fa così tanta fatica anche solo a interrogarsi sulla non veridicità dei miti della propria cultura/religione.
Le credenze sono inevitabilmente condizionate dalla cultura personale o collettiva, comprese le tue. Non mi stupirei se fra millenni o verosimilmente molto meno, i posteri guarderanno a quelle che oggi chiami certezze dall'alto verso il basso, alla luce dei progressi o meglio spostamenti del punto di vista siccome la verità non è mutevole né raggiungibile sono e saranno per sempre semplici tentativi di dare risposte con l'infinitamente poco che abbiamo tra le mani.
"Che cos'è la castità? Non è la castità una follia? Ma questa follia venne a noi e noi ad essa. Noi abbiamo offerto a questa ospite albergo e cuore: ora essa dimora in noi - e ci resti finche vuole!"

-Così parlò Zarathustra-

Avatar utente
Matty
Samurai Asexy
Messaggi: 722
Iscritto il: mer dic 30, 2015 6:18 pm
Orientamento: Asex; Romantico
Genere: Maschio
Località: Emilia

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Matty »

AnDieWelt ha scritto:
Ma probabile e riscontrabile sulla base di cosa? Visto che hai "calcolato" le probabilità che la genesi come scritta nella bibbia sia inesatta, mi aspetto ora che mi calcoli anche la probabilità che lo sia anche la teoria dell'evoluzione così come presentata, e che illustri quali dati hai utilizzato. Magari non ne esce un risultato troppo diverso chissà.

Parli di piccole modifiche le quali comunque non avrebbero fatto crollare la teoria intera, quando io prima ho dato per interpretabile la Bibbia; Per cui la tua contestazione avrebbe dovuto essere rivolta, in questo caso, non al complesso ma al singolo estratto, siccome è tutto ciò che ho inserito nella discussione.
Per quanto se proprio ti interessa, personalmente continuerò a ritenere in certi aspetti più credibile (non uso il termine probabile) la genesi stessa alla teoria dell'evoluzione.

Mi sembra irrilevante il fatto che "stia ancora in piedi" nella comunità scientifica, per primo perché la verità non è né mutevole, né raggiungibile. Per secondo che non attribuisco nessuna autorità assoluta ad una qualsiasi comunità umana pertanto fallibile, che risieda in Vaticano a Roma o a Ginevra poca la differenza; e tra gli stessi scienziati, dovresti saperlo, temi che hai ripetuto successivamente e dato per scontato (caso e necessità contrapposti a "mano invisibile") sono oggi tutt'altro che fuori discussione.
Io non ho calcolato nulla, ho detto solo che la teoria del "è tutto comparso all'improvviso" è falsa, le prove sono innumerevoli, solo chi non vuole vederle può continuare a negare. I Dinosauri per te sono una bufala? E' tutto un complotto a livello mondiale? Che cosa ci fanno quelle immense impronte di scheletri centinaia di metri sottoterra? E tutte le altre razze scomparse, di cui l'uomo non ha nessuna cronaca, nemmeno nelle pitture rupestri? Le altre razze ominidi come si spiegherebbero? Il buon Dio è stato così cattivo da dare maggiori mezzi ad alcuni (Homo Sapiens) e minori ad altri (Neanderthal)?
La datazione di questo pianeta è attorno ai 4/5 Miliardi di anni, perché l'uomo non c'è da tutto questo tempo? Ci siamo scordati di essere in vita da così tanto tempo?


Tutt'altro che fuori discussione? Perché non vai a cercare le percentuali di scienziati che appoggiano l'evoluzionismo? Sono tutti dei fanatici anti-creazionisti? Non sanno qualcosa che tu sai? Qualsiasi teoria è osteggiata da qualcuno (pensa che c'è pure gente che nega il Medioevo e la Storia Greca e Romana), ma questo non la rende necessariamente poco affidabile.
Per coerenza dovresti rifiutare tutte le cure mediche, tanto non sono cose certe, no? C'è chi contesta l'efficacia di molte cure, questo rende plausibile la loro inefficacia? C'è chi ci lascia la pelle per un farmaco che alla maggior parte della gente fa bene, sarebbe coerente rifiutarlo, no?
E poi il fatto che qualsiasi verità è irraggiungibile è veramente il colmo, migliaia di anni fa non era per nulla scontata la teoria eliocentrica, soprattutto per i mezzi a disposizione, oggi è una verità accettata anche dalla Chiesa. O hai dubbi anche sul fatto che la Terra giri attorno al Sole? C'è chi la osteggia questa teoria, è sufficiente per dubitarne? Vai a leggere qualche teoria anti-eliocentrica, sembrano barzellette!
AnDieWelt ha scritto:Questo discorso avrebbe senso se affidi alla genetica il ruolo di padrona incontrastata dell'universo (poco fa hai usato l'espressione "non c'è dubbio", io dei dubbi non farei mai a meno). E' ancora una volta questione di credere.
E a proposito di questo Tarzan se e dico se quello che affermi è vero e credo abbia bisogno di dimostrazione su un numero soddisfacente di campioni, ma presumiamo sia vero, ovvero che un uomo vissuto tra animali non sviluppa qualità umane, sarebbe ancor più vero e più osservabile il contrario. La differenza sarebbe comunque nel potenziale.
Eh? Temo di non capire, pure la genetica confuti ora?
AnDieWelt ha scritto:Le credenze sono inevitabilmente condizionate dalla cultura personale o collettiva, comprese le tue. Non mi stupirei se fra millenni o verosimilmente molto meno, i posteri guarderanno a quelle che oggi chiami certezze dall'alto verso il basso, alla luce dei progressi o meglio spostamenti del punto di vista siccome la verità non è mutevole né raggiungibile sono e saranno per sempre semplici tentativi di dare risposte con l'infinitamente poco che abbiamo tra le mani.
Le credenze sarebbero da riferire solo a chi crede dogmaticamente alle cose, io non credo alla teoria evoluzionista, la ritengo estremamente soddisfacente e completa a riguardo della spiegazione di come le specie animali mutino. Al massimo si può credere a Babbo Natale, o alla Befana, o, perché no, a Dio (lo avete mai visto? avete prove dell'esistenza? Ci si crede ciecamente e dogmaticamente, no?). La scienza almeno fornisce prove di ciò che dice, ed è estremamente riduttivo dire di "credere" ad una tesi scientifica. Se avessi detto di credere al teorema di De l'Hopital mi avrebbero bocciato all'esame di analisi, hanno voluto la dimostrazione!

Avatar utente
AnDieWelt
A-frodite
Messaggi: 1220
Iscritto il: mer mag 30, 2012 1:13 am
Orientamento: Dinosauroafricanonotturnocon6
Genere: occhitrapiantatovicinoabrescia

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da AnDieWelt »

Matty ha scritto:

Io non ho calcolato nulla, ho detto solo che la teoria del "è tutto comparso all'improvviso" è falsa, le prove sono innumerevoli, solo chi non vuole vederle può continuare a negare. I Dinosauri per te sono una bufala? E' tutto un complotto a livello mondiale? Che cosa ci fanno quelle immense impronte di scheletri centinaia di metri sottoterra? E tutte le altre razze scomparse, di cui l'uomo non ha nessuna cronaca, nemmeno nelle pitture rupestri? Le altre razze ominidi come si spiegherebbero? Il buon Dio è stato così cattivo da dare maggiori mezzi ad alcuni (Homo Sapiens) e minori ad altri (Neanderthal)?
La datazione di questo pianeta è attorno ai 4/5 Miliardi di anni, perché l'uomo non c'è da tutto questo tempo? Ci siamo scordati di essere in vita da così tanto tempo?
Leggi con più attenzione :roll: Rifiutando la teoria dell'evoluzione non significa automaticamente che accetto in blocco o prendo alla lettera la versione biblica della creazione. Puoi smettere di fare congetture.
Matty ha scritto: Tutt'altro che fuori discussione? Perché non vai a cercare le percentuali di scienziati che appoggiano l'evoluzionismo? Sono tutti dei fanatici anti-creazionisti? Non sanno qualcosa che tu sai? Qualsiasi teoria è osteggiata da qualcuno (pensa che c'è pure gente che nega il Medioevo e la Storia Greca e Romana), ma questo non la rende necessariamente poco affidabile.
Non stavo parlando dell'evoluzionismo nello specifico ma un discorso più ampio. Probabilmente sopravvaluti la conoscenza umana se credi che le verità che ci offrono in qualsiasi campo siano così solide. Dubitare è sempre un atteggiamento costruttivo, storici e scienziati seri lo fanno continuamente.


Matty ha scritto: Per coerenza dovresti rifiutare tutte le cure mediche, tanto non sono cose certe, no? C'è chi contesta l'efficacia di molte cure, questo rende plausibile la loro inefficacia? C'è chi ci lascia la pelle per un farmaco che alla maggior parte della gente fa bene, sarebbe coerente rifiutarlo, no?
:lol: fammi capire, coerente per cosa?
Io non ho mai detto che se una cosa è incerta è automaticamente falsa; Semplicemente anziché in verità e falsità assolute cerco di dividere in cose a cui ho motivo di credere e cose a cui non ho motivo di credere.
Così sarei anche preparato alla traumatica eventualità di dover cambiare idea.
Matty ha scritto: E poi il fatto che qualsiasi verità è irraggiungibile è veramente il colmo, migliaia di anni fa non era per nulla scontata la teoria eliocentrica, soprattutto per i mezzi a disposizione, oggi è una verità accettata anche dalla Chiesa. O hai dubbi anche sul fatto che la Terra giri attorno al Sole? C'è chi la osteggia questa teoria, è sufficiente per dubitarne? Vai a leggere qualche teoria anti-eliocentrica, sembrano barzellette!
Confermo, la verità esiste ma è irraggiungibile, al massimo avvicinabile. Ma come facciamo ad essere sicuri di esserci vicini?

E' solo una conferma che se Galileo non avesse mai dubitato delle "verità" del tempo, sarebbe passato ancora un bel po' prima che ci rendessimo conto di quanto eravamo ignoranti. La teoria eliocentrica ha impiegato oltre un millennio per essere compresa ed accettata, ed oggi non siamo tanto meno ignoranti che allora. Deridere chi ha un punto di vista diverso dal nostro è un atteggiamento Tolemaico. Limitati a non credergli.

Matty ha scritto: Eh? Temo di non capire, pure la genetica confuti ora?
Sono previste sanzioni civili, penali, reato di vilipendio o santa inquisizione?
In caso contrario confermo quanto detto in precedenza.


Matty ha scritto: Le credenze sarebbero da riferire solo a chi crede dogmaticamente alle cose, io non credo alla teoria evoluzionista, la ritengo estremamente soddisfacente e completa a riguardo della spiegazione di come le specie animali mutino. Al massimo si può credere a Babbo Natale, o alla Befana, o, perché no, a Dio (lo avete mai visto? avete prove dell'esistenza? Ci si crede ciecamente e dogmaticamente, no?). La scienza almeno fornisce prove di ciò che dice, ed è estremamente riduttivo dire di "credere" ad una tesi scientifica. Se avessi detto di credere al teorema di De l'Hopital mi avrebbero bocciato all'esame di analisi, hanno voluto la dimostrazione!
Sono piuttosto sicuro che quasi chiunque ritenga estremamente soddisfacente e coerente ciò in cui crede, perfino Al-Baghdadi.
Non ho nulla in contrario a quello in cui tu credi seguendo la tua logica, ma accetta che anche la scienza non è mai infallibile: gli stessi scienziati lo sanno, pure se qualche volta se lo dimenticano.
Altrimenti diventa una ideologia come un'altra.

Se una cosa non la capisci non significa automaticamente che sia falsa.
E se non è dimostrabile oggi, potrebbe divenire evidente domani stesso. Cosa affermeresti? Che è cambiata la verità?
"Che cos'è la castità? Non è la castità una follia? Ma questa follia venne a noi e noi ad essa. Noi abbiamo offerto a questa ospite albergo e cuore: ora essa dimora in noi - e ci resti finche vuole!"

-Così parlò Zarathustra-

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29083
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Bianca »

"Se una cosa non la capisci, non significa automaticamente che sia falsa"

No, non è detto che sia falsa, ma tu diffida, probabilmente ti stanno fregando, soprattutto se sei in banca e la "cosa" è un investimento.

Avatar utente
Matty
Samurai Asexy
Messaggi: 722
Iscritto il: mer dic 30, 2015 6:18 pm
Orientamento: Asex; Romantico
Genere: Maschio
Località: Emilia

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Matty »

Mi piacerebbe tanto sapere se quello che pensi lo pensi per partito preso o se hai effettivamente studiato le cose che confuti, anche al di fuori del contesto scolastisco (come per esempio io ho fatto), perché altrimenti é uno scetticismo dettato solo dal pensiero "la veritá è irraggiumgibile", che non è assolutamente applicabile a tutto e anziché incoraggiare la scienza la ostacola, si sono raggiunte alcune veritá, quelle per le quali ci sono i mezzi per indagare.

Il fatto di non rispettare chi ritiene vero il geocentrismo OGGI ci sta assolutamente, perché non si tratta di una opinione, é una bugia, punto. Dire che il cielo é verde o che 2+2=5 non sono catalogabili come opinioni, o punti di vista, sennò qualsiasi discorso va allo sfascio.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29083
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Bianca »

Tu pensa a che punto sono arrivati questi due amici per stabilire che i vegani.......

Avatar utente
AnDieWelt
A-frodite
Messaggi: 1220
Iscritto il: mer mag 30, 2012 1:13 am
Orientamento: Dinosauroafricanonotturnocon6
Genere: occhitrapiantatovicinoabrescia

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da AnDieWelt »

Matty ha scritto:Mi piacerebbe tanto sapere se quello che pensi lo pensi per partito preso o se hai effettivamente studiato le cose che confuti, anche al di fuori del contesto scolastisco (come per esempio io ho fatto), perché altrimenti é uno scetticismo dettato solo dal pensiero "la veritá è irraggiumgibile", che non è assolutamente applicabile a tutto e anziché incoraggiare la scienza la ostacola, si sono raggiunte alcune veritá, quelle per le quali ci sono i mezzi per indagare.

Il fatto di non rispettare chi ritiene vero il geocentrismo OGGI ci sta assolutamente, perché non si tratta di una opinione, é una bugia, punto. Dire che il cielo é verde o che 2+2=5 non sono catalogabili come opinioni, o punti di vista, sennò qualsiasi discorso va allo sfascio.
Sempre premettendo che avere una opinione, essere critici e scettici è sempre legittimo, immagino non ci sia bisogno che ti spieghi, essendo tu preparato, in che modo questo tuo intervento non contraddice soltanto "me"; ma parte non indifferente della scienza & filosofia moderna (e non) a partire da Albert Einstein.
"Che cos'è la castità? Non è la castità una follia? Ma questa follia venne a noi e noi ad essa. Noi abbiamo offerto a questa ospite albergo e cuore: ora essa dimora in noi - e ci resti finche vuole!"

-Così parlò Zarathustra-

Avatar utente
Matty
Samurai Asexy
Messaggi: 722
Iscritto il: mer dic 30, 2015 6:18 pm
Orientamento: Asex; Romantico
Genere: Maschio
Località: Emilia

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Matty »

La scienza moderna ha spostato il suo target sull'infinitamente piccolo, sull'infinitamente lontano, sull'infinitamente veloce, e non ha smentito la fisica classica, ha solo messo dei paletti di validitá. Io non penso proprio che Newton quando formulò F=m a pensasse alle particelle di massa trascurabile a velocitá della luce, non sapeva nemmeno cosa fossero. La sua teoria rimane vera in ambiti fisici non estremi e nemmeno ipotizzabili nel '600, ciò non vuol dire che la teoria é stata smentita e che la veritá non è stata raggiunta, anzi, la fisica classica è un capitolo chiuso proprio perché si ritiene di aver scoperto tutto nel suo ambito.


Essere scettici è legittimo SE si sa di cosa si sta parlando, se lo si ha studiato, io mai mi riterrei scettico sul Keynesismo, dato che il massimo di economia che ho fatto sono state 60 ore sui bilanci aziendali. Infatti si può essere critici solo se si ha ben presente l'argomento di cui si parla, le prove che vengono portate e via dicendo, se si ha una prova o una motivazione di esserlo, altrimenti non si é scettici, si é un gradino sotto.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29083
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Bianca »

CvD

Questa è la dimostrazione che se tocchi un vegano, finisci nella pazzia totale.
MOOOOOOOOOOOOOOOD!!!!!!!

Avatar utente
Edward
AVENita di Classe A
Messaggi: 2738
Iscritto il: mar dic 09, 2014 10:49 pm
Orientamento:
Genere: f

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Edward »

Io invece avrei una domanda per Haderian e per gli altri eventuali vegani che passeranno di qui.
Quando di parla di vegani si pensa subito al cibo, ma penso ci siano tanti altri fattori che riguardano il mondo vegan, perché molti prodotti di consumo contengono sostanze o componenti animali.
Mi domando dunque come cambia la vita di una persona che abbraccia la scelta vegana, al di lá del cambio di dieta.
Per esempio, a volte penso che se dovessi scegliere questa via, cambierebbe anche il mio modo di dipingere, perché molti materiali pittorici contengono estratti animali.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29083
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Bianca »

Bella domanda!
Penso che se davvero vuoi essere coerente, non ti salvi più.

Avatar utente
Edward
AVENita di Classe A
Messaggi: 2738
Iscritto il: mar dic 09, 2014 10:49 pm
Orientamento:
Genere: f

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Edward »

Bianca ha scritto:Bella domanda!
Penso che se davvero vuoi essere coerente, non ti salvi più.
Bianca, mi fai venire in mente che la domanda potrebbe essere fraintesa: non c'è un sottotesto del tipo "perché allora se volete essere coerenti dovete applicarlo anche a questo e quest'altro", è una domanda proprio sincera. Per me, già eliminare la carne e tutti i derivati di origine animale dal cibo fa già tanto la differenza. Immagino che sia però molto complicato estendere a una serie di altre cose, come per esempio le medicine. Mi piacerebbe sapere come cambia la vita di una persona che prende una strada vegana in senso stretto. Sicuramente aumenta tantissimo la consapevolezza su ciò che si consuma, un po' come succede a chi ha allergie o intolleranze.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29083
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Bianca »

Infatti è per questo che risultano essere i più recenti clienti degli psicologi...

Avatar utente
Edward
AVENita di Classe A
Messaggi: 2738
Iscritto il: mar dic 09, 2014 10:49 pm
Orientamento:
Genere: f

Re: Vegan* Vegetarian* Onnivor*

Messaggio da Edward »

Leggendo qualche articolo ho capito che in linea generale i vegani evitano di partecipare allo sfuttamento animale, ma farlo totalmente sarebbe impossibile, dunque é da prendere come "nei limiti del possibile". Credo sia possibile che ci siano delle persone che esagerano in tal senso, controllando ogni cosa fino allo sfinimento. Immagino facciano parte di quelle minoranze un po' ai limiti, ma che fanno notizia dunque agli occhi del mondo appaiono più numerosi di quello che sono davvero.
Per esempio, se io fossi vegana probabilmente cercherei di non usare il pigmento di rosso carminio che viene fatto con certi insetti, prenderei un surrogato inorganico. Ma non riuscirei mai a sostituire i pennelli di setola animale con quelli sintetici, perché non hanno le stesse peculiarità. Non penso ne farei una malattia, anche perché un pennello non é così poco duraturo da comprarne a decine ogni anno.
Le persone vegane che ho conosciuto si limitano alla dieta e allo scegliere tessuti sintetici o vegetali.

Rispondi