Demisessuale ed eteroromantica, come trovare partner adatto?

Per tutto ciò che riguarda coloro che si sentono "a metà" tra sessuali e asessuali: grey-A e demisessuali.
Rispondi
reginadelmambo
Newbie
Messaggi: 2
Iscritto il: mar giu 13, 2017 12:45 am
Genere: Femmina

Demisessuale ed eteroromantica, come trovare partner adatto?

Messaggio da reginadelmambo »

Salve,

sono qui perché ho scoperto da pochissimo la parola "demisessuale" e ne sono molto incuriosita dal momento che credo di esserlo.

Non ho mai provato infatti attrazione fisica per uno sconosciuto, o meglio un'attrazione tale da desiderare concretamente di avere un rapporto sessuale. Riconosco una persona possa corrispondere ai miei canoni di bellezza, o caratteriali, se ho modo di notarli, ma quest'apprezzamento non sfocia mai nel desiderio vero e proprio. Con qualcuno (ma è rarissimo) posso spingermi al massimo alla fantasia erotica, ad immaginarmi cioè in un rapporto con lui, ma se questa persona dovesse propormi poi effettivamente un rapporto, così di punto in bianco, non lo farei mai. Ma non perché "non è serio avere rapporti sessuali con sconosciuti", ma perché mi passerebbe proprio all'istante qualsiasi attrazione, non essendoci stata prima una conoscenza.

Si può definire demisessualità a tutti gli effetti questa?

Per farvi avere un quadro più completo, aggiungo inoltre che credo di essere totalmente eteroromantica, forse iper. Quindi non solo un uomo devo conoscerlo bene perché desideri concretamente di avere un rapporto sessuale con lui, ma devo anche percepire in lui una progettualità di coppia, e devo esserne convinta a mia volta che con quella persona possa esserci una relazione sentimentale concreta e duratura.

Insomma, è un bel casino. Ma non tanto nel riuscire ad avere rapporti sessuali, perché in fin dei conti vivo tranquillamente la mia vita da single, non essendo praticamente mai alla ricerca di sesso e non sentendone assolutamente la mancanza. Mi manca però fare sesso con un partner, avere un compagno di vita, qualcuno con cui progettare, e realizzare, una vita di coppia. E poi ovviamene farci sesso.

E qui sta la mia seconda richiesta di "aiuto", oltre che nel riuscire a definire meglio la mia natura. Come trovare un partner adatto a me?

Nelle precedenti relazioni che ho avuto (una sola sessuale), i miei partner erano del tutto sessuali. Non ho mai avuto problemi a relazionarmi con loro, ma confesso di aver faticato non poco ad accettare il loro "istinto animale" che li induceva ad essere attratti sessualmente anche da altre donne pur stando con me. Per me era un sintomo di mancanza d’amore, perché, vedendo il mondo dal mio punto di vista, credevo di non provare mai interesse per altri perché amavo il mio partner, e mi aspettavo questo nell'altro. Ora ho capito invece che quella era semplicemente la loro natura.

Per riassumere quindi mi chiedo:

- "cosa sono" di preciso? Demi, grey, o "semplicemente" un po' timida nelle relazioni fisiche interpersonali?
- con che partner è meglio relazionarmi? Nel senso, sarebbe forse meglio scegliere persone con la mia stessa natura? E se sì, dove/come le trovo "nella vita reale"?

Non so se è per il fatto di avere quasi trent'anni e di avere la classica paura di rimanere "sola" nella vita, o se è per la recente fine della mia passata relazione che mi fa vedere tutto con un velo di tristezza e malinconia, ma è un periodo di gran disagio per me. Ho tantissima voglia di innamorarmi di nuovo, di trovare il mio compagno di vita, di costruire con lui una famiglia (preciso: non a tutti costi e con chiunque, solo purché "mi sistemi". Ma il desiderio innegabilmente lo sento), ma come faccio se, a causa di questa mia natura, sono così "selettiva", e non provo interesse praticamente per nessuno di quelli che incontro? Come devo pormi quindi con l'altro sesso per soddisfare il mio bisogno? Banalmente, cosa devo fare? Frequentare locali, bar, compagnie, o peggio discoteche, non aiuta affatto, anzi mi deprime ancor di più, perché il "prendiamoci un caffè" fine a se stesso, o con puri scopi sessuali, non mi interessa.

Confido in una vostra mano per capire meglio chi sono e cosa voglio, e per tornare presto a guardare di nuovo la vita con ottimismo.

Grazie anticipatamente.

Avatar utente
Nubes
A-ssolutamente Fantastico
Messaggi: 88
Iscritto il: sab apr 29, 2017 2:39 pm
Orientamento: Eteroromantico
Genere: Maschio
Località: Su tra le montagne

Re: Demisessuale ed eteroromantica, come trovare partner ada

Messaggio da Nubes »

Ciao regina,
visto che mi sono posto anch'io domande simili recentemente provo a darti una risposta basata sulle mie riflessioni.

Da come parli del tuo modo di vivere una relazione mi sembri senza dubbio demisessuale. Il fatto che non provi desiderio finché non conosci approfonditamente l'altra persona mi fa escludere che si tratti di una semplice timidezza, visto che in quel caso il desiderio ci sarebbe ma ti sentiresti frenata nell'esprimerlo. Inoltre un grey è, semplificando al massimo, un asessuale con delle eccezioni occasionali. Tu invece quando descrivi il rapporto che desideri includi il sesso come una parte integrante di esso, tanto importante da citarlo due volte. Per questo motivo credo che nemmeno l'area grigia sia adatta a rappresentare la tua situazione.
In base a tutto questo non ho dubbi sul fatto che il concetto di demisessualità sia quello che ti descrive meglio.

Sul tipo di partner con cui è meglio relazionarti preferisco lasciare la parola a chi ha già fatto tentativi simili.
Personalmente sono convinto che esprimere interesse per altre persone nel corso di una relazione non sia normale nemmeno per un sessuale, perché va contro ogni minimo senso di rispetto per il partner. Probabilmente non è nemmeno una questione legata ad essere sessuali o meno. Persino un asessuale può provare attrazione per altri durante un rapporto, anche se in forma diversa. Lo vedo più come un aspetto legato alla serietà con cui quella persona vive una situazione di coppia.

Come trovare una persona adatta a noi è un domandone che non ha risposta semplice, per ognuno è diversa.
Io resto convinto che "l'amore non è guardarsi l'un l'altro, ma guardare insieme nella stessa direzione", e che questa debba essere la base di ogni ricerca. Purtroppo non c'è un modo semplice per distinguere chi ha la seria intenzione di costruire un rapporto concreto e duraturo, però per il resto si può fare qualcosa. Si può iniziare a frequentare ambienti legati agli interessi che consideriamo più importanti, allo stile di vita che ci rende più sereni, e partire da lì. In questo modo già si inizierebbe a conoscere delle persone con cui si condivide qualcosa di molto importante.
Serve comunque un po' di fortuna per trovare una persona veramente affine, ma resta in ogni caso un ottimo punto di partenza da cui iniziare a guardarsi intorno. Di certo molto migliore di locali o altri posti generici dove può capitare chiunque e ci si affida semplicemente al caso.

Spero che qualcosa di ciò che ho scritto possa esserti di aiuto.
Le cose più importanti sono le più difficili da dire, perché le parole le rimpiccioliscono.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29095
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Demisessuale ed eteroromantica, come trovare partner ada

Messaggio da Bianca »

Ciao Reg!
Ho letto presto quanto hai scritto, ma dovevo mettermi al pc per poterti rispondere con maggiore attenzione.
Nel frattempo, altri ti hanno dato il benvenuto e ti dicono cose di molto buonsenso.

A me sembra che il definirsi demisessuale, non comporti un comportamento particolare, nè particolari accorgimenti.
In pratica, chi si definisce così, non può perdersi in avventure, nè sentimenti da quattro soldi: non ne ricaverebbe niente, non avrebbe ciò che desidera.

Io non ci vedo una grande differenza, dalla persona che può dirsi, semplicemente, seria.

Personalmente, non sono demisessuale, ma a 13 anni già sapevo che non sarei mai passata da un ragazzo all'altro, mentre qualche mia coetanea lo faceva senza problemi.
Eppure, ho sempre amato la compagnia di ragazzi e ragazze, mi sono molto divertita, ho riso e scherzato tanto, ne ho combinate di tutti i colori, ho viaggiato da sola, ho inventato cose, ho preso iniziative, ma il tutto è avvenuto sempre, nel rispetto di quelle che erano le mie convinzioni.

Potrei scrivere molte delle cose che hai scritto tu, ma sono esigenze che molte donne rispettose di se stesse, possono avere, senza necessariamente etichettarsi.

La differenza tra il volersi mettere un'etichetta e il non averne la necessità, sta forse soltanto, nella presenza di principi, oppure no.
Tu dici che le tue scelte, non dipendono dal pensare "non è serio avere rapporti sessuali con uno sconosciuto", ma probabilmente, nemmeno per me la motivazione è quella.
Il rapporto sessuale, è per me una cosa importante, che ha un significato, che ti fa dare e ricevere, che presuppone confidenza, fiducia, amore profondo.
Sono queste le convinzioni che non consentono di andare a letto con chiunque, non un orientamento che non deriva dal cervello di una persona ma da un qualcosa stabilito alla nascita.


"Quindi non solo un uomo devo conoscerlo bene perché desideri concretamente di avere un rapporto sessuale con lui, ma devo anche percepire in lui una progettualità di coppia, e devo esserne convinta a mia volta che con quella persona possa esserci una relazione sentimentale concreta e duratura."

E bisogna essere demisessuali per pensarla così?
Non basta essere una donna responsabile, rispettosa di sè e dell'altra persona?

Il fatto che tu evidenzi come tua caratteristica, di non guardare altri uomini con interesse, mentre hai una relazione, non dovrebbe essere una caratteristica di tutte le persone impegnate in una storia d'amore?

A mio parere, tu non hai bisogno di cercare l'ago nel pagliaio, hai semplicemente bisogno di una persona che dia al sesso una grande importanza e di conseguenza, sappia dare dei tempi alla vostra storia, affinchè capiate, reciprocamente, come siete nella vita, prima, prima di voler sperimentare, come siete a letto.

Come ti dice Nub, i luoghi che si frequentano, sono molto importanti al fine di poter incontrare un partner compatibile, ma credo che tu sappia, almeno, quelli che sono da scartare.

A rileggerci!

reginadelmambo
Newbie
Messaggi: 2
Iscritto il: mar giu 13, 2017 12:45 am
Genere: Femmina

Re: Demisessuale ed eteroromantica, come trovare partner ada

Messaggio da reginadelmambo »

Ciao,

innanzitutto ringrazio entrambi per l'accoglienza e le risposte. Seppur basate su convinzioni leggermente divergenti, entrambe mi hanno toccato profondamente aiutandomi a riflettere su molti aspetti della mia personalità e delle mie aspettative. Vi rispondo in un unico post per sottolineare alcuni aspetti che avete sollevato. Non per controbattere, ma solo perché penso mi faccia bene parlarne e mettere nero su bianco le mie sensazioni per comprenderle meglio, e spero possa essere lo stesso per voi.

Mi sono resa conto che poter essere etichettata come demi o meno in realtà conta relativamente. Forse la mia non era tanto la voglia di capire chi fossi, ma solo la ricerca di una banale, ma a volte indispensabile, 'pacca sulla spalla' che mi dicesse di stare tranquilla, che non avessi nulla di sbagliato e che la felicità non mi fosse preclusa. Non credo infatti che il mio bisogno fosse quello di 'ripudiare' il fatto di essere una 'ragazza seria', e voler etichettare forzatamente la mia indole con la 'scusa' dell'orientamento. Probabilmente ero solo sorpresa che questo tipo di comportamento avesse un nome, una definizione, e mi piaceva approfondirne il significato per sapere se fosse o meno adatto a me. L'opposto dunque di quel bisogno di etichetta per sopperire la mancanza di principi ipotizzato da Bianca, bensì il voler dare un nome esattamente a quel bagaglio di principi e valori che sono ben conscia e orgogliosa di possedere. Ma, ripeto, mi rendo conto, anche dalle vostre risposte diametralmente opposte su questo aspetto (sei sicuramente demi/sicuramente non lo sei), che conta davvero relativamente esserlo o meno. E vi ringrazio per avermelo fatto comprendere.

Quanto al fatto di provare attrazione per altre persone mentre si è impegnati in una relazione di coppia, specifico, perché me lo avete fatto notare entrambi allo stesso modo, che ovviamente non intendevo giustificare eventuali comportamenti infedeli con quel "è la sua natura". Ovvio che quello sia un aspetto che ha a che fare unicamente con la serietà di ognuno, non con la sua indole. Il mio discorso si fermava invece a monte, unicamente all'attrazione. È lì, da quel che ho potuto notare, che le cose si invertono e la serietà non c’entra più nulla, ma è solo una questione di indole. Notavo infatti che mentre per lui era normale notare altre persone ed esserne attratto (ma ovviamente essere serio e innamorato a tal punto di non cedere mai alla tentazione), per me invece non c’è mai stata alcuna tentazione, mai nessun dovermi reprimere o scegliere di rinunciare a qualcosa perché impegnata o innamorata. A me il desiderio proprio non veniva. E questo, come dicevo, io lo scambiavo per amore, e di conseguenza il suo per non-amore, mentre ho capito che la questione è slegata dai sentimenti e non è 'prova' né della presenza né dell’assenza di essi, ma è semplicemente legato alla natura di ognuno. Ed è per questo che comunque un minimo dubbio di appartenere alla categoria dei demi rimane, ma appunto, come dicevo prima, è abbastanza relativo.
A mio parere, tu non hai bisogno di cercare l'ago nel pagliaio, hai semplicemente bisogno di una persona che dia al sesso una grande importanza e di conseguenza, sappia dare dei tempi alla vostra storia, affinché capiate, reciprocamente, come siete nella vita, prima, prima di voler sperimentare, come siete a letto.
Ecco, forse erano proprio queste le parole che inconsciamente speravo di leggere...

Grazie ancora in ogni caso a tutti e due per i consigli e il tempo speso a scrivermi. Spero di potervi un giorno venire a raccontare di aver trovato quello che cercavo, magari proprio frequentando i posti che ritengo più adatti alla mia natura come mi avete saggiamente consigliato.

Un saluto

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29095
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Demisessuale ed eteroromantica, come trovare partner ada

Messaggio da Bianca »

E' un piacere dialogare con te, perchè sei intelligente, hai le idee chiare e giustamente, vuoi conoscerti a fondo.
E' proprio il confronto ciò che ti permettere di accertare, quanto le tue reazioni, il tuo modo di sentire, siano simili o molto diversi da quelli di altri.
Dopo di che, la felicità non è preclusa a nessuno.

Le persone che vogliono agire seriamente, hanno bisogno di incontrare un altro, orientato nello stesso modo.
Non è certo che vada bene, ma almeno il desiderio di fondo, è comune.

Gli uomini, quasi tutti, guardano altre donne, anche quando sono innamoratissimi di una soltanto; poi crescono, diventano più controllati (non tutti) ed evitano gli atteggiamenti che capiscono essere un torto nei confronti della persona amata.

Ricordo che parecchi anni fa, il marito di una mia amica, fece in sua presenza e in presenza di altri amici, un discorso molto sincero, dicendo: a me piacerebbe Bianca, ma poi penso che non potrei mai fare un torto a Carla. Tutti d'accordo, anche Bianca.

Tra l'ammettere che una cosa piacerebbe e il passare all'azione, c'è di mezzo, non solo il mare, ma l'universo.

Rispondi