Articolo su "Sguardi di Confine"

Per tutto il materiale divulgativo mediatico riguardante l'asessualità, nonché le iniziative e i progetti rivolti alla diffusione della visibilità.
Rispondi
Avatar utente
danyfantasy
A-frodite
Messaggi: 1066
Iscritto il: lun lug 15, 2013 1:48 pm

Articolo su "Sguardi di Confine"

Messaggio da danyfantasy » dom nov 27, 2016 2:29 pm


Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26018
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Articolo su "Sguardi di Confine"

Messaggio da Bianca » dom nov 27, 2016 4:19 pm

Semplice e chiara, come sempre, la spiegazione di Alice nelle risposte alle varie domande.

Vado a cercare il pelo nell'uovo..........

Gli episodi di bullismo che Alice riferisce di aver subito, possono essere state semplici reazioni di chi, senza aver voglia di riflettere, si accorge che l'altro, non reagisce a battute come fa la maggior parte, non si dimostra particolarmente interessato a certi argomenti, nè sembra particolarmente interessato a fare esperienze a sfondo sessuale.

Come dice Alice poi, se l'asessuale, per compromesso, ha un rapporto, può arrivare tranquillamente all'orgasmo, perchè è una questione meccanica, ma mancherà sempre l'attrazione che farebbe sì che il rapporto, invece di essere accondiscendenza, fosse desiderato.
Sono due situazioni completamente diverse.

Più che pensare che il mondo stia cambiando in meglio, mi viene da dire che, una maggior cultura e una più veloce diffusione dei concetti, fa sì che si incominci a prendere in considerazione che le persone, non sono fatte con lo stampo, ma sono diverse, variegate, mutabili e possono presentare differenze notevoli anche negli aspetti meno visibili delle caratteristiche fisiche.

Per quanto riguarda il significato della bandiera, la parte bianca, che cosa rappresenta?.
Forse c'è un errore o forse non ho capito bene io.

Anche Alice pensa che per gli asessuali non sia indispensabile instaurare rapporti solo con persone uguali o simili come orientamento, ma partire dal presupposto che si tratta sempre di persone, per cui il legame può nascere e vivere aiutato dalla volontà dei due interessati.

Rispondi