Parliamo di tradimento?

Domande, dubbi e curiosità da parte di coloro che sono vicini agli asessuali.
loscimmione
Junior
Messaggi: 21
Iscritto il: ven lug 31, 2015 5:45 pm
Orientamento: sessuale
Genere: maschio

Parliamo di tradimento?

Messaggio da loscimmione »

Salve a tutti. So di tirar fuori dal cilindro un argomento non di facile approccio ma sono convinto che imparerò moltissimo dalle vostre risposte.
Iniziamo con la causa della domanda.
Come già accennato in altri post, la mia compagna è grey e io un forte sessuale. Stiamo assieme da quasi dieci anni, in cui nei primi lei si è comportata da perfetta sessuale per poi scemare nelle quantità, fino alla presa di coscienza o quantomeno al coming out con me dopo circa 6 anni. Io avevo già iniziato a sospettare qualcosa, prima che avesse perso interesse per me, poi che ci fossero altri (mi è già capitato purtroppo in passato e la mia fiducia nel genere femminile ha ricevuto un duro colpo), poi ho continuato a dubitare di me stesso finché non ho trovato anni fa questo forum, e li ho capito cosa poteva essere. Comunque dopo poco lei ha fatto il suo coming out dandomi ragione, e qui siamo. In questi anni io ho lavorato su me stesso per annullare i miei bisogni. E' stata dura, ma ci ho investito parecchio e posso essere fiero di ciò che ho fatto, specie per qual'è la mia natura. Mi va bene avere un rapporto, a volte anche incompleto perché magari lei cambia idea a metà, anche ogni 6/7 mesi. Certo, dire che non mi manca o non ne risento è pura follia, ma riesco a tenere a freno me stesso e riesco soprattutto a non farlo pesare a lei, e questo è ciò che maggiormente mi interessa.
Tutto ciò che ho fatto o voluto, è sempre stato per vederla felice, sempre per lei.
Sono andato contro a me stesso, perdonando sue bugie quando avevo giurato sulla mia vita di non dare più seconde opportunità, e alla fine ne ho date terze, quarte,... e ne darò ancora, perlomeno a lei.

Ora, sembrerebbe tutto fantastico (quantomeno per lei) ma poco tempo fa mi ha chiesto se mi avrebbe dato fastidio se avesse iniziato a frequentare un ragazzo che faceva servizio civile con lei per conoscerlo e vedere se magari sarebbe potuto diventare un suo amico.
Quando le ho detto fai pure, poi ho scoperto che in realtà era già da un po' che si erano dati alla conoscenza reciproca e alla scoperta dei mille interessi in comune. Dopo avermi promesso di non vederlo ogni settimana per farmi stare tranquillo ( si, sono un tipo geloso purtroppo) puntualmente si son visti ogni settimana, uscendo sempre soli soletti.
Quando sono partito per un viaggio di tre giorni a un festival, dopo avermi detto la sera prima che non sarebbe uscita quei giorni, dopo mezz'ora che ero partito ho scoperto che l'aveva invitato ad uscire.
Lo so, sono terribilmente paranoico, ma cercate di capirmi: lei scrive, lui guarda caso scrive. Lei adora manga ed anime, lui un appassionato conoscitore. Lei ama i videogiochi e lui pure.
Dopo aver schifato per anni chi usava facebook deridendo chi le chiedeva di iscriversi, ora è bella che iscritta e si sentono li, perché lui non usa altro.
Adesso poi si scopre che è asessuale, o almeno lo scopro io, perché stranamente lei lo sapeva da mesi ma si era scordata di dirmelo parlando di lui.

Io ho sacrificato una parte importante di me, e adesso ho solo la parte sentimentale del rapporto. Sono così terribile come essere umano se ho paura, paura che lei mi tradisca sentimentalmente? Ma è poi possibile tradire sentimentalmente? Mi sento escluso, come se ogni aspetto comune avvicinasse quei due e allontanasse me. Ok, scusa per i tuoi sforzi, ma è capitato uno più giusto per lei e che non deve far sforzi... Lei mi ha sempre detto non tradirei mai. Però ha detto mille altre cose. Non posso parlarne con lei, perché vorrebbe dire rinfacciare le volte che mi ha mentito, e non voglio farle male inutilmente.

Voi avete mai tradito? O siete mai stati traditi? Come funziona il tradimento per un asessuale, demi o grey?
Com'è il tradimento sentimentale?
Spero di riuscire a capire prima di lacerarmi ulteriormente.
Scusate, e grazie.

Avatar utente
SilverKitsune
z = z² + c
Messaggi: 9690
Iscritto il: ven apr 15, 2011 6:03 pm
Orientamento: Asessuale
Genere: Demiguy / Non-binario
Località: Monte Argento

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da SilverKitsune »

Mi dispiace molto per la tua situazione. C'è stata una discussione recente sul tradimento, e in molti (io ne faccio parte) pensiamo che il tradimento non sia soltanto sessuale.

Per quanto mi riguarda, il tradimento è una qualsiasi cosa fatta alle spalle del partner, e la persona con cui stai ti ha "tradito" anche troppo in questo senso! Capisco benissimo come la tua fiducia nel genere femminile (anche se, ti avviso, dovrebbe essere genere umano perché queste cose le fanno sia gli uomini che le donne) ne abbia risentito; a giudicare dal tuo racconto, non sembra che abbia occhi per altri che per questo individuo...

Tuttavia, se si piacciono, temo ci sia poco che tu possa fare. Hai dato tutto quel che potevi dare, ma dall'altra parte c'è un interesse più forte verso una persona che non sei tu. Penso che sia meglio per entrambi se vi separate.
"I see now that the circumstances of one's birth are irrelevant; it is what we do with the gift of life that makes us who we are."

MBTI: INTJ

Avatar utente
Ayr
A-ssolutamente Fantastico
Messaggi: 96
Iscritto il: gio lug 16, 2015 10:30 am
Orientamento: Demisexual
Genere: A-typical m
Località: Piemonte

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da Ayr »

Non so quanto sia utile esprimere il mio pensiero, ma sono convinto che il tradimento non possa affatto essere sessuale, al di là delle apparenze.

Anche per i sessuali il tradimento è essenzialmente sempre una mancanza di comunicazione e fiducia, che poi possa portare ad andare a letto con qualcuno, a condividere interessi con qualcuno o a qualsiasi altra cosa fa poca differenza.

Il modo in cui racconti la storia lascia poco spazio all'interpretazione, in ogni caso se posso permettermi di condividere la mia esperienza, non parlare e non condividere i propri pensieri e sentimenti è esattamente il primo passo che conduce lontano dall'amore.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29091
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da Bianca »

Ciao lo!
Quando ti sei presentato, hai parlato della tua ragazza definendola splendida.
Splendida è una bella definizione e comprende tutta una serie di qualità che dovrebbero escludere il tradimento e soprattutto, le bugie.
Il tradimento sentimentale, è molto più grave del tradimento sessuale, per un sessuale; ma siccome lei sessuale non è, mettiamo i due tradimenti sullo stesso piano.
Forse, il tuo infinito amore, ha fatto sì che lei non solo non ti abbia detto, fin dall'inizio, come sarebbe stato suo dovere, quali sono le sue caratteristiche, ma che ora si permetta anche una "distrazione" con un uomo che, indubbiamente, sente più simile, più vicino a lei per desideri e preferenze.
Siccome dall'esterno è molto difficile capire quali sono le reali dinamiche di una coppia, ascoltando, oltretutto, una sola campana, penso che l'unico consiglio che ti si può dare, sia quello di parlare con lei, con molta calma, e cercare di chiarire quali siano i reali rapporti tra lei e l'altro, le sue aspettative, eventuali intenzioni.
Siccome alla base di qualsiasi rapporto, deve esserci una assoluta onestà di intenti, le devi chiarire che tu puoi perdonare, ma le bugie non sono tollerate, mai e per nessuna ragione.
Le bugie consistono nel dire una cosa per un'altra, ma anche nel tacere cose importanti.
Ti chiedo ancora una cosa: quanto ha pesato tra voi la tua rinuncia ad un sesso più frequente?

loscimmione
Junior
Messaggi: 21
Iscritto il: ven lug 31, 2015 5:45 pm
Orientamento: sessuale
Genere: maschio

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da loscimmione »

`Silver ha scritto:Mi dispiace molto per la tua situazione. C'è stata una discussione recente sul tradimento, e in molti (io ne faccio parte) pensiamo che il tradimento non sia soltanto sessuale.

Per quanto mi riguarda, il tradimento è una qualsiasi cosa fatta alle spalle del partner, e la persona con cui stai ti ha "tradito" anche troppo in questo senso!
Grazie intanto a tutti per le risposte! Sono d'accordo con la visione del tradimento, giustissimo.
Tuttavia forse ho condensato troppo la mia situazione per non 'rompere troppo' con le mie cose, volendo invece dare importanza alle domande finali.
E' vero, secondo i miei canoni con bugie varie mi ha 'tradito' ( almeno la fiducia ) ma è una persona meravigliosa e credo non l'abbia mai fatto di proposito a ferirmi.
Hanno cose in comune, anche troppe, ma la mia paura è per un futuro prossimo non tanto (spero) per una situazione che stia succedendo o già successa. Lei cerca di venirmi incontro ogni volta dopo aver 'sbagliato', poi ora con il lavoro non lo vede più spessissimo, anche se credo lo senta comunque su facebook il mio più che un dubbio è una paura.
E la speranza che come tutte le paure svanisca con la conoscenza.
Per questo voglio capire come vive un tradimento, o un infatuazione per un altro, chi come me non è sessuale. Per capire ed eventualmente leggere i segnali prima.
Torno a dire, mi fido di lei e credo davvero che adesso non mi stia tradendo, o che al momento non sia veramente infatuata di lui. Voglio solo capire prima di accorgermi quando ormai sarà troppo tardi.
Scusate ancora se non mi sono espresso bene, non sono abituato ad aprirmi e quando lo faccio sono molto confusionario.
Scusate

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29091
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da Bianca »

Ti faccio una previsione: tu perdonerai.
Perdonerai bugie, cose inespresse, anche tradimenti.
Tu perdonerai perché l'ami e niente ti farà cambiare idea.

loscimmione
Junior
Messaggi: 21
Iscritto il: ven lug 31, 2015 5:45 pm
Orientamento: sessuale
Genere: maschio

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da loscimmione »

Ciao Bianca, e grazie.
Allora, quando l'ho definita splendida l'ho pensavo, lo penso e non credo sarà facile smetta di pensarlo.

Per il non dire fin dall'inizio, probabilmente non lo sapeva nemmeno lei, o non lo capiva, o non lo accettava.
All'inizio il sesso c'era, poi piano piano si è rarefatto.
Però questa cosa non pesa sulla nostra relazione.Ho le spalle larghe, e posso sopportare un bel po' di cose.
Tutte, in realtà, tranne il tradimento.
Con lei ne ho parlato, e mi ha detto di non temere e non ho motivo di non crederle a parte le mie insicurezze ecc.
Sicuramente sono solo io che sono diffidente o magari paranoico, per questo capire come sono le dinamiche per un'altra sessualità che non è la mia mi aiuterebbe credo.
Il non posso parlarne con lei era perché se le dicessi che ho difficoltà a stare tranquillo sarebbe ricordarle delle volte in cui ci sono state bugie o cose taciute, e siccome farlo significherebbe colpevolizzarla o farla comunque stare male, non ho intenzione alcuna di farlo.

Per qualunque altra cosa non spiegata mi scuso, non sono bravo come ho già detto, ma non esiterò a dare altri particolari.
Voglio solo sottolineare che il problema non è lei, sono io che per quelle cavolate non dette o taciute per sbaglio o altro, non riesco a stare tranquillo.
E poi perché non voglio perderla, davvero. Preferisco perdere me stesso che lei.


Grazie delle vostre risposte, siete coccolissimi.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29091
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da Bianca »

Ma io l'avevo ben capito che tu non vuoi rinunciare a lei.....
Allora, partiamo dal presupposto che sia tu che esageri, che sia la tua insicurezza a farti vedere cose che non ci sono e pericoli dettati da una mente che vive perennemente nella paura di perdere ciò a cui tiene di più.
L'insicurezza può nascere da tante cose: aver subito dei torti, essere stati poco amati, portarsi dentro paure dall'infanzia, crisi non risolte, ecc.
A questo punto sei tu che devi sapere quanto i tuoi problemi incidono sulle cose che tu hai raccontato e se capisci che la loro incidenza è importante, devi, anche con sforzo, correggere il tuo modo di guardare e di reagire.
Pensaci.

loscimmione
Junior
Messaggi: 21
Iscritto il: ven lug 31, 2015 5:45 pm
Orientamento: sessuale
Genere: maschio

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da loscimmione »

Fosse facile.. Che dire, continuerò a provarci. Nel frattempo però, spero davvero di capire come vedono il tradimento altre tipologie sessuali.
O magari per una persona asessuale o demisessuale il tradimento non esiste, e io mi sto preoccupando per nulla!
Vedremo.
Grazie ancora Bianca

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29091
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da Bianca »

Nessun ringraziamento!
Il tradimento esiste, secondo me, anche per gli asessuali; avviene a livello mentale e loro sanno benissimo in che cosa consiste, solo che forse non sanno come spiegarlo.
Tra i sessuali, si possono trovare i mariti cretini che, fuori per lavoro, passano la notte con la collega o la sconosciuta del posto. Ritornano a casa e, forse, rimuovono totalmente l'episodio che non riveste, o pare non rivestire, alcuna importanza.
Per gli asessuali il tradimento avviene in modo molto più raffinato, come in modo molto più raffinato avviene l'innamoramento.
Solo capendo la raffinatezza di cui sono capaci gli asessuali a livello cerebrale, lì si può capire davvero.
Sono costretti a fare a meno di un mezzo che i sessuali hanno, per questo quando si parla di loro, non si può dimenticare la raffinatezza con la quale in loro si manifestano e concretizzano i sentimenti.

loscimmione
Junior
Messaggi: 21
Iscritto il: ven lug 31, 2015 5:45 pm
Orientamento: sessuale
Genere: maschio

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da loscimmione »

Intanto che schifo l'immagine del partner che tradisce in modo così squallido. Già non concepisco il tradimento per un'innamoramento ( se pensi di aver trovato il vero amore e non è quello che hai sposato, prima divorzia poi in caso ci vai a letto) figurarsi così a random. :x

Per il termine raffinatezza devo dire che hai trovato proprio una parola stupenda per esprimere il concetto.
Secondo te noi sessuali non ne siamo capaci o non ci impegniamo abbastanza in quel frangente?
Forse è come per i ciechi, che sviluppano i sensi rimanenti raggiungendo livelli difficilmente arrivabili per chi vede normalmente.
O magari è proprio una prerogativa....
Io devo dire che esaminando molti miei simili (e per simili intendo maschi sessuali) mi sento abbastanza meno 'rozzo' sentimentalmente... Forse perché
la mia parte femminile è molto sviluppata, o forse perché essendo molto sensibile e avendo tante cicatrici 'interiori' ho imparato a essere più attento agli altri.
Boh. Nebbia alta ancora nella mia testa scimmiesca.
Però devo dire che grazie a te un qualche passo avanti nei ragionamenti mi sento di averlo fatto!

Avatar utente
SilverKitsune
z = z² + c
Messaggi: 9690
Iscritto il: ven apr 15, 2011 6:03 pm
Orientamento: Asessuale
Genere: Demiguy / Non-binario
Località: Monte Argento

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da SilverKitsune »

Secondo me i sessuali sono "emotivamente raffinati" quanto possono esserlo gli asessuali; diciamo che gli asessuali, non provando attrazione sessuale, al limite fanno meno difficoltà a distinguere un'infatuazione fugace (che per i sessuali potrebbe comportare anche attrazione sessuale) da un vero e proprio sentimento. Ho conosciuto maggiormente sessuali nella mia vita, ovviamente; alcuni di loro erano stronzi, altri erano persone d'oro e sono miei amici da anni, sensibilissimi e tutto il resto. Così come, del resto, ho anche conosciuto gli asessuali stronzi :mrgreen: (Non gente che frequenta attualmente il forum, per fortuna!)

Comunque secondo me stiamo un po' perdendo di vista il punto focale del tradimento: è SOGGETTIVO. Una cosa che è tradimento per persona A può non esserlo per persona B. Esempio: se X e Y stanno insieme in coppia monogama, è diverso se W e Z stanno insieme in coppia aperta o poliamorosa (laddove la frequentazione di altre persone non è considerata tradimento, se lo si fa apertamente e parlandone col/coi partner attuale/i). Devi chiederti una cosa: TU ti senti tradito dal comportamento della persona con cui stai? Io, se fossi nelle tue scarpe, risponderei di sì; per me è impensabile stare vicino a una persona che non mi ispira fiducia. Poi ovviamente, ognuno con le sue relazioni fa quello che vuole; io non sono qui a dettarti verità assolute, ma per il tuo personale benessere, ti consiglio di pensarci davvero bene... quando dici che "te ne vuoi rendere conto prima che sia troppo tardi", ho già paura che, data la situazione, il "troppo tardi" sia adesso.

Scusa la brutalità, non lo faccio perché mi sei antipatico, se fosse per me tutti dovrebbero essere felici e contenti. Purtroppo in situazioni del genere non me la sento di dare illusioni alle persone. (Fortuna che qualcuno compensa il mio pessimismo :lol:)
"I see now that the circumstances of one's birth are irrelevant; it is what we do with the gift of life that makes us who we are."

MBTI: INTJ

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29091
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da Bianca »

Il discorso è questo: il sessuale prova attrazione e insieme eccitazione. Questo lo mette in una condizione in cui se c'è la comodità, la certezza di farla franca, il materiale a disposizione, spesso non si tira indietro, secondo il vecchio detto "ogni lasciata è persa".
Non sono tutti così, per fortuna. C'è chi sa stare al proprio posto, chi ha dei principi, chi sa essere fedele, chi non ragiona con gli organi sessuali.
Da ciò si può dedurre che i sessuali, spinti da attrazione ed eccitazione, non sperimentano un raffinato tradimento a livello cerebrale, ma un povero, misero tradimento carnale.
Bravo! È proprio come dici tu, l'esempio del cieco, calza alla perfezione: mancando uno dei cinque sensi, gli altri quattro si sviluppano così tanto da sopperire, in parte, a quello che manca.
L'asessuale, mancando dell'attrazione sessuale, sviluppa altri elementi che l'aiutano nei rapporti con gli altri, che siano di amicizia, di ammirazione, di amore, di intesa.
Questi altri elementi che solo l'asessuale sviluppa a livello cerebrale, possono consentire il verificarsi di un'intesa così profonda che il sessuale che la scopre e l'apprezza, può essere disposto a fare a meno (e non uso appositamente 'rinunciare') del sesso, perché capisce che quella è un'esperienza d'amore unica e irripetibile.
Quello che dici di te a proposito della sensibilità e della tua particolare capacità di comprendere gli aspetti tipicamente femminili, sono proprio quelli che possono averti messo nella condizione di apprezzare una persona a cui il sesso interessa poco.
Se tu in un rapporto d'amore togli il sesso, scopri un mondo che non immaginavi esistesse e pur avendo sperimentato in passato altre cose, non ti viene il desiderio di tornare indietro.

Avatar utente
Haderian
Asexy
Messaggi: 365
Iscritto il: ven set 16, 2005 7:13 am
Orientamento: omosessuale
Genere: maschio

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da Haderian »

mi dispiace per la tua situazione. ti sei espresso molto bene e mi sono immedesimato nel tuo racconto e mi hai fatto anche tenerezza. anche per me da come hai descritto le cose le tue preoccupazioni purtroppo non sembrano infondate.

il tradimento non sessuale (quindi romantico) in una coppia monogama per me consiste già' anche solo nel provare un interesse tale, per una persona di cui si e' attratti, da "cedere" all'impulso di cercarla, di frequentarla e di starle vicino. dopodiché' possono nascere infatuazioni, voglia di farsi le coccole ecc…
il tradimento e' rendersi conto di questo interesse e assecondarlo tenedolo nascosto al partner a prescindere da quale sia effettivamente l'interazione con l'altra persona.
questo perché', oltre all'inaffidabilità' della persona, dimostrerebbe che i tuoi sentimenti per lei non sono corrisposti, almeno non nella stessa misura o almeno non per quanto riguarda sentimenti di esclusività' (interessarsi ad un partner alla volta)

per quanto riguarda i sentimenti per me il tradimento si avvicina molto - se non addirittura equivale - al desiderio di tradire trattenuto. se ci si accorge di stare avendo un interesse importante per una persona non trovo giusto nasconderlo al proprio partner.

La differenza secondo me sta in ciò' che prova la tua compagna per questa persona, se e' attratta da lui o meno (anche se in modo romantico e non sessuale) e in che modo e' interessata a lui.
Secondo me se stai troppo male dovresti parlarne con lei e farle capire che per te e' una cosa importante. penso che tu ne abbia tutto il diritto.

parlarne non deve comportare l'allontanamento di lei da questa persona ne farla sentire giudicata.
sebbene tu non vuoi metterla a disagio non vuoi nemmeno perderla e le due cose non sembrano molto compatibili.
in una coppia entrambi hanno le stesse responsabilità'. se fosse lei a preoccuparsi per una persona che frequenti tu avrebbe lo stesso tuo diritto di parlarti di questa sua difficoltà'. in più' a lungo andare potresti perderla comunque se non vivi bene il rapporto.

il suo interesse potrebbe essere anche solo amicizia e nient'altro… in questo caso lei starebbe "solo" sbagliando il modo in cui lo frequenta.
quando cerca di nasconderti delle cose potrebbe starlo facendo solo per paura di farti ingelosire creando senza volerlo l'effetto contrario..
in ogni caso questo non e' un buon modo di gestire la situazione.

Comunque se lei ti fa intendere che non e' attratta da lui e non ha un interesse di tipo romantico per lui allora non ti resta che fidarti e cercare di mettere a tacere le tue preoccupazioni oppure puoi non fidarti e in quel caso la scelta migliore sarebbe separarsi perché vivere un rapporto senza fiducia mi sembra solo deleterio

loscimmione
Junior
Messaggi: 21
Iscritto il: ven lug 31, 2015 5:45 pm
Orientamento: sessuale
Genere: maschio

Re: Parliamo di tradimento?

Messaggio da loscimmione »

Grazie Silver e Haderian.
Per ora voglio solo aspettare, tutte le cose taciute o raccontate in modo diverso da com'erano non saranno state volontarie, probabilmente non se ne sarà nemmeno
accorta finché non le ho detto chiaro che così mi aveva ferito, e il fatto di rifarlo pura sbadataggine.
Voglio fidarmi perché lo merita, e lavorare ancora su me stesso piuttosto. Ho già cambiato tanto, posso cambiare ancora.
Poi da quanto ho capito finora un infatuazione comunque sarebbe facilmente individuabile.
So che può sembrare assurdo, ma l'unica cosa che chiedo è che se succeda non sia alle mie spalle. Se davvero un'altro potrebbe renderla più felice mi farei da parte, a me interessa solo che lei stia bene. L'unica cosa è appunto non essere pugnalato alla schiena, non da lei. L'amo troppo.

Comunque è interessante notare che finora il concetto di tradimento sessuale è il più limitativo rispetto la realtà, che il tradimento più grave sia alla fine la menzogna.
Però in fin dei conti è anche comprensibile, la menzogna è l'unico tipo di tradimento che può essere applicato a ogni tipo di rapporto basato sulla fiducia, dall'amicizia all'amore platonico, dalla monogamia alle coppie aperte, ecc.

Io per esempio anni fa ho troncato un rapporto di amicizia con una ragazza cui volevo un bene dell'anima appunto perché il confine era troppo troppo labile, non sapevo come sarebbe evoluto nel tempo, era capitato in passato lei provasse interesse per me e allora nel rispetto della mia attuale partner l'ho esclusa, anche se è stata davvero dura, dalla mia vita.
Mah, a volte tutto sembra troppo complicato...

Rispondi