Il mio uomo è asessuale?

Domande, dubbi e curiosità da parte di coloro che sono vicini agli asessuali.
Rispondi
Claudia80
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: ven ott 16, 2020 2:36 pm

Il mio uomo è asessuale?

Messaggio da Claudia80 »

Chiedo a voi un parere per capire se il mio uomo possa essere asessuale.
Io sono eterosessuale, 40 anni io 45 lui. Ci frequentiamo da 2 anni, di cui quest ultimo anno a tutti gli effetti siamo insieme ed è il mio compagno. Non viviamo insieme. Ad ogni modo, non abbiano mai fatto l’amore perché lui non ha mai voluto. All’inizio della frequentazione, mi ha detto che non faceva sesso se non era coinvolto e innamorato. Dopo qualche mese ha cominciato a dire che invece ha un blocco, per cui nel momento clou entra in una specie di loop e anche se è eccitato è solo X una questione di reazione fisica al fatto che io lo sfiori ma mentalmente non ha voglia. Ultimamente mi ha detto che il sesso non gli piace, non ha interesse, per lui è superfluo e pensa che il nostro rapporto possa fare a meno del sesso e che si può avere una bella relazione anche senza sesso e che al nostro rapporto non manca niente...
Io sono molto giù di morale, io voglio fare l’amore con lui perché lo amo e perché penso che sia importante il sesso all’interno di una coppia. Non capisco il vero motivo per cui non voglia o non riesca. Dormiamo assieme, ci baciamo, io lo tocco li, lui si eccita, sembra che gli piaccia ma ad un certo punto di blocca dice basta e fine delle trasmissioni. Non capisco se possa avere un anoressia sessuale dovuta a traumi blocchi o problemi psicologici o se sia un asessuale... purtroppo non si riesce a parlare ed evita il discorso. Ho letto un po’ di cose sulla asessualità e non capisco un punto ... ho letto che anche gli asessuali si innamorano amano e possono avere relazioni ma che semplicemente non hanno interesse per il sesso e quindi non lo praticano... la domanda che mi viene è questa: senza sesso, che differenza c è allora con un amico o un’amica a cui si vuole molto bene? Intendo che io ho un migliore amico maschio, a mio modo lo amo, gli voglio bene, sto benissimo con lui, abbiamo passato serate vacanze momenti insieme, mi è stato vicino nei problemi etc ma mai e poi mai mi sognerei di baciarlo o andarci a letto... ora se un asessuale prova sentimenti romantici e di amore ma senza Fare sesso... In fondo è come se stesse con una amica a cui vuole un bene dell’anima... insomma io non riesco ad accettare la mancanza di sesso nel Rapporto col mio compagno perché senza sesso non mi sento speciale per lui, mi sento come se fossi una sua cara carissima amica. Un’altra cosa che non capisco sull asessualita è : se in fondo è solo un disinteresse per il sesso che deriva da un orientamento e non da traumi o problemi psicologici risolvibili, perché non farlo? Cioè se una cosa ti fa schifo e ti disgusta non la mangi ma se in fondo ti è indifferente puoi anche mangiarla che non ti accade nulla di male, al massimo non ne sei stato particolarmente soddisfatto... non so se mi spiego... io non so cosa fare... non voglio lasciarlo perché lo amo e stiamo bene insieme ma a me manca qualcosa e non si capisce lui cosa abbia... cosa ne pensate? Ps: sono anni che non fa sesso con nessuna... anche le ultime relazioni che ha avuto erano senza sesso.. grazie a tutti

Avatar utente
Nubes
A-ssolutamente Fantastico
Messaggi: 79
Iscritto il: sab apr 29, 2017 2:39 pm
Orientamento: Eteroromantico
Genere: Maschio
Località: Su tra le montagne

Re: Il mio uomo è asessuale?

Messaggio da Nubes »

Ciao Claudia,
è sempre bello trovare qualcuno che di fronte ad una situazione del genere cerca di capire sinceramente cosa prova la persona che ha accanto. Non sono in grado di dirti con certezza se il tuo compagno è asessuale oppure ha qualche blocco, questo può capirlo solo lui (e non è per niente facile). Però posso darti il punto di vista di una persona che si è trovata dall'altra parte.

Tu chiedi, senza sesso che differenza c'è tra una relazione romantica e un'amicizia?
Ti è mai capitato che qualcuno ti facesse sentire le farfalle nello stomaco? Ecco, personalmente sento quella sensazione quando mi innamoro, e non è certo qualcosa che provo per le mie amiche, nemmeno per quelle a cui voglio più bene.
Ma al di là del mio esempio personale, in una relazione di coppia l'intimità tra due persone non si limita solo alla sessualità. Esiste un'intimità emotiva particolare, che si costruisce giorno dopo giorno attraverso tanti piccoli gesti e parole, ed anche un'intimità fisica non propriamente sessuale, fatta di baci e coccole e tanti tipi di contatto che vanno oltre ciò che si farebbe con un amico. Sono quegli aspetti che, in una relazione che funziona, rimangono anche quando dopo una certa età il desiderio sessuale naturalmente si spegne. Ecco, molti asessuali romantici quando pensano all'amore hanno in mente esattamente quelle cose lì.

Un'altra cosa che chiedi è: se non ci sono dietro problemi psicologici o traumi, perché un asessuale non accetta comunque di fare sesso?
Qui dipende dalla sensibilità personale. Ci sono asessuali indifferenti al sesso, che possono decidere di farlo per compiacere l'altra persona, e altri che invece hanno un vero e proprio rifiuto verso l'atto e assolutamente non vorrebbero farlo mai. Ma non è questo il punto.
Innanzitutto la sessualità è qualcosa di profondamente intimo, non è un aspetto di sé stessi che si può forzare tanto alla leggera senza conseguenze. Ma in generale, prova a pensare se qualcuno ti dicesse che per stare con te ha bisogno che tu faccia qualcosa di lontanissimo dalla tua sensibilità. Sei sicura che riusciresti a farlo? Magari all'inizio può sembrare di sì, ma volta dopo volta diventa sempre più pesante e logorante. E la sessualità non è un elemento di cui ci si accontenta una volta ogni tanto, è qualcosa di frequente e costante in una relazione di coppia. E' difficile che non si raggiunga prima o poi un punto di rottura.

Detto questo, ogni persona ha una sensibilità diversa, e quindi per trovare un punto di incontro con il tuo compagno è indispensabile che voi due affrontiate in modo diretto l'argomento. Leggendo materiale sull'asessualità puoi farti un'idea generale di cosa può provare chi vive le relazioni senza desideri di questo tipo, ma ne esistono mille sfaccettature diverse, e solo lui potrà dirti cosa prova davvero.
Purtroppo da ciò che racconti lui non mi sembra troppo consapevole di questa parte di sé, la esprime per ipotesi, in modo abbastanza confuso. E a quanto ho capito non pare nemmeno molto incline ad affrontare l'argomento. Ecco, prima di puntare ad una soluzione per la vostra vita sessuale credo che ci sia quest'altro problema da affrontare: su questo aspetto non riuscite nemmeno a comunicare apertamente. Non è nulla di strano, può capitare quando c'è un'incompatibilità di questo tipo. Però finché resterà questa barriera invisibile tra di voi sarà molto più difficile che riusciate a trovare insieme la vostra risposta a questa situazione.
Le cose più importanti sono le più difficili da dire, perché le parole le rimpiccioliscono.

Claudia80
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: ven ott 16, 2020 2:36 pm

Re: Il mio uomo è asessuale?

Messaggio da Claudia80 »

Grazie della risposta... io credo di essere stata un po’ ingannata... se mi avesse detto dall inzio che non gli piaceva il sesso (anche se a me alla fine non sembra che non gli piaccia...) forse e dico forse avrei lasciato perdere sib dall inzio... avendo I detto che lo avrebbe fatto solo una volta innamorato o coinvolto io ho creduto che nel tempo la cosa sarebbe cambiata... comunque sia... grazie

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 27215
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Il mio uomo è asessuale?

Messaggio da Bianca »

Può darsi che tu sia stata un po’ ingannata, come probabilmente è successo ad altre fanciulle prima di te ma tu, non nutrire rancore; pensa che è una caratteristica di cui il soggetto può non essere completamente consapevole, può pensare che è qualcosa che muterà nel tempo, a seconda delle persone con cui inizierà una relazione, quindi, non voglio scusarlo, anche perché non ha 15 anni ma, avendo incontrato su Aven molti asessuali o grey, so che non è facile stabilire di avere questo limite, nè accettarlo.

Quello che ti ha detto all’inizio, non era una falsità, era una speranza.
Ora, capisco che essendo tu molto coinvolta, sia più difficile prendere una decisione drastica ma lo devi fare.

Ho un’amica che ha saputo, da subito, che il fidanzato era sterile, perché aveva già un precedente matrimonio annullato ma lo ha sposato lo stesso e, dopo 25 anni, lui ha lasciato lei che lo ha sempre amato incondizionatamente.

Non ho mai avuto il coraggio di chiederle se si è pentita della sua scelta.
Ama molto i bambini ed è tutta la vita che fa la zia a nipoti vari ma penso che porti dentro di sè un grande rimpianto.

Tu ormai, la situazione la conosci e la scelta è tua.
Io, personalmente, come già ho fatto nell’altro scritto, ti consiglio di chiudere.

Rispondi