Individualisti: come riempite la solitudine?

Tutto quel che vi passa per la testa, senza restrizioni!
Avatar utente
Zer0
A-ssolutamente Fantastico
Messaggi: 75
Iscritto il: mer ago 26, 2020 2:13 pm
Orientamento: Asessuale Aromantico
Genere: Maschio

Re: Individualisti: come riempite la solitudine?

Messaggio da Zer0 »

Non è qualcosa che cerco di "riempire", mi trovo a mio agio in solitudine, la prediligo alla compagnia. Forse per indole, carattere, sono così da sempre. In compagnia non riesco a stare in quell'equilibrio che posso avere da solo, quella tranquillità (relativa) che con altri mi è impossibile avere. Nel tempo libero mi piace fruire di vari contenuti online, talvolta leggo o seguo qualche serie che mi interessa.
Ti dirò di più, prima ero solito frequentare siti di discussione-cazzeggio, simil-chat, in cui ero attivo. Ma a lungo andare mi sono stufato, mi dava più noia che altro. Pertanto anche virtualmente non ho interazioni, eccezion fatta per questo sito e qualche sporadica discussione su youtube.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 28037
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Individualisti: come riempite la solitudine?

Messaggio da Bianca »

Certamente chi predilige la solitudine è perché ha un carattere delineato in questo senso.
Intendo chi preferisce star solo per scelta, spesso e volentieri.

La solitudine non si riempie, si gestisce.
Funziona così sia per chi è solo per scelta, che per chi lo è per circostanze.
Vale sempre ciò che avrebbe dovuto essere, secondo il Manzoni, per la monaca di Monza: fare di necessità, virtù.
Quindi, non ripiego, non riempimento forzato fino allo stordimento, non rabbia repressa, non lacrime trattenute, non noia pesante e infruttuosa ma: virtú.

Che meraviglia esserne sempre capaci!
Ma è anche questione di esercizio.
Abbiamo tante cose che ci permettono di trascorrere ore in attività piacevoli e utili o semplicemente rilassanti.
Il tempo è un mezzo, il trascorrerlo bene, una possibilità.

Cancellare la parola “noia” rappresenta già una situazione vincente; dimenticare il rammarico, è il secondo passo; agire con ottimismo deve accompagnare tutti i passi successivi.

Buona settimana!

Rispondi