Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Per tutto ciò che riguarda l'asessualità e gli asessuali.
Coraline
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: gio giu 13, 2019 10:33 am
Genere: Femmina

Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Coraline »

sono qui un po' per sfogarmi un po' per raccontarlo a qualcuno è avere un opinione su come fare .
non mi sto arrendo alla solitudine...e sto cercando di conoscere nuove persone , perchè vorrei una relazione, non sono molto fortunata peró .
a ottobre ho conosciuto un uomo tramite un amica comune , questo ragazzo è amico del suo compagno , facciamo un lavoro simile , interessi che coinvolgono entrambi .
tra di noi le cose sembrano andare più che bene .
per lui il fatto che non voglia fare sesso è un pregio( la sua convivenza è finita per questo ) . non mi pareva vero . il realtà lui non è proprio asessuale ma assume dei farmaci per un problema cardiaco che gli azzerano il desiderio . questo medicinale gli permette di fare una vita normale , fare sport .
in questi mesi abbiamo condiviso molto tempo assieme , siamo stati bene . lui sembra tenerci a me è un uomo gentile , premuroso , dolce e anche io ci tengo , sono sulla buona strada per innamorarmi . non stiamo insieme la nostra è una frequentazione .
lui mi disse subito che condivideva casa con una ragazza , non mi pareva un grosso problema . non vorrei scendere nei dettagli ma ha davvero un passato orribile che lo ha portato ad andarsene di casa appena maggiorenne . considera questa ragazza come una sorella pur non essendolo lo ha aiuto molto , tra l altro anche lei ha un brutto passato con un uomo violento , non ha più voluto storie e vivono insieme da 2 anni , è lui che è andato a vivere da lei .
ma ora mi accorgo che si la sua coinquilina è un problema per me , o meglio il loro rapporto mi fa sentire di troppo , un terzo incomodo .
devo ammettere che lei ha cercato in tutti i modi di mettermi a mio agio di rassicurarmi e anche lui , ma non è servito . ne abbiamo parlato e riparlato , ne sto facendo un ossessione .Credo che lui ne sia innamorato non riesco a togliermi dalla testa questa cosa ,e non riesco di conseguenza a vivermi serenamente questa quasi storia .
Cosa posso fare ? Avete un consiglio ve ne sarei grata

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27564
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Bianca »

Buon pomeriggio Coraline!
La prima cosa da sottolineare nel tuo racconto è che esistono persone in cui il desiderio sessuale è tenuto a bada da un farmaco destinato a curare un’altra patologia.
Può capitare a tutti nella vita di dover seguire una terapia che non lascia scelta: da un lato è indispensabile e dall’altro provoca limitazioni e anche danni.

Immagino come a te non sia sembrato vero di incontrare un uomo in questa situazione...
Tieni conto, comunque, che potrebbe non durare nel tempo.
Per il momento, però, la tua asessualità può essere accantonata e quindi, cogli l’attimo.

Ma siccome tranquilli non si può stare mai, ecco fare capolino la sua convivente (da due anni, cioè da ieri).
Personalmente, non crederò mai alla possibilità di un’amicizia tra uomo e donna; non crederò mai all’affermazione: è come una sorella; non smetterò mai di pensare che tali considerazioni siano il frutto di idee confuse, appartengano a chi non vuole vedere la realtà, a chi ama vivere adagiato in una situazione di comodo (succede più agli uomini che alle donne, perché la puerilità, la pigrizia, il valá che vai bene, il non buttare all’aria il mio ordine cosmico, appartengono più al maschio che alla femmina e sappiamo quanti guai causino)

Nel tuo caso, purtroppo, neppure se lei fosse lesbica potrebbe far aumentare il tuo senso di comprensione....

Quale consiglio darti?

La vostra relazione è all’inizio e sarebbe bellissimo, credo per entrambi, se potesse continuare e consolidarsi.
Se lui continuerà a piacerti così tanto da poterlo considerare l’uomo della tua vita, confida nel suo buonsenso..qualunque uomo si rende conto che il doversi tenere in equilibrio tra una finta sorella e un’innamorata vera, è controproducente e anche molto pericoloso.
Se saprà prendere delle decisioni, il problema verrà risolto.
Se le rimanderà a tempo indeterminato, avrai il motivo per metterlo di fronte ad una scelta.
Se neppure la tua determinazione servirà, salutalo, ti troveresti sempre in competizione.
Già può essere difficile gestire una mamma invadente, figurati una sorella fasulla che, oltretutto, ha la tua età.

Lui, più che innamorato potrebbe essere accomodato ma sei tu che devi decidere quanto e fino a quando rischiare.
Ultima modifica di Bianca il mar feb 23, 2021 2:45 am, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Antares
AVENturiero
Messaggi: 2021
Iscritto il: mer set 07, 2016 6:53 pm
Genere: maschio
Località: Milano

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Antares »

A mio parere il problema si porrebbe soltanto se tu volessi coabitare con lui senza di lei.
Probabilmente lui le vuole bene come ad una sorella, così come vuole bene a te.
Si può voler bene anche a più persone, anche contemporaneamente, ed in modi diversi.

Il fatto che facciano di tutto per rassicurarti e per metterti a tuo agio è un buon segno, sta a te fare altrettanto nei loro confronti.

Dovresti anche chiederti cosa vuoi da lui, come immagini, se lo immagini, il tuo futuro con lui e magari parlarne con entrambi.
Ti amo col sole e con la pioggia
Immagine

Coraline
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: gio giu 13, 2019 10:33 am
Genere: Femmina

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Coraline »

Bianca ha scritto:
lun feb 22, 2021 4:33 pm
Buon pomeriggio Coraline!
La prima cosa da sottolineare nel tuo racconto è che esistono persone in cui il desiderio sessuale è tenuto a bada da un farmaco destinato a curare un’altra patologia.
Può capitare a tutti nella vita di dover seguire una terapia che non lascia scelta: da un lato è indispensabile e dall’altro provoca limitazioni e anche danni.

Immagino come a te non sia sembrato vero di incontrare un uomo in questa situazione...
Tieni conto, comunque, che potrebbe non durare nel tempo.
Per il momento, però, la tua asessualità può essere accantonata e quindi, cogli l’attimo.

Ma siccome tranquilli non si può stare mai, ecco fare capolino la sua convivente (da due anni, cioè da ieri).
Personalmente, non crederò mai alla possibilità di un’amicizia tra uomo e donna; non crederò mai all’affermazione: è come una sorella; non smetterò mai di pensare che tali considerazioni siano il frutto di idee confuse, appartengano a chi non vuole vedere la realtà, a chi ama vivere adagiato in una situazione di comodo (succede più agli uomini che alle donne, perché la puerilità, la pigrizia, il valá che vai bene, il non buttare all’aria il mio ordine cosmico, appartengono più al maschio che alla femmina e sappiamo quanti guai causino)

Nel tuo caso, purtroppo, neppure se lei fosse lesbica potrebbe far aumentare il tuo senso di comprensione....

Quale consiglio darti?

La vostra relazione è all’inizio e sarebbe bellissimo, credo per entrambi, se potesse continuare e consolidarsi.
Se lui continuerà a piacerti così tanto da poterlo considerare l’uomo della tua vita, confida nel suo buonsenso..qualunque uomo si rende conto che il balestrarsi tra una finta sorella e un’innamorata vera, è controproducente e anche molto pericoloso.
Se saprà prendere delle decisioni, il problema verrà risolto.
Se le rimanderà a tempo indeterminato, avrai il motivo per metterlo di fronte ad una scelta.
Se neppure la tua determinazione servirà, salutalo, ti troveresti sempre in competizione.
Già può essere difficile gestire una mamma invadente, figurati una sorella fasulla che, oltretutto, ha la tua età.

Lui, più che innamorato potrebbe essere accomodato ma sei tu che devi decidere quanto e fino a quando rischiare.
Il suo problema di salute è congenito quindi la sua terapia dovrà prenderla a vita ma ripeto per me è meglio di un terno al lotto !
Non so se si sia adagiato purtroppo i dettagli di questa scelta non posso raccontarli , ma sia da una parte che dall'altra ci sono state degli avvenimenti che hanno reso questa coabitazione quasi necessaria e sarà ancora tale per almeno un anno , prima che almeno una problematica si possa sbloccare , non dipende da lui questa tempistica ê dettata da altro e non può farci niente purtroppo , solo dopo questo potrà essere più libero .
Io credo all amicizia uomo donna , conosco diversi esempi , ma su loro due non lo so , non hanno nessun atteggiamento strano, non ho mai notato niente ,si hanno un bel rapporto sono due persone che si conoscono da 15 anni è ovvio sia così , forse è solo la mia gelosia che mi fa vedere cose che non esistono . Non sono mai stata una persona gelosa e questo mi fa pensare . ora non stiamo nemmeno insieme , non posso di certo dargli un ultimatum pur sapendo che c'è una questione che lo blocca li
Sono davvero confusa però

Coraline
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: gio giu 13, 2019 10:33 am
Genere: Femmina

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Coraline »

Antares ha scritto:
lun feb 22, 2021 4:58 pm
A mio parere il problema si porrebbe soltanto se tu volessi coabitare con lui senza di lei.
Probabilmente lui le vuole bene come ad una sorella, così come vuole bene a te.
Si può voler bene anche a più persone, anche contemporaneamente, ed in modi diversi.

Il fatto che facciano di tutto per rassicurarti e per metterti a tuo agio è un buon segno, sta a te fare altrettanto nei loro confronti.

Dovresti anche chiederti cosa vuoi da lui, come immagini, se lo immagini, il tuo futuro con lui e magari parlarne con entrambi.
Grazie per la risposta rifletteró sulle tue parole
Vorrei un futuro con lui ma come scrivevo prima sarebbe vincolato a una situazione che deve prima risolversi e non dipende da lui

Daniel98
Membro
Messaggi: 32
Iscritto il: dom feb 07, 2021 9:27 pm
Genere: Maschio

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Daniel98 »

Coraline ha scritto:
lun feb 22, 2021 3:04 pm
sono qui un po' per sfogarmi un po' per raccontarlo a qualcuno è avere un opinione su come fare .
non mi sto arrendo alla solitudine...e sto cercando di conoscere nuove persone , perchè vorrei una relazione, non sono molto fortunata peró .
a ottobre ho conosciuto un uomo tramite un amica comune , questo ragazzo è amico del suo compagno , facciamo un lavoro simile , interessi che coinvolgono entrambi .
tra di noi le cose sembrano andare più che bene .
per lui il fatto che non voglia fare sesso è un pregio( la sua convivenza è finita per questo ) . non mi pareva vero . il realtà lui non è proprio asessuale ma assume dei farmaci per un problema cardiaco che gli azzerano il desiderio . questo medicinale gli permette di fare una vita normale , fare sport .
in questi mesi abbiamo condiviso molto tempo assieme , siamo stati bene . lui sembra tenerci a me è un uomo gentile , premuroso , dolce e anche io ci tengo , sono sulla buona strada per innamorarmi . non stiamo insieme la nostra è una frequentazione .
lui mi disse subito che condivideva casa con una ragazza , non mi pareva un grosso problema . non vorrei scendere nei dettagli ma ha davvero un passato orribile che lo ha portato ad andarsene di casa appena maggiorenne . considera questa ragazza come una sorella pur non essendolo lo ha aiuto molto , tra l altro anche lei ha un brutto passato con un uomo violento , non ha più voluto storie e vivono insieme da 2 anni , è lui che è andato a vivere da lei .
ma ora mi accorgo che si la sua coinquilina è un problema per me , o meglio il loro rapporto mi fa sentire di troppo , un terzo incomodo .
devo ammettere che lei ha cercato in tutti i modi di mettermi a mio agio di rassicurarmi e anche lui , ma non è servito . ne abbiamo parlato e riparlato , ne sto facendo un ossessione .Credo che lui ne sia innamorato non riesco a togliermi dalla testa questa cosa ,e non riesco di conseguenza a vivermi serenamente questa quasi storia .
Cosa posso fare ? Avete un consiglio ve ne sarei grata
Forse ti posso aiutare , ho vissuto un qualcosa di simile con la mia migliore amica e il suo fidanzato , ti assicuro che siamo amici e basta , la conosco dai tempi dell asilo e non ci siamo mai visti come potenziali partner! Non c’è mai stato niente di tenero ,a me farebbe senso solo il pensiero di baciarla , e sono l opposto del suo ideale (i suoi flirt confermerebbero ) a lei piace il tipo mediterraneo e non lo sono per niente ! Il nostro passatempo preferito è sfidarci con i videogame online cercando di ucciderci a vicenda ! una cosa molto romantica direi !
non viviamo assieme ma quando aveva un esame si fermava a casa mia dal giorno prima , per non dover fare 1 h di treno . All inizio il suo fidanzato mi vedeva come una minaccia , le imponeva di non vedermi , di non sentirmi lei ci stava male ( e ci sentivamo di nascosto , ha cambiato il nome in rubrica con uno femminile ) ho cercato di fare un passo indietro ma non ho rinunciato alla mia amica ! Non avevamo nulla di torbido da nascondere , un amico non ruba nulla a un fidanzato sono due ruoli diversi ! mi ha fatto un paio di scenate che al suo posto mi sarei vergognato , gli è passata solo quando mi sono fidanzato a mia volta ma non del tutto ! Per la cronaca si sono lasciati ma non a causa mia , ma a causa corna che lui le ha fatto !
Ma se il tuo quasi ragazza ci tiene a te e ti dimostra che questa è solo un amica e non ha comportamenti ambigui , perché non crederci ? Se volesse stare con lei non avrebbe nemmeno accettato di frequentarti , non credi?

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27564
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Bianca »

Ant, veramente mi sorprendi.
Certo, lui vuole bene alla coinquilina come ad una sorella, infatti, è quello che afferma e se lo afferma per rassicurare la probabile fidanzata, chi siamo noi per dubitare?

Allo stesso modo (allo stesso modo?) vuole bene alla fidanzata e chi siamo noi per ritenere che il cuore di un uomo sia così piccolo da non poter voler bene a due donne contemporaneamente?

Il fatto che i due conviventi facciano di tutto per rassicurare la nostra amica, è un pessimo segno ma proprio pessimo.

Inoltre, questa poverina, di quello che immagina, desidera per il futuro con lui, ne deve parlare con tutte e due e mi sembra giusto, perché chi può tutelare meglio questo ragazzo della sua amica del cuore?!
Ma per piacere! Ant, non siamo nel paese dei balocchi dove gli asini volano, gli abbecedari si vendono on line e tutti i mulini sono bianchi.
Ultima modifica di Bianca il mar feb 23, 2021 2:37 am, modificato 1 volta in totale.

Coraline
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: gio giu 13, 2019 10:33 am
Genere: Femmina

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Coraline »

Daniel98 ha scritto:
lun feb 22, 2021 8:02 pm
Coraline ha scritto:
lun feb 22, 2021 3:04 pm
sono qui un po' per sfogarmi un po' per raccontarlo a qualcuno è avere un opinione su come fare .
non mi sto arrendo alla solitudine...e sto cercando di conoscere nuove persone , perchè vorrei una relazione, non sono molto fortunata peró .
a ottobre ho conosciuto un uomo tramite un amica comune , questo ragazzo è amico del suo compagno , facciamo un lavoro simile , interessi che coinvolgono entrambi .
tra di noi le cose sembrano andare più che bene .
per lui il fatto che non voglia fare sesso è un pregio( la sua convivenza è finita per questo ) . non mi pareva vero . il realtà lui non è proprio asessuale ma assume dei farmaci per un problema cardiaco che gli azzerano il desiderio . questo medicinale gli permette di fare una vita normale , fare sport .
in questi mesi abbiamo condiviso molto tempo assieme , siamo stati bene . lui sembra tenerci a me è un uomo gentile , premuroso , dolce e anche io ci tengo , sono sulla buona strada per innamorarmi . non stiamo insieme la nostra è una frequentazione .
lui mi disse subito che condivideva casa con una ragazza , non mi pareva un grosso problema . non vorrei scendere nei dettagli ma ha davvero un passato orribile che lo ha portato ad andarsene di casa appena maggiorenne . considera questa ragazza come una sorella pur non essendolo lo ha aiuto molto , tra l altro anche lei ha un brutto passato con un uomo violento , non ha più voluto storie e vivono insieme da 2 anni , è lui che è andato a vivere da lei .
ma ora mi accorgo che si la sua coinquilina è un problema per me , o meglio il loro rapporto mi fa sentire di troppo , un terzo incomodo .
devo ammettere che lei ha cercato in tutti i modi di mettermi a mio agio di rassicurarmi e anche lui , ma non è servito . ne abbiamo parlato e riparlato , ne sto facendo un ossessione .Credo che lui ne sia innamorato non riesco a togliermi dalla testa questa cosa ,e non riesco di conseguenza a vivermi serenamente questa quasi storia .
Cosa posso fare ? Avete un consiglio ve ne sarei grata
Forse ti posso aiutare , ho vissuto un qualcosa di simile con la mia migliore amica e il suo fidanzato , ti assicuro che siamo amici e basta , la conosco dai tempi dell asilo e non ci siamo mai visti come potenziali partner! Non c’è mai stato niente di tenero ,a me farebbe senso solo il pensiero di baciarla , e sono l opposto del suo ideale (i suoi flirt confermerebbero ) a lei piace il tipo mediterraneo e non lo sono per niente ! Il nostro passatempo preferito è sfidarci con i videogame online cercando di ucciderci a vicenda ! una cosa molto romantica direi !
non viviamo assieme ma quando aveva un esame si fermava a casa mia dal giorno prima , per non dover fare 1 h di treno . All inizio il suo fidanzato mi vedeva come una minaccia , le imponeva di non vedermi , di non sentirmi lei ci stava male ( e ci sentivamo di nascosto , ha cambiato il nome in rubrica con uno femminile ) ho cercato di fare un passo indietro ma non ho rinunciato alla mia amica ! Non avevamo nulla di torbido da nascondere , un amico non ruba nulla a un fidanzato sono due ruoli diversi ! mi ha fatto un paio di scenate che al suo posto mi sarei vergognato , gli è passata solo quando mi sono fidanzato a mia volta ma non del tutto ! Per la cronaca si sono lasciati ma non a causa mia , ma a causa corna che lui le ha fatto !
Ma se il tuo quasi ragazza ci tiene a te e ti dimostra che questa è solo un amica e non ha comportamenti ambigui , perché non crederci ? Se volesse stare con lei non avrebbe nemmeno accettato di frequentarti , non credi?
Sono così confusa , vorrei davvero credergli ,vorrei tanto che funzionasse , e più ci penso non trovo atteggiamenti ambigui come dici tu , ma non riesco a togliermi quella sensazione di essere di troppo , anche se spesso nemmeno si incrociano per via del lavoro . Forse sono insicura , forse ho paura . Non mi capisco . Forse sono troppo diffidente ? Quanti forse ..
Non farei scenate , non sono il tipo mi sentirei in imbarazzo , e non potrei proibite di vedere una persona con cui vive insieme , mi sentirei sciocca a chiederlo . Ho cercato di parlarne con lui , ho fatto qualche chiacchiera anche con lei per capire.
Anni fa avevo un migliore amico purtroppo la vita ci ha allontanato , non sono riuscita a tenere l amicizia . Ammiro le persone che hanno queste amicizie storiche se sono vere e sincere .

Athos
Mega-Mitosi
Messaggi: 187
Iscritto il: ven dic 11, 2020 11:44 pm
Orientamento: Eterosessuale aromantico
Genere: FtM, pre-T
Località: Un braccio verso Pughtown e l’altro verso New Cumberland, per la testa abbiamo qualche problema...

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Athos »

Coraline ha scritto:
lun feb 22, 2021 3:04 pm
sono qui un po' per sfogarmi un po' per raccontarlo a qualcuno è avere un opinione su come fare .
non mi sto arrendo alla solitudine...e sto cercando di conoscere nuove persone , perchè vorrei una relazione, non sono molto fortunata peró .
a ottobre ho conosciuto un uomo tramite un amica comune , questo ragazzo è amico del suo compagno , facciamo un lavoro simile , interessi che coinvolgono entrambi .
tra di noi le cose sembrano andare più che bene .
per lui il fatto che non voglia fare sesso è un pregio( la sua convivenza è finita per questo ) . non mi pareva vero . il realtà lui non è proprio asessuale ma assume dei farmaci per un problema cardiaco che gli azzerano il desiderio . questo medicinale gli permette di fare una vita normale , fare sport .
in questi mesi abbiamo condiviso molto tempo assieme , siamo stati bene . lui sembra tenerci a me è un uomo gentile , premuroso , dolce e anche io ci tengo , sono sulla buona strada per innamorarmi . non stiamo insieme la nostra è una frequentazione .
lui mi disse subito che condivideva casa con una ragazza , non mi pareva un grosso problema . non vorrei scendere nei dettagli ma ha davvero un passato orribile che lo ha portato ad andarsene di casa appena maggiorenne . considera questa ragazza come una sorella pur non essendolo lo ha aiuto molto , tra l altro anche lei ha un brutto passato con un uomo violento , non ha più voluto storie e vivono insieme da 2 anni , è lui che è andato a vivere da lei .
ma ora mi accorgo che si la sua coinquilina è un problema per me , o meglio il loro rapporto mi fa sentire di troppo , un terzo incomodo .
devo ammettere che lei ha cercato in tutti i modi di mettermi a mio agio di rassicurarmi e anche lui , ma non è servito . ne abbiamo parlato e riparlato , ne sto facendo un ossessione .Credo che lui ne sia innamorato non riesco a togliermi dalla testa questa cosa ,e non riesco di conseguenza a vivermi serenamente questa quasi storia .
Cosa posso fare ? Avete un consiglio ve ne sarei grata

Dici di essere sulla buona strada per innamorarti, quindi non sei ancora sicura dei tuoi sentimenti? Potresti prenderti del tempo per riflettere, anche allontanandoti un po’ da lui, e fare chiarezza dentro di te.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27564
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Bianca »

Daniel, davvero ti sembra strano se un tale ha qualcosa da ridire sul fatto che la sua fidanzata resti a dormire a casa tua?
Davvero vogliamo concludere che il fissato è lui?
Non guardare soltanto il tuo punto di vista, rafforzato da rassicurazioni e addirittura da un senso di repulsione soltanto all’idea di baciarla.
Addirittura è buona usanza, quando un uomo accompagna in auto una ragazza, che sia presente una terza persona, tipo moglie, figlia/o, altro amico o conoscente.
Con me hanno sempre fatto tutti così e non mi sono mai sentita offesa, anzi, l’ho considerato un riguardo.

Ce lo ha anche insegnato Lady Diana che quando in un rapporto le persone sono tre, lo si definisce “affollato”...a prescindere.

Daniel98
Membro
Messaggi: 32
Iscritto il: dom feb 07, 2021 9:27 pm
Genere: Maschio

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Daniel98 »

Bianca ha scritto:
mar feb 23, 2021 3:03 am
Daniel, davvero ti sembra strano se un tale ha qualcosa da ridire sul fatto che la sua fidanzata resti a dormire a casa tua?
Davvero vogliamo concludere che il fissato è lui?
Non guardare soltanto il tuo punto di vista, rafforzato da rassicurazioni e addirittura da un senso di repulsione soltanto all’idea di baciarla.
Addirittura è buona usanza, quando un uomo accompagna in auto una ragazza, che sia presente una terza persona, tipo moglie, figlia/o, altro amico o conoscente.
Con me hanno sempre fatto tutti così e non mi sono mai sentita offesa, anzi, l’ho considerato un riguardo.

Ce lo ha anche insegnato Lady Diana che quando in un rapporto le persone sono tre, lo si definisce “affollato”...a prescindere.
No non ho niente da ridire, non dormiva nel mio letto , non abbiamo mancato di rispetto a nessuno , se ero una femmina nessuno avrebbe avuto da ridire , ma anche un amica ci poteva provare con lei no? Eppure non metteva gli stessi divieti ! se la ospitavo per evitare che si alzasse alle 5 per essere in università alle 8 che Male c era ?
anche la mia ex aveva un amicizia maschile molto presente nella sua vita , ma era un amico non un fidanzato di scorta , ci sono diventato amico anch io e lo sento ancora malgrado la rottura , è un ragazzo a posto, corretto ! mi fido della persona con lui sto , perché devo negargli un amicizia che esisteva già da prima di me ? Non le ho mai vietato di vederlo , ne di frequentarlo . Dipende tutto dalle persone !
Ho diverse amiche , alcune lo ammetto sono amicizie con un secondo fine ( ma si capisce se è un amicizia che punta ad altro ) non ho mai concesso troppe libertà o confidenze ma ne ho un paio ( una è la mia migliore amica e l altra è una compagna di studi , sembrano davvero le uniche che mi stanno accettando per come sono davvero ) ma davvero non c’è niente , non ci sarà niente di romantico , se non affetto e il fatto di andare d accordo e trovarsi bene magari per interessi comuni o hobby ! Sono stupido a fidarmi ? La mia coscienza è posto . Non sarebbe un rapporto a tre , un migliore amico/a non è la ruota di scorta del fidanzato /a ufficiale è un rapporto diverso che può coesistere ! Alla fine gli amici restano il fidanzato /a non me hai la certezza e non rinuncerei alle mie amicizie nemmeno se fossi innamorato pazzo della mia lei .

Coraline
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: gio giu 13, 2019 10:33 am
Genere: Femmina

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Coraline »

Athos ha scritto:
mar feb 23, 2021 12:21 am
Coraline ha scritto:
lun feb 22, 2021 3:04 pm
sono qui un po' per sfogarmi un po' per raccontarlo a qualcuno è avere un opinione su come fare .
non mi sto arrendo alla solitudine...e sto cercando di conoscere nuove persone , perchè vorrei una relazione, non sono molto fortunata peró .
a ottobre ho conosciuto un uomo tramite un amica comune , questo ragazzo è amico del suo compagno , facciamo un lavoro simile , interessi che coinvolgono entrambi .
tra di noi le cose sembrano andare più che bene .
per lui il fatto che non voglia fare sesso è un pregio( la sua convivenza è finita per questo ) . non mi pareva vero . il realtà lui non è proprio asessuale ma assume dei farmaci per un problema cardiaco che gli azzerano il desiderio . questo medicinale gli permette di fare una vita normale , fare sport .
in questi mesi abbiamo condiviso molto tempo assieme , siamo stati bene . lui sembra tenerci a me è un uomo gentile , premuroso , dolce e anche io ci tengo , sono sulla buona strada per innamorarmi . non stiamo insieme la nostra è una frequentazione .
lui mi disse subito che condivideva casa con una ragazza , non mi pareva un grosso problema . non vorrei scendere nei dettagli ma ha davvero un passato orribile che lo ha portato ad andarsene di casa appena maggiorenne . considera questa ragazza come una sorella pur non essendolo lo ha aiuto molto , tra l altro anche lei ha un brutto passato con un uomo violento , non ha più voluto storie e vivono insieme da 2 anni , è lui che è andato a vivere da lei .
ma ora mi accorgo che si la sua coinquilina è un problema per me , o meglio il loro rapporto mi fa sentire di troppo , un terzo incomodo .
devo ammettere che lei ha cercato in tutti i modi di mettermi a mio agio di rassicurarmi e anche lui , ma non è servito . ne abbiamo parlato e riparlato , ne sto facendo un ossessione .Credo che lui ne sia innamorato non riesco a togliermi dalla testa questa cosa ,e non riesco di conseguenza a vivermi serenamente questa quasi storia .
Cosa posso fare ? Avete un consiglio ve ne sarei grata

Dici di essere sulla buona strada per innamorarti, quindi non sei ancora sicura dei tuoi sentimenti? Potresti prenderti del tempo per riflettere, anche allontanandoti un po’ da lui, e fare chiarezza dentro di te.
Ci vado con i piedi di piombo per paura di restarci scottata di nuovo , non sarebbe la prima volta che la cosa parte bene e poi sfuma per vari motivi

Coraline
Membro
Messaggi: 35
Iscritto il: gio giu 13, 2019 10:33 am
Genere: Femmina

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Coraline »

Daniel98 ha scritto:
mar feb 23, 2021 10:54 am
Bianca ha scritto:
mar feb 23, 2021 3:03 am
Daniel, davvero ti sembra strano se un tale ha qualcosa da ridire sul fatto che la sua fidanzata resti a dormire a casa tua?
Davvero vogliamo concludere che il fissato è lui?
Non guardare soltanto il tuo punto di vista, rafforzato da rassicurazioni e addirittura da un senso di repulsione soltanto all’idea di baciarla.
Addirittura è buona usanza, quando un uomo accompagna in auto una ragazza, che sia presente una terza persona, tipo moglie, figlia/o, altro amico o conoscente.
Con me hanno sempre fatto tutti così e non mi sono mai sentita offesa, anzi, l’ho considerato un riguardo.

Ce lo ha anche insegnato Lady Diana che quando in un rapporto le persone sono tre, lo si definisce “affollato”...a prescindere.
No non ho niente da ridire, non dormiva nel mio letto , non abbiamo mancato di rispetto a nessuno , se ero una femmina nessuno avrebbe avuto da ridire , ma anche un amica ci poteva provare con lei no? Eppure non metteva gli stessi divieti ! se la ospitavo per evitare che si alzasse alle 5 per essere in università alle 8 che Male c era ?
anche la mia ex aveva un amicizia maschile molto presente nella sua vita , ma era un amico non un fidanzato di scorta , ci sono diventato amico anch io e lo sento ancora malgrado la rottura , è un ragazzo a posto, corretto ! mi fido della persona con lui sto , perché devo negargli un amicizia che esisteva già da prima di me ? Non le ho mai vietato di vederlo , ne di frequentarlo . Dipende tutto dalle persone !
Ho diverse amiche , alcune lo ammetto sono amicizie con un secondo fine ( ma si capisce se è un amicizia che punta ad altro ) non ho mai concesso troppe libertà o confidenze ma ne ho un paio ( una è la mia migliore amica e l altra è una compagna di studi , sembrano davvero le uniche che mi stanno accettando per come sono davvero ) ma davvero non c’è niente , non ci sarà niente di romantico , se non affetto e il fatto di andare d accordo e trovarsi bene magari per interessi comuni o hobby ! Sono stupido a fidarmi ? La mia coscienza è posto . Non sarebbe un rapporto a tre , un migliore amico/a non è la ruota di scorta del fidanzato /a ufficiale è un rapporto diverso che può coesistere ! Alla fine gli amici restano il fidanzato /a non me hai la certezza e non rinuncerei alle mie amicizie nemmeno se fossi innamorato pazzo della mia lei .
Daniel credo tu sia giovanissimo ,la tua correttezza è ammirevole, ma ti posso dire che non sempre è ben riposta , non dico nel tuo caso in generale
Certo magari hai amicizie oneste e rispettose e lo sai stato con le tue amiche ma di solito è difficile che sia tutto così semplice e reciproco non so se ho reso l idea del mio pensiero .

Athos
Mega-Mitosi
Messaggi: 187
Iscritto il: ven dic 11, 2020 11:44 pm
Orientamento: Eterosessuale aromantico
Genere: FtM, pre-T
Località: Un braccio verso Pughtown e l’altro verso New Cumberland, per la testa abbiamo qualche problema...

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Athos »

Io sono d’accordo con quello che dice Daniel. Altrimenti una persona che si fidanza deve rinunciare alle sue amicizie del sesso opposto? Se poi la persona in questione è pure bisex, deve rinunciare davvero a TUTTE le amicizie? Non possiamo trovare un compagno che conduca una vita in stile nonno di Heidi. Credo che la nostra gelosia sia perlopiù scaturita da persone del nostro stesso genere perché ci sentiamo in competizione. Coraline, se lui avesse lo stesso rapporto speciale con un uomo, tu saresti gelosa allo stesso modo? Io sono dell’idea che chiunque, se vuole, possa tradirci con chiunque.
Ovviamente non dico di non essere mai gelosi, se si nota un comportamento ambiguo, ben venga la gelosia! Ma non partirei dal presupposto che un uomo debba avere solo amici uomini e una donna solo amiche donne. Che tristezza se fosse così.

Angela108
Mega-Mitosi
Messaggi: 136
Iscritto il: mar giu 02, 2020 7:54 pm

Re: Sono gelosa della sua amica/coinquilina

Messaggio da Angela108 »

Tra chi ha camminato su questa Terra prima di noi, troviamo dei vecchi "saggi" che hanno avuto a cuore la serenita' del genere umano e che hanno tramandato ai giovani, alle nuove generazioni, oralmente o per iscritto, alcune conclusioni, con la speranza di evitare loro certe sofferenze.

Mediatando, contemplando la natura dell'uomo, gli effetti delle passioni, la dinamica del sesso e della riproduzione, studiando la psicologia dell'uomo e della donna, le reazioni della persona in preda all'amore, alla gelosia, all'ira (e tanto altro) hanno dato delle direttive di comportamento, di condotta, che, se vengono seguite, riducono "al minimo" il potenziale di sofferenza tra le persone: al minimo, ma non del tutto.

Ora: dipende dai problemi che vuoi avere.

Una condotta col piu' basso rischio di sofferenza tra uomo e donna non appoggia una relazione di "amicizia" tra i due.
Non appoggia una "convivenza" tra i due.
Non appoggia nemmeno uno "sguardo" tra i due...
(Quante litigate sono nate per via di uno sguardo!)

Litigate = rischio di violenza fisica = rischio di danno al corpo = rischio di morte!
La vita e' preziosa, e anche la serenita' tra le persone.

Ora, nel caso di questa fanciulla che ha una situazione che la fa preoccupare io direi:

1. Se vuoi mantenere per te stessa la liberta' di avere degli amici maschi, fai agli altri quello che vuoi sia fatto a te:
Vuoi che uno si fidi?
Vuoi che uno ti faccia storie per i messaggi che mandi al tuo "migliore amico"?
Etc. etc.

2. Se invece credi nel valore del consiglio dei saggi, sappi che ci sono tante altre persone al mondo che seguono una condotta di comportamento maschio-femmina che risulta a basso rischio di sofferenza (per quanto riguarda quest'aspetto) e che puoi sentire filosoficamente/emotivamente compatibili.
Trovi questi elementi in scritture religiose, ma anche nei proverbi popolari.
Tutti identificano, proprio ad istinto, quei comportamentei che non sono "appropriati".

Considerato che la tua relazione non e' ancora ufficializzata in un impegno di tipo matrimoniale, potresti darti una possibilita' di gioia in piu' cominciando a conoscere persone che la pensano in modo simile.

Una divergenza di opinione su questa cosa, tra te e il tuo amato lui, ha tutti i presupposti per portarvi tanto di quel dolore, che, con la giovane eta' e la conseguente inesperienza, neanche potete immaginarvelo...
(ma non vi serve immaginarlo: basta ascoltare i racconti che escono dalle labbra sofferenti di chi ci e' passato e nelle biblioteche e su interntet trovi tanti racconti/testimonianze in proposito.)

La creazione della "pace" tra gli uomini richiede una formula, una formula di "condotta" tra le persone.
Nessuno mette in questione i sentimenti, i pensieri, le emozioni...difficili da regolare, poiche' al cuor non si comanda.
Quelle che si devono regolare sono le azioni, i fatti, i comportamenti, poiche' sono gia' ad un livello di "materializzazione" avanzato, e quando questo e' problematico, e' difficile che ci sia pace. In un'atmosfera tormentata si regge poco: e' infernale.

Rispondi