Si può passare da una vita sessuale intensa al disinteresse totale per il sesso innamorandosi di un demisessuale?

Domande, dubbi e curiosità da parte di coloro che sono vicini agli asessuali.
Rispondi
Zebra
Newbie
Messaggi: 3
Iscritto il: lun apr 12, 2021 8:35 pm

Si può passare da una vita sessuale intensa al disinteresse totale per il sesso innamorandosi di un demisessuale?

Messaggio da Zebra »

Buonasera a tutti!

Sono una donna di 36 anni e vi spiego la mia situazione. Ho avuto una intensissima vita sessuale, dai 17 anni in poi, diversi partner, amavo molto il sesso, soprattutto in ambito BDSM, in cui sono sempre stata molto propositiva (in qualità di mistress). Quando parlo di vita sessuale attiva, intendo che adoravo il sesso, era quasi un'ossessione, passavo giornate intere a farlo, era parte fondamentale della mia identità.

A 32 anni ho incontrato quello che è attualmente il mio compagno, un uomo di dieci anni più grande. La persona migliore che abbia mai conosciuto, dolcissimo, molto spirituale, abbiamo un'intesa incredibile. Ma è un uomo che non riesce a fare sesso con una donna se non la ama, ha avuto solo un paio di fidanzate prima di me. I primi mesi abbiamo tentato spesso di fare sesso ma lui aveva qualche problema perché "non si sentiva amato" (non ero ancora innamorata ovviamente, essendo i primi approcci). Poi le cose sono migliorate, ma l'incompatibilità sessuale era totale. Non ci piace nulla che piaccia anche all'altro e ogni rapporto è insoddisfacente per entrambi. Entrambi volevamo cose diverse, ma ci amavamo molto, perciò siamo andati in terapia. Le cose erano migliorate, anche se a stento, e siamo per un breve periodo riusciti ad avere una blanda vita sessuale, un paio di volte al mese.

Poi sono rimasta incinta, bimbo cercato. Ora il bimbo ha due anni, e noi non facciamo sesso da 2 anni e mezzo.

Lui mi cerca a volte, ma io non sono interessata al sesso. So che lo amo, non lo lascerei mai, ma il sesso per come lo concepisce lui, per me è un fastidio, un peso e una frustrazione, perciò non mi va di farlo. Lui si accontenta di coccole (ce ne sono tante) e baci. Io non sento nemmeno il bisogno di soddisfarmi da sola, né sono interessata ad altri uomini.
La mia domanda è, secondo voi potrei essere diventata asessuale? E un uomo come il mio potrebbe davvero vivere solo di coccole, visto che non riesco a dargli di più? Sottolineo che lui ogni tanto mi cerca, una volta ogni due o tre mesi, ma la cosa mi infastidisce e lasciamo perdere subito. So che non ha un'altra perché lavoriamo entrambi da casa e usciamo sempre assieme. Siamo felici, ma vorrei capire se questa situazione può continuare così o se dovremmo tornare in terapia. Tutti quelli che sanno, mi chiedono perché ci ho fatto un figlio, visto che amavo così tanto il sesso. Ma proprio perché so cosa sia il sesso, so anche che quello che mi dà è molto di più e che il sesso è sacrificabile, quantomeno per ora. Anche perché, di fatto, non è un sacrificio per me.

Non so se mi sono spiegata! Ogni parere mi sarà di aiuto!
Grazie!

Mariii
Maxi-Mitosi
Messaggi: 270
Iscritto il: gio ott 01, 2020 2:53 pm
Orientamento: Asessuale - Omoromantica
Genere: Femmina

Re: Si può passare da una vita sessuale intensa al disinteresse totale per il sesso innamorandosi di un demisessuale?

Messaggio da Mariii »

Zebra ha scritto:
lun apr 12, 2021 8:51 pm
Buonasera a tutti!

Sono una donna di 36 anni e vi spiego la mia situazione. Ho avuto una intensissima vita sessuale, dai 17 anni in poi, diversi partner, amavo molto il sesso, soprattutto in ambito BDSM, in cui sono sempre stata molto propositiva (in qualità di mistress). Quando parlo di vita sessuale attiva, intendo che adoravo il sesso, era quasi un'ossessione, passavo giornate intere a farlo, era parte fondamentale della mia identità.

A 32 anni ho incontrato quello che è attualmente il mio compagno, un uomo di dieci anni più grande. La persona migliore che abbia mai conosciuto, dolcissimo, molto spirituale, abbiamo un'intesa incredibile. Ma è un uomo che non riesce a fare sesso con una donna se non la ama, ha avuto solo un paio di fidanzate prima di me. I primi mesi abbiamo tentato spesso di fare sesso ma lui aveva qualche problema perché "non si sentiva amato" (non ero ancora innamorata ovviamente, essendo i primi approcci). Poi le cose sono migliorate, ma l'incompatibilità sessuale era totale. Non ci piace nulla che piaccia anche all'altro e ogni rapporto è insoddisfacente per entrambi. Entrambi volevamo cose diverse, ma ci amavamo molto, perciò siamo andati in terapia. Le cose erano migliorate, anche se a stento, e siamo per un breve periodo riusciti ad avere una blanda vita sessuale, un paio di volte al mese.

Poi sono rimasta incinta, bimbo cercato. Ora il bimbo ha due anni, e noi non facciamo sesso da 2 anni e mezzo.

Lui mi cerca a volte, ma io non sono interessata al sesso. So che lo amo, non lo lascerei mai, ma il sesso per come lo concepisce lui, per me è un fastidio, un peso e una frustrazione, perciò non mi va di farlo. Lui si accontenta di coccole (ce ne sono tante) e baci. Io non sento nemmeno il bisogno di soddisfarmi da sola, né sono interessata ad altri uomini.
La mia domanda è, secondo voi potrei essere diventata asessuale? E un uomo come il mio potrebbe davvero vivere solo di coccole, visto che non riesco a dargli di più? Sottolineo che lui ogni tanto mi cerca, una volta ogni due o tre mesi, ma la cosa mi infastidisce e lasciamo perdere subito. So che non ha un'altra perché lavoriamo entrambi da casa e usciamo sempre assieme. Siamo felici, ma vorrei capire se questa situazione può continuare così o se dovremmo tornare in terapia. Tutti quelli che sanno, mi chiedono perché ci ho fatto un figlio, visto che amavo così tanto il sesso. Ma proprio perché so cosa sia il sesso, so anche che quello che mi dà è molto di più e che il sesso è sacrificabile, quantomeno per ora. Anche perché, di fatto, non è un sacrificio per me.

Non so se mi sono spiegata! Ogni parere mi sarà di aiuto!
Grazie!
Buongiorno Zebra, nono non è possibile diventare asessuali. Sicuramente la visione che lui ti impone del sesso ti ha influenzata parecchio e talmente ti dà fastidio che ormai ti è calato l'interesse, ma non credo proprio che tu possa essere asessuale. Per definizione, l' asessualità è la mancanza di attrazione sessuale verso gli altri con conseguente mancanza di interesse nei confronti del sesso, tutto qua. Io ti consiglio di continuare anche a fare terapia e parlarne con il tuo specialista, ma stai tranquilla che nel caso dovessi trovare un altro uomo tutto ritornerebbe alla normalità stando a quanto scrivi. Avanti, in bocca al lupo e buona giornata :)

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29090
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Si può passare da una vita sessuale intensa al disinteresse totale per il sesso innamorandosi di un demisessuale?

Messaggio da Bianca »

Buongiorno Zebra e benarrivata.

Ho letto attentamente e, come mi accade spesso, devo cominciare con qualche domanda.

Questo Signor Demi che ha sicuramente delle qualità, a questo punto(un bambino, vita serena condivisa, sentimenti reciproci) non è abbastanza innamorato di te da desiderare con una certa cadenza, di fare l’amore con te?

Potrebbe essere asessuale e non Demi?

Per quanto riguarda te, non sarà che il difetto sta nel manico?

Voglio dire, essendoti tu abituata e con tua massima soddisfazione, a far sesso in un certo modo non proprio tradizionale.
Questa tua situazione precedente, non potrebbe essere il motivo che rende te indifferente ad un sesso in cui l’amore è fondamentale e blocca lui al pensiero di non poterti dare niente di quanto tu hai sperimentato in precedenza?

Credo che tutte le esperienze (Bdsm, scambio di coppia, sesso promiscuo, sadomaso, prostituzione, ecc. ecc...) che esulano dal più o meno tradizionale modo di fare l’amore, segnino profondamente la persona che vi aderisce, cambiando anche le preferenze e costringendo a scegliere sempre qualcosa di nuovo e di diverso; tutto il resto è noia.

Non hai nessun obbligo di rispondere a me, sono domande che devi porre a te stessa e che possono aiutarti, anche soltanto, a mantenere in equilibrio una situazione, tutto sommato, soddisfacente.

Zebra
Newbie
Messaggi: 3
Iscritto il: lun apr 12, 2021 8:35 pm

Re: Si può passare da una vita sessuale intensa al disinteresse totale per il sesso innamorandosi di un demisessuale?

Messaggio da Zebra »

Grazie davvero per le risposte, mi stanno dando degli spunti di riflessione importanti.

Il motivo per cui mi chiedevo se fosse possibile diventare asessuali non è per mettere a me stessa un'etichetta, ma solo per cercare di capire a che punto sono nella mia vita e che cosa potrebbe succedere da qui in poi. Da quello che avevo capito, forse sbagliando, trattandosi di un orientamento sessuale, avendo io l'idea di una sessualità molto fluida, mi ero chiesta appunto se fosse possibile "diventarlo", per questioni che possono essere di natura amorosa, ormonale, o altro. Da li il mio dubbio iniziale.

Provo volentieri a rispondere alle domande di Bianca:

Il mio compagno a parole dice di volerlo fare, però nei fatti non fa nulla per cercare un approccio. Magari mentre siamo abbracciati e ci coccoliamo, ha un'erezione, ma non fa nulla solitamente per cercare di arrivare al sesso.

Per quanto riguarda le mie preferenze generiche, sicuramente non sono interessata a un sesso "romantico", proprio per quello iniziò la terapia. Il tentativo è stato quello di " Riprogrammare"me è far provare cose nuove a lui. Un punto di incontro si era trovato, infatti siamo genitori :) ma era un punto insoddisfacente per entrambi.

Il sesso inoltre ci portava a continue tensioni e litigi. Io non potevo capire, se non teoricamente, come funzionasse lui e lui trovava incomprensibile me.

Ciò che mi chiedo è se una situazione simile sia gestibile sul lungo termine. Sia la sessuologia che i mille articoli che ho letto a riguardo dicono che senza sesso la coppia si sfascia e che non si tratta di amore, ma di affetto fraterno. Ecco, questo mi turba molto. Non avendo mai vissuto relazioni simili, non so bene a chi dare retta.

Poi può essere che il sesso sporadicamente riprenda quando il bambino sarà più grande, magari alla ricerca del secondo, chissà, ma anche se fosse, l'affinità non potrà migliorare perché ormai le abbiamo provate tutte :)

Zebra
Newbie
Messaggi: 3
Iscritto il: lun apr 12, 2021 8:35 pm

Re: Si può passare da una vita sessuale intensa al disinteresse totale per il sesso innamorandosi di un demisessuale?

Messaggio da Zebra »

Per fare un esempio di cosa intendo per incompatibilità, per esempio, posso parlare del suo approccio. Quando capita che si senta particolarmente ispirato, comincia a farmi delle coccole, che, sicuramente, nella sua mente sono diverse e più sexy delle solite. Nella mia testa invece, scatta la modalità affettuosa, quindi mi accoccolo e mi appisolo.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 29090
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Si può passare da una vita sessuale intensa al disinteresse totale per il sesso innamorandosi di un demisessuale?

Messaggio da Bianca »

Mi sembra di poter dire subito due cose:
a) dal punto di vista sessuale non siete armonici.
b) la sessuologa ha delle lacune. Forse ha saltato un esame.

Per carattere, disposizioni naturali, preferenze, esperienza, tu e lui viaggiate su due binari diversi.
Questi due binari, ogni tanto si guardano, si salutano, tentano di avvicinarsi ma le traversine impediscono loro di superare la distanza.

C’è da dire che l’armonizzazione ha bisogno di tempo, specialmente quando i precedenti sono importanti.
È aiutata dai sentimenti, dagli interessi in comune, dalla volontà.

Nessuno può dire con certezza come si dipanerà la vostra storia, credo sarà quella che voi, insieme, vorrete che sia, scegliendo ogni giorno un modo, un aggiustamento, anche qualche rinuncia.

Senza sesso la coppia si sfascia?
La sessuologa ha l’obbligo morale di affermare ciò, altrimenti si mette in discussione il suo stesso attributo.
Così come la coppia ha l’obbligo morale di avere rapporti, perché questo vuole la società, la religione, le consuetudini, la cinematografia, la letteratura ed anche i mille articoli.

La realtà meno ostentata, ci potrebbe rivelare che, anche soltanto per questioni contingenti o per scelta deliberata, ci sono coppie consolidate che non hanno rapporti o li hanno raramente.
Queste coppie non vanno dalla sessuologa, perché non ne hanno bisogno e lei resta con le sue lacune.

Rispondi