Perchè è così difficile comprendere l'asessualità?

Per tutto il materiale divulgativo mediatico riguardante l'asessualità, nonché le iniziative e i progetti rivolti alla diffusione della visibilità.
Rispondi

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26015
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Perchè è così difficile comprendere l'asessualità?

Messaggio da Bianca » mar set 20, 2016 7:45 pm

Prima risposta....


Siccome l'attrazione sessuale è qualcosa che sentono tutti, se qualcuno dice di non sentirla, fa strano.
Se qualcuno mi dicesse: io i fiori li vedo tutti bianchi, sarebbe la stessa cosa.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26015
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Perchè è così difficile comprendere l'asessualità?

Messaggio da Bianca » mer set 21, 2016 11:20 am

Seconda risposta.......

Siccome tutto nasce nella testa, bisogna entrare nella testa dell'asessuale per incominciare a capire.
Personalmente devo dire che questo orientamento non è messo lì, al centro del cervello, come se fosse una cosa isolata, a sè, indipendente da tutto il resto, ma è avvolto in un contesto complesso di cose, fatti, modi, abitudini, che gli sono strettamente correlati o che man mano nel tempo, vengono acquisiti.
Credo che inizi a condizionare la vita dell'individuo, a partire dall'infanzia e lo ponga sempre in una posizione diversa dagli altri, anche quando la sessualità non si manifesta ancora verso l'esterno.

Per capire, bisogna voler capire, quindi bisogna avere un interesse che vada oltre la semplice curiosità.
Per capire bisogna studiare e studiare è faticoso.
Allora, forse possiamo dire, che l'asessualità non è difficile da capire, se si ha un interesse a volerlo fare.

Avatar utente
SoItIs
Mega-Mitosi
Messaggi: 105
Iscritto il: mer apr 13, 2016 10:16 am
Orientamento: asessuale
Genere: uomo

Re: Perchè è così difficile comprendere l'asessualità?

Messaggio da SoItIs » mer set 21, 2016 12:31 pm

L'articolo è ben scritto e merita attenzione perchè menziona un punto importante, il superamento delle definizioni, o meglio delle sotto-categorie.
Comprendo e condivido pienamente il pensiero di Anwen, la studentessa citata nell'articolo:
Alcune persone dicono che non c’è bisogno di un’etichetta per ogni orientamento. La gente dice: l’asessualità non è realmente un orientamento sessuale, stai provando a essere speciale o diversa. Ma l’asessualità è una parte di quello che sono, però non mi definisce. È come avere gli occhi blu o i capelli grigi.

A parer mio la difficoltà non è tanto il comprendere l'asessualità in sé, ma scomodarsi compiendo uno sforzo per superare l'ignoranza, informandosi e mettendo da parte ogni pregiudizio, questo è fondamentale. Sinora ho sperimentato che si tratta, relativamente ai singoli episodi, di una battaglia perlopiù persa, rari i casi di comprensione o almeno di interessamento, troppo spesso si preferisce acriticamente l'ignoranza, indulgendo alla paura per il diverso che essa induce. A proposito di paura: da un punto di vista biologico quella per l'asessualità è atavica, in quanto strettamente connessa al mantenimento della specie, unico scopo delle nostre esistenze.
Non ho perso la speranza di incontrare singole persone aperte mentalmente e disposte come me a rinnovare costantemente l'impegnarsi a superare le infinite etichette e considerare una persone come persona; sono conscio del fatto che nel contesto attuale pensare che la società si muova in questo senso possa essere considerato alla stregua di un'utopia.

Sarebbe poi utile distinguere tra capire e comprendere, perchè, Bianca, posso benissimo capire l'asessualità come concetto, senza tuttavia comprenderla, persistendo nei miei pregiudizi. In questo senso, concordo con te che l'asessualità non è difficile da capire con un minimo di interesse. Ma appunto per comprenderla e comprenderne le implicazioni profonde è richiesto uno sforzo maggiore; ecco dove nasce la difficoltà.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26015
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Perchè è così difficile comprendere l'asessualità?

Messaggio da Bianca » gio set 22, 2016 9:07 am

L'articolo dice tutte cose che già noi sappiamo ma che è importante vengano ribadite e diffuse.

Forse l'asessualità è più difficile da capire perché significa prendere in considerazione qualcosa che non c'è e che sembra strano non ci sia.
È più facile se si conosce una persona che ha questa caratteristica, perché se ne vede il comportamento e se ne possono trarre delle conclusioni.
Se si considera questo orientamento in astratto, può essere difficile capire come si manifesta e in che modo il soggetto lo gestisce.
Alla fine, la difficoltà maggiore consiste nel rapportarsi con gli altri, non solo potenziali partners, ma tutte le persone con cui si ha a che fare, perché il sesso entra nelle conversazioni, negli atteggiamenti, nei modi di divertirsi, anche in quelli di lavorare e quindi ci si può trovare costretti sempre, a fornire spiegazioni, giustificazioni a rispondere a domande.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26015
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Perchè è così difficile comprendere l'asessualità?

Messaggio da Bianca » sab set 24, 2016 2:36 pm

Dopo ragionamenti vari, sono arrivata alla conclusione che, capire l'asessualità, o meglio, comprenderla, come dice Sol, richiede lo stesso impegno che conoscere una persona e capire com'è veramente.
Quante volte ci capita di essere sorpresi dal comportamento di qualcuno che conosciamo da anni?
Quante volte ci siamo chiesti il perchè e il percome di certi atteggiamenti?
Ecco, l'asessualità è la stessa cosa: continueremo a chiederci il perchè e il percome.

Rispondi