Appena iscritto, mi presento!

Le matricole qui dentro. Presentatevi!
Rispondi
lucazeta
Newbie
Messaggi: 2
Iscritto il: mer set 23, 2020 12:15 am
Genere: Maschio

Appena iscritto, mi presento!

Messaggio da lucazeta »

Ciao a tutti, mi chiamo Luca, ho 36 anni e vivo a Milano.

Scopro questo forum in modo molto semplice, googlando il termine "asessualità", in seguito ad un periodo (piuttosto prolungato ormai) in cui non riesco a decifrarmi.
Per farla molto, ma molto breve ho sempre avuto una pulsione sessuale piuttosto debole, sempre etero, che è spesso coincisa con un l'aggiunta di una componente ansiosa nella dimensione intima (del resto, come non sentirsi inadeguati quando si ha sempre 1/5 del desiderio della partner?).
Dai 30 anni in poi, mi sono reso conto che il "dover" spesso fare sesso più per appagare la partner e per autostima sociale mi ha progressivamente portato a vedere il sesso come un dovere e non un piacere.

In sintesi, da qualche anno ho un forte desiderio di affezione e romanticismo, ma quando si tratta di passare al piano fisico sono sempre in crisi, ed è una componente che non mi sembra (o non mi sembra più) fondamentale e necessaria per una relazione.

Questa la mia situazione in breve, spero di trovare in questa comunità informazioni utili, condividere esperienze e conoscere meglio tutte le sfumature che non conosco della sfera.

A presto

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27215
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Appena iscritto, mi presento!

Messaggio da Bianca »

Ciao Luca e benarrivato.
Sî, ci sono tante sfumature e infiniti modi per vivere la sessualità e tanti modi per vivere l’asessualità presente in varie forme e intensità.
La tua la definisci 1/5 rispetto a quella della partner e ce n’è abbastanza per mandarti in crisi e farti sentire inadeguato.

Vedi, non ci sono pastiglie da prendere, nè magie da mettere in atto al fine di aumentare un’attrazione inesistente o che langue.
Esiste soltanto un modo per migliorare le cose: prendere atto di come si è fatti ed accertarsi così, per come si è, imparando a dare altro, magari proprio ciò che i sessuali non sanno dare.

Con la partner si può tentare una sincronizzazione, senza ansie e senza sensi di colpa.
Ci sono donne che, pur non essendo asessuali, ritengono importante vivere un amore romantico e sanno accettare il tuo 1/5 senza farne un dramma.
Non sono nè masochiste nè ascete, semplicemente trovano in te qualcosa di importante che va ad occupare quei 4/5 mancanti.

No, in realtà non è una questione matematica, sarebbe troppo facile, è un insieme di caratteristiche apprezzabili che l’asessuale può sviluppare conoscendosi e tu, hai ancora il tempo per farlo.

Buona giornata e a rileggerci!

lucazeta
Newbie
Messaggi: 2
Iscritto il: mer set 23, 2020 12:15 am
Genere: Maschio

Re: Appena iscritto, mi presento!

Messaggio da lucazeta »

Ciao Bianca grazie per il benvenuto.

Condivido quello che dici, compreso il punto riguardante la possibilità potenziale di sviluppare una relazione con una donna non asessuale. E forse sono sempre stato io la parte condizionata, socialmente e personalmente, a vedere delle insoddisfazioni che non c'erano (o che magari stavano altrove e non nella dimensione libidica).

In ogni caso sto facendo tesoro di un po' di testimonianze che leggo qua e là nel forum, e come immaginavo i casi maschili sono più rari e (leggendo alcuni resoconti di donne) talvolta dei "falsi positivi"

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27215
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Appena iscritto, mi presento!

Messaggio da Bianca »

L’impressione che ho avuto più volte stando su Aven, è stata proprio quella che i più “agitati” siano gli asessuali.

Non voglio minimizzare le preoccupazioni di chi vive l’asessualità in prima persona, nè posso misurare l’esatta condizione di chi, prima o poi, in una relazione, deve dare delle spiegazioni o sopportare pressioni e malumori ma credo che si possa essere più positivi.

Certamente molti asex avranno vissuto l’esperienza di un partner che, preso atto della situazione, ha girato i tacchi e se n’è andato o altri che hanno unilateralmente deciso di chiudere una relazione ancor prima che l’altro avesse rivendicato dei diritti.

Oggi, è possibile parlare sinceramente; non c’è niente di cui vergognarsi nell’essere caratterizzati dall’asessualità, anzi, dovrebbe essere una condizione che spinge a sviluppare altre caratteristiche, qualità rare, capacità apprezzabili.

Tu pensi sia possibile?

Avatar utente
alidicarta
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: dom set 06, 2020 5:30 pm
Orientamento: Eteroromantica
Genere: Femmina
Località: Lombardia

Re: Appena iscritto, mi presento!

Messaggio da alidicarta »

Ciao Luca, benvenuto.
Mi ritrovo molto in ciò che hai scritto, dal senso di inadeguatezza al desiderio di romanticismo.
Devo ancora prendere le misure e capirne le sfumature, ma sono sollevata dal fatto di non essere la sola a provare certe sensazioni

Rispondi