E' lecito considerare Battisti Cesare un austriaco traditor?

Per le discussioni più serie, di carattere etico, politico, morale, religioso e quant'altro. Si raccomanda la serietà e il rispetto delle opinioni altrui.
Rispondi
Avatar utente
keymaster
A-postolo Asexy
Messaggi: 462
Iscritto il: mer mag 28, 2008 11:58 pm
Orientamento: asessuale, aromantico
Genere: cyborg
Località: Via Lattea, Sistema Solare, 3° pianeta

E' lecito considerare Battisti Cesare un austriaco traditor?

Messaggio da keymaster » mer giu 18, 2014 12:35 pm

Siamo a quasi 100 anni dall'inizio della guerra che portò il Tirolo ad essere smembrato, con il trattato di Saint Germain del 1919. Nel territorio tirolese, un personaggio soprattutto è passato alle cronache: Cesare Battisti. Ufficialmente lui è stato un cittadino austriaco di lingua italiana, nonché un deputato alla dieta di Vienna. Le sue idee politiche erano volte a portare il Tirolo sotto il controllo italiano, soprattutto perché in una zona meridionale di questo territorio l'idioma linguistico prevalente era l'italiano. Quando il regno italiano dichiarò lo stato di guerra all'impero austro-ungarico, il Battisti si arruolò per la parte avversa alla sua patria di nascita, pur di raggiungere il suo scopo politico. Nei successivi mesi di guerra, compì atti contro l'esercito austriaco in cui militavano tirolesi di lingua italiana, originari del suo stesso territorio. Nel corso di una battaglia, avversa al suo reggimento, venne fatto prigioniero e riconosciuto dal Kaiserjäger Bruno Franceschini, originario del Nonsberg (valle di Non) fu portato a Trient per subìre il processo. Le cronache riportano che, durante il tragitto verso lo Schloß Trient (castello Buonconsiglio), dove venne impiccato per alto tradimento, i cittadini tirolesi di lingua italiana lo insultarono pesantemente e fecero la fila per essere immortalati in una immagine fotografica ad impiccagione avvenuta. Questo dimostra il massimo disprezzo che la comunità che oggi si definisce "trentina" aveva nei confronti del Battisti, avendo lui preferito combattere contro di loro.
Tutti sappiamo come andò a finire la guerra: gli italiani, con il grandissimo aiuto degli inglesi, riuscirono ad occupare Trient nel 1918 e per gli italiani il Battisti è diventato un eroe nazionale, impiccato dagli austriaci "brutti e cattivi". La storia, purtroppo la manipolano i vincitori e non viene mai sottolineato che Battisti era un suddito di sua maestà l'imperatore di Austria-Ungheria che voltò le spalle alla sua nazione di origine.
Cosa ne pensate, voi che, in massima parte, non vivete nel territorio tirolese?
Peter: E lei Alice, è mestruata al momento?
Bibliotecario: Scusi, questo che c'entra?
Peter: Non rompiamo! Si inchini alla scienza!

Rispondi