Individualisti: come riempite la solitudine?

Tutto quel che vi passa per la testa, senza restrizioni!
Raffynato
Ameba
Messaggi: 53
Iscritto il: dom mar 07, 2021 6:00 pm
Orientamento: Demisessuale Etero
Genere: Maschio
Località: Lombardia

Re: Individualisti: come riempite la solitudine?

Messaggio da Raffynato »

Invididualista non è sinonimo di solo o solitudine.
L individualista è colui che fa da se e per se, non è per forza egoista ma una persona che ha più uno spirito di indipendenza.
La solitudine può avere un significato positivo oppure negativo, a seconda del punto di vista.
Se la solitudine vuol dire isolamento quindi una noia è l aspetto negativo.
Se la solitudine è dedicare del tempo a se stessi e staccare dall esterno o dal gruppo è un momento di gioia e di ricarica.
L individualista è un solista ma non un solitario.
Il solitario lo è per temperamento tipo introverso ma anche qui può essere uno stile di vita oppure un disagio.
Buona vita !!!!

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29090
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Individualisti: come riempite la solitudine?

Messaggio da Bianca »

individualista non è esattamente un complimento.
Si dice di persona incapace, ad esempio, di lavorare in team, di collaborare nel costruire, di dare il meglio di sè sapendo che poi, il merito sarà di tutti.

La sua incapacità la si può anche chiamare indipendenza.
L’individualista è un egoista?
Non necessariamente, piuttosto potrebbe essere una persona che tende a considerarsi perfetta e pensa che nessuno possa fare le cose come le fa lei.
Quindi, grande sfiducia nel prossimo che non viene ritenuto all’altezza.

L’individualista cerca la solitudine per ricaricarsi ma anche al solista viene richiesto di suonare con l’orchestra.

Axel J
Junior
Messaggi: 7
Iscritto il: ven lug 30, 2021 10:53 pm

Re: Individualisti: come riempite la solitudine?

Messaggio da Axel J »

È una questione di dosi.
Chi non è un minimo individualista non ha personalità.
Chi è troppo individualista cade nella megalomania.

Lo stesso vale per la solitudine.
Chi sa stare da solo si riempie, quindi ha qualcosa da donare agli altri.
Chi non sa stare da solo diventa un ladro di energie quando è in compagnia.

Dosare gli aspetti crea equilibrio.
Come alba e tramonto, quando luce e buio sono in equilibrio, quindi tempi di armonia e contemplazione.

Il punto è che non è facile :-)

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29090
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Individualisti: come riempite la solitudine?

Messaggio da Bianca »

Individualista, è sempre un po’ sinonimo di egoista.
Nel senso che chi è caratterizzato da questo aspetto, è portato a pensare solo a se stesso, nel suo ritenere che gli altri sono sempre un gradino più in basso e quindi, immeritevoli di attenzioni.

L’individualista, in genere, ritiene di poter fare tutto da solo, non ha bisogno dell’aiuto degli altri e se sbaglia, può prendersela solo con se stesso.
Può essere un vantaggio ma se a lungo andare ci si accorge di aver fatto più errori di quanti se ne sono evitati, è difficile a quel punto cambiare e non resta che perdurare in un individualismo che, ormai, è diventato regola di vita.

Personalmente, ho sempre ritenuto più piacevole la condivisione ma ognuno è fatto a modo suo e il giusto non è mai da una parte sola.

C’è da dire che nell’individualista è molto sviluppata la presunzione di fare sempre la cosa giusta, che si tratti dell’ambito lavorativo o di quello privato.
Ciò può creare nemici o comunque, non rendere facili i rapporti sociali.

Ma all’individualista che importa?

Rispondi