Effetto riflettore

Per tutte le piccole e grandi cose che vi rendono tristi o felici: che cerchiate conforto o vogliate celebrare un successo, questo è il posto giusto!
Rispondi
Avatar utente
Eragon_00
Membro
Messaggi: 46
Iscritto il: ven gen 06, 2017 12:19 am
Orientamento: Asessuale Bi/omoromantico
Genere: Maschio

Effetto riflettore

Messaggio da Eragon_00 » ven set 08, 2017 11:49 pm

Ciao a tutti,
ieri nella mia città c'è stato un concerto di musica classica a teatro ad ingresso gratuito. Io non sono un grandissimo appassionato di musica classica, ma mi piace ascoltarla, sopratutto dal vivo, anche perché suono il violoncello. Ho chiesto ad alcuni parenti ed amici se mi potevano accompagnare, ma nessuno poteva venire perché avevano tutti qualcos'altro da fare, e quindi ho pensato: perché non ci vado da solo?

Non so se solo io provo sensazioni di questo tipo, ma l'idea di andare a teatro da solo mi spaventava. Continuavo a pensare a cosa le persone avrebbero pensato, e sopratutto avevo paura di incontrare qualcuno che conosco (ironica la cosa, lo so). Mi sono informato su internet e ho scoperto che questa sensazione che ho provato in psicologia viene chiamata "Effetto Riflettore", un fenomeno per il quale le persone pensano che gli altri osservino ogni loro mossa, quando in realtà (dati scientifici alla mano) quasi nessuno si interessa a te. Alla fine a teatro ci sono andato, e ne sono stato felice. All'inizio mi sentivano un pò in imbarazzo, perché non avevo nessuno con cui parlare prima che iniziasse il concerto, ma dopo è andato tutto liscio come l'olio.

A voi è mai capitato di provare l'effetto riflettore andando da soli a musei, cinema o teatri? Oppure anche solo quando passeggiate per strada e pensate a quanto goffa sia vostra camminata?

Avatar utente
Linus
Maxi-Mitosi
Messaggi: 224
Iscritto il: dom gen 22, 2017 12:18 pm
Orientamento: Asessuale, Omoromantico
Genere: Femmina

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Linus » sab set 09, 2017 12:53 am

Oh, è una cosa davvero curiosa! Se ci penso, sì, anche a me fa sentire a disagio andare in un luogo da sola, mi sento come osservata.

Qualche volta però ne ho sentito la necessità. Era un brutto periodo, stavo male e avevo bisogno di starmene proprio sola, così sono uscita nel primo pomeriggio, sotto un sole cocente, sono andata al cimitero e poi ho comprato una cola e ho fatto due passi. Mi è servito a rilassarmi, ma credo di aver provato quell'effetto, quel giorno.

P.s. cheggente che non vuole andare a teatro! Plebaglia!

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26014
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Bianca » sab set 09, 2017 7:17 am

Apprendo ora che questa sensazione si chiama effetto riflettore, ma mi permetto di dissentire sul fatto che sia soltanto una percezione dell'individuo, quella di essere osservato, mentre in realtà, la gente non lo degnerebbe di uno sguardo.

Non è così, secondo me.
La donna sola, al ristorante, al cinema, nella visita ad una mostra, in viaggio, persino nei grandi magazzini, viene osservata e, più spesso di quando si trova in compagnia, viene interpellata, anche soltanto con l'espressione: posso aiutarla? Se ha bisogno di qualcosa, sono qui.

Ho ormai una certa esperienza in merito e devo dire che anch'io sono andata al cimitero da sola e anche lì mi sono sentita osservata, forse da habitués, che si chiedevano chi fosse quella faccia nuova.

La persona sola, al ristorante, crea problemi, perché occupa un tavolo, per cui, a volte, viene confinata in qualche angolo infelice della sala, dove, in quattro si starebbe scomodi.

Inizialmente, quando sono stata costretta ad accettare la condizione di frequentare da sola luoghi pubblici, mi sentivo particolarmente a disagio, ora ho meno problemi, ma spesso mi sento chiedere, con un tono stupito: ma viaggi da sola?
Ma vai al cinema da sola?

Quindi, non è una pura sensazione dell'individuo; la gente effettivamente si stupisce di vedere persone da sole in certi contesti, soprattutto se donne o anche gente molto giovane, che si è abituati a vedere, quasi sempre, circolare in gruppo e in gruppo frequentare luoghi di divertimento.

Avatar utente
Eragon_00
Membro
Messaggi: 46
Iscritto il: ven gen 06, 2017 12:19 am
Orientamento: Asessuale Bi/omoromantico
Genere: Maschio

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Eragon_00 » sab set 09, 2017 11:58 am

Linus ha scritto:Oh, è una cosa davvero curiosa! Se ci penso, sì, anche a me fa sentire a disagio andare in un luogo da sola, mi sento come osservata.

Qualche volta però ne ho sentito la necessità. Era un brutto periodo, stavo male e avevo bisogno di starmene proprio sola, così sono uscita nel primo pomeriggio, sotto un sole cocente, sono andata al cimitero e poi ho comprato una cola e ho fatto due passi. Mi è servito a rilassarmi, ma credo di aver provato quell'effetto, quel giorno.

P.s. cheggente che non vuole andare a teatro! Plebaglia!
Si è vero, anche io certe volte sento il bisogno di stare da solo, ma tutte le volte che vorrei farmi un giro da solo penso: "E se incontro qualcuno che conosco e mi chiede dove sto andando?", e quindi lascio stare. E' una cosa davvero stupida e limitante, dovrei avere più coraggio nel prendere le mie decisioni.

P.S. peggio per loro, tiè!
Bianca ha scritto:Apprendo ora che questa sensazione si chiama effetto riflettore, ma mi permetto di dissentire sul fatto che sia soltanto una percezione dell'individuo, quella di essere osservato, mentre in realtà, la gente non lo degnerebbe di uno sguardo.
Quindi, non è una pura sensazione dell'individuo; la gente effettivamente si stupisce di vedere persone da sole in certi contesti, soprattutto se donne o anche gente molto giovane, che si è abituati a vedere, quasi sempre, circolare in gruppo e in gruppo frequentare luoghi di divertimento.


Effettivamente ora che ci penso è vero, in molti contesti si è giudicati se ci si trova da soli, l'esempio più eclatante è il ristorante.
Sarebbe davvero bello se gli altri iniziassero a pensare che si possono fare moltissime cose anche da soli.
Lo studio mi sembra che fosse stato fatto in America (ma non sono sicuro), che ci sia una differenza di pensiero tra le due nazioni?

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26014
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Bianca » sab set 09, 2017 2:14 pm

In America, c'è un concetto di libertà che mi ha sempre stupito.
Ad esempio, tu puoi andarti a sedere al tavolino di un bar, tirar fuori i tuoi panini e la tua bottiglia d'acqua e metterti a mangiare, senza che nessuno si sogni di venirti a chiedere qualcosa.
Anche tra persone, esiste l'indifferenza totale su quanto fanno gli altri.
A me era capitato, anni fa, di vedere a NY una signora, girare in un supermercato in vestaglia, ciabatte e bigodi in testa, senza che nessuno la degnasse di uno sguardo.
Praticamente, a guardarla, ero solo io.

Loro si mettono sempre in coda, per qualsiasi cosa; se tu superi tutta la coda e ti metti davanti, non c'è nessuno che ti rimproveri, non fanno una piega.

Avatar utente
Volpe
Mega-Mitosi
Messaggi: 145
Iscritto il: dom lug 16, 2017 7:17 pm
Genere: Vulpes vulpes
Località: Torino

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Volpe » sab set 09, 2017 6:35 pm

Naturalmente non ricordo chi, ma qualcuno diceva: "Quando vuoi passare inosservato non metterti in disparte, vai nel mezzo della folla!".

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26014
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Bianca » sab set 09, 2017 8:03 pm

Dipende anche da come sei conciato..............

Avatar utente
Eragon_00
Membro
Messaggi: 46
Iscritto il: ven gen 06, 2017 12:19 am
Orientamento: Asessuale Bi/omoromantico
Genere: Maschio

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Eragon_00 » sab set 09, 2017 8:10 pm

Bianca ha scritto:In America, c'è un concetto di libertà che mi ha sempre stupito.
Ad esempio, tu puoi andarti a sedere al tavolino di un bar, tirar fuori i tuoi panini e la tua bottiglia d'acqua e metterti a mangiare, senza che nessuno si sogni di venirti a chiedere qualcosa.
Anche tra persone, esiste l'indifferenza totale su quanto fanno gli altri.
A me era capitato, anni fa, di vedere a NY una signora, girare in un supermercato in vestaglia, ciabatte e bigodi in testa, senza che nessuno la degnasse di uno sguardo.
Praticamente, a guardarla, ero solo io.

Loro si mettono sempre in coda, per qualsiasi cosa; se tu superi tutta la coda e ti metti davanti, non c'è nessuno che ti rimproveri, non fanno una piega.
Wow, dev'essere fantastico poter fare ed essere tutto ciò che si vuole senza sentire il peso del giudizio degli altri. E' anche vero però che tutta questa indifferenza può nuocere.

Mi piacerebbe un giorno fare un viaggio in America :lol:

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26014
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Bianca » sab set 09, 2017 8:22 pm

Se avrai l'opportunità di andarci, constaterai che è proprio così.

Tu pensa che mentre ero su un bus a Detroit, è salito un signore in sedia a rotelle.
Tutti i bus sono dotati di una rampa in corrispondenza della porta, che, manovrata dal guidatore, si ribalta e si collega col marciapiede.
L'handicappato sale, il guidatore si alza e in una zona apposita , assicura la carrozzella con cinghie, poi torna al suo posto e riparte.
Lo stesso succede quando deve scendere.
Tieni conto che le persone che girano in carrozzella o con mezzi di aiuto alla deambulazione, sono molto numerosi.

In quel contesto, quando il bus è ripartito, questo signore ha tirato fuori dalla borsa un contenitore con insalata di patate e si è messo a mangiare, ogni tanto, estraeva dalle tasche della giacca dei pezzi di pollo arrosto, con le mani staccava la polpa e se la mangiava, poi si puliva le mani nell'imbottitura dei sedili che già erano lerci.

Nessuno si è stupito della scena.

Avatar utente
Antares
(A)VENdicatore
Messaggi: 1518
Iscritto il: mer set 07, 2016 6:53 pm
Genere: maschio
Località: Milano

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Antares » sab set 09, 2017 9:31 pm

Eragon_00 ha scritto: ..... A voi è mai capitato di provare l'effetto riflettore andando da soli a musei, cinema o teatri? Oppure anche solo quando passeggiate per strada e pensate a quanto goffa sia vostra camminata? .....
Evito i posti chiusi e affollati quali musei, cinema, teatri ma anche ristoranti sia da solo che in compagnia.

Riguardo al fatto di sentirmi osservato per strada, o sui mezzi pubblici, mi capita spesso, ma non credo sia solo un'impressione.
Infatti, da almeno 30 anni mi piacciono i colori pastello e compro solo vestiti, alle volte anche usati, che siano di questi colori.
Mi affeziono hai miei abiti e li porto per molti anni finchè non sono completamente logori e sfilacciati.
Bucato dopo bucato, esposti ai raggi solari, i miei vestiti si sbiancano ulteriormente assumento, a causa degli sbiancanti ottici UV presenti nei detersivi, una tonalità quasi fluorescente.

Ogni tanto qualcuno che non mi conosce mi ferma per strada e mi chiede come mai mi vesta così.
Ti amo col sole e con la pioggia
Immagine

Avatar utente
Antares
(A)VENdicatore
Messaggi: 1518
Iscritto il: mer set 07, 2016 6:53 pm
Genere: maschio
Località: Milano

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Antares » sab set 09, 2017 9:37 pm

Bianca ha scritto:In America, c'è un concetto di libertà che mi ha sempre stupito.
Ad esempio, tu puoi andarti a sedere al tavolino di un bar, tirar fuori i tuoi panini e la tua bottiglia d'acqua e metterti a mangiare, senza che nessuno si sogni di venirti a chiedere qualcosa. ......
Fantastico: io mi porto sempre dietro qualcosa da bere e da mangiare dato che non frequento bar, pizzerie e ristoranti.
Per i miei amici la mia presenza spesso costituisce un problema, per l'impossibilità di mangiare tutti insieme in un locale pubblico.
Ti amo col sole e con la pioggia
Immagine

Avatar utente
Nubes
Ameba
Messaggi: 61
Iscritto il: sab apr 29, 2017 2:39 pm
Orientamento: Eteroromantico
Genere: Maschio
Località: Su tra le montagne

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Nubes » sab set 09, 2017 9:41 pm

Mi è capitato un sacco di volte di provare questo effetto, eccome se mi è capitato!
La paura mi è passata solo dopo aver vissuto per anni da solo. La vita quotidiana mi dimostrava ogni giorno che nessuno prestava attenzione a me qualunque cosa facessi, e poco a poco me ne sono accorto e ho iniziato a vivere i miei giri solitari con maggiore serenità. Ormai sono proprio diventati un piacere.
Ma allo stesso tempo dopo un po' ha iniziato a dispiacermi tutta questa indifferenza. E' come se fossimo tutti dei perfetti estranei, diffidenti e rinchiusi ognuno nella propria bolla. E' rassicurante, sì, ma anche un po' alienante.
Le cose più importanti sono le più difficili da dire, perché le parole le rimpiccioliscono.

Avatar utente
Eragon_00
Membro
Messaggi: 46
Iscritto il: ven gen 06, 2017 12:19 am
Orientamento: Asessuale Bi/omoromantico
Genere: Maschio

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Eragon_00 » dom set 10, 2017 12:56 am

Nubes ha scritto:Mi è capitato un sacco di volte di provare questo effetto, eccome se mi è capitato!
La paura mi è passata solo dopo aver vissuto per anni da solo. La vita quotidiana mi dimostrava ogni giorno che nessuno prestava attenzione a me qualunque cosa facessi, e poco a poco me ne sono accorto e ho iniziato a vivere i miei giri solitari con maggiore serenità. Ormai sono proprio diventati un piacere.
Ma allo stesso tempo dopo un po' ha iniziato a dispiacermi tutta questa indifferenza. E' come se fossimo tutti dei perfetti estranei, diffidenti e rinchiusi ognuno nella propria bolla. E' rassicurante, sì, ma anche un po' alienante.
Lo penso anche io. Ad esempio, quando Bianca parlava dell'indifferenza degli americani, mi ha fatto pensare che collegata alla mancanza di interesse verso le altre persone ci sia anche una mancanza di empatia. Chissà come si comporterebbero le altre persone se si avesse bisogno di aiuto...

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26014
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Effetto riflettore

Messaggio da Bianca » dom set 10, 2017 8:28 am

Da quello che ho potuto percepire, non è indifferenza, è proprio la convinzione radicata che tutti possono fare cosa vogliono e nessuno si sente in diritto di intervenire, per modificare un comportamento che non è dannoso per gli altri.
Quindi, l'intervento scatta soltanto in presenza di azioni che mettano in discussione i diritti altrui.

Non a Detroit, perché questa città presenta una situazione singolare, ma in tutto il resto dei luoghi visitati, siamo sempre stati aiutati, istruiti, accompagnati.
Ci è capitato spesso che, fermandoci per consultare una cartina, siamo stati avvicinati da qualcuno che ci ha chiesto se avevamo bisogno di aiuto.
Infatti, mi sono messa a farlo anch'io a Torino.
Sará perché gli USA hanno molti invalidi di guerra, ma tutte le facilitazioni per loro sono diffuse e rispettate; nessuno si sognerebbe mai di occupare parcheggi riservati agli handicappati e tutti gli hotel, anche i più modesti, hanno camere con accesso facilitato.

Quindi, non è indifferenza.
Lo stesso concetto di proprietà privata, è dato per scontato.
Non c'è bisogno che io metta la recinzione; dall'aiuola in poi, è casa mia e tu devi sapere che se passi quel limite, ti può succedere qualsiasi cosa e potrai essere chiamato a rendere conto del perché lo hai fatto.
Tant'è, che pur senza alcun sbarramento, nessuno supera il limite del marciapiede.
Neppure bambini o cani, tenuti, questi ultimi, SEMPRE al guinzaglio.

Rispondi