Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Per tutto ciò che riguarda coloro che si sentono "a metà" tra sessuali e asessuali: grey-A e demisessuali.
Rispondi
GoldenLight
Newbie
Messaggi: 2
Iscritto il: mer dic 30, 2015 10:32 am

Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da GoldenLight » mer dic 30, 2015 10:57 am

Salve a tutti, sono una nuova iscritta.
Per la prima volta ieri sono incappata nel termine "demisessuale", nonostante avessi già letto qualcosa sull'asessualità tempo fa.
Chiedo a voi lumi, essendo ancora poco esperta di questo mondo.
Per molto tempo mi sono sentita leggermente diversa in merito all'attrazione sessuale, non come se mi mancasse qualcosa, ma semplicemente come se non potessi comprendere la sessualità di chi mi sta accanto (amici e partners) perchè non sperimento ciò di cui parlano in prima persona, o almeno, non totalmente.
Ho letto giusto ieri qualcosa sull'attrazione sessuale primaria, ovvero quella che avviene semplicemente sulla base di un profumo, un odore, uno sguardo, l'aspetto fisico in generale, e finalmente credo di aver compreso.
Io non l'ho mai provata. Sono stata un giorno intero a pensare se avessi mai avuto attrazione per uno sconosciuto, in strada, in bus, dentro un negozio, e non è mai capitato.
La mia libido è potente, ma è innescata da altri fattori, quali il modo di comportarsi della persona, il modo in cui parla, il suo carattere ( meglio se un pò duro e scostante), insomma, tutte caratteristiche che farebbero parte dell'attrazione sessuale secondaria. Anche per questo credo, ho avuto partners non propriamente bellissimi, ma che sapevano eccitarmi in altri modi.
La bellezza la vedo, ma se passa un bel ragazzo mi limito a valutare che lo è, e la cosa finisce li.
Non so se definirmi però demisessuale, e in questo dovete aiutarmi voi. Il motivo del mio dubbio sta nel fatto che ho letto che un demisessuale solitamente deve avere un rapporto emotivo/ romantico ben saldo prima di iniziare a sperimentare attrazione. Nel mio caso non importa che ci sia un legame forte, basta che io conosca il carattere della persona, e se mi piace (ma deve piacermi molto), scatta l'attrazione. Quindi può bastare qualche giorno.

Nel corso del tempo mi sono accorta anche che ho sofferto discretamente per questa cosa, e immagino che anche qualche asessuale e demisessuale abbia sperimentato lo stesso dolore.
Il più grande sta nell'incapacità di capire chi mi sta accanto, la sua natura "animale", che per lungo tempo ho giudicato anormale, incomprensibile, totalmente al di fuori del mio mondo. Ciò mi ha provocato gelosia, rancore, tristezza. Non capivo che nel mondo quella strana sono io, perchè provare attrazione verso sconosciuti è normalissimo e naturale.
Allo stesso tempo ho spesso superbamente creduto di amare maggiormente i miei partner rispetto a quanto facessero loro, perchè io ero quella che non doveva trattenere gli impulsi sessuali verso gli altri, perchè non ne avevo praticamente mai ( a meno che non si trattasse di conoscenze particolari), ma adesso comincio a capire che non è cosi.
Non è merito del mio amore ma della mia natura, che forse, è leggermente differente dalla loro.
A voi la parola e grazie in anticipo a chi mi aiuterà a fare chiarezza.

Avatar utente
Valkyrie
A-ccademico viola
Messaggi: 7755
Iscritto il: sab mag 02, 2015 9:32 pm

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Valkyrie » mer dic 30, 2015 1:56 pm

Ciao:3 benvenuta:3 se ti va, ti faccio compagnia mentre aspettiamo qualcuno piú competente:D ok??? Come ti va???

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26736
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Bianca » mer dic 30, 2015 1:58 pm

Ciao Golden e benarrivata!
Ti piace l'Aven Island?
Se cerchi Valky, ti offre un acqua di cocco e cioccolata.
Tu chiedi un aiuto difficile, perché, dopo aver letto, posto domande, esserti confrontata, tu dovrai raccogliere tutto il materiale, metterlo in ordine e decidere tu come sei.
Ci sono similitudini e cose in comune, ma mai la somiglianza assoluta tra persone diverse.
Posso capire che non riuscire ad interpretare e condividere ciò che provano coloro che ci stanno attorno, è doloroso, frustrante, fa sentire diversi, singolari, strani.
Quindi è importante riuscire a stabilire la propria vera natura, in modo da potersi comportare coerentemente e consapevolmente, senza pensarsi alieni e inadeguati.
Persone più esperte di me e che provano sulla loro pelle il tuo modo di sentire, ti daranno informazioni molto utili.
Stai con noi mentre l'anno vecchio se ne va e con il nuovo, ci sarà per te più informazione e più serenita.

Avatar utente
Edward
AVENita di Classe A
Messaggi: 2738
Iscritto il: mar dic 09, 2014 10:49 pm
Orientamento:
Genere: f

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Edward » mer dic 30, 2015 2:17 pm

Ciao Goldenlight, benvenuta!

Come già detto bene dalla nostra Bianca, ogni persona è un mondo a sé, con le sue caratteristiche che possono assomigliare a quelle di altri, ma mai essere identiche.

Da quello che scrivi posso dirti che come hai già intuito, i demisessuali sono persone che possono provare attrazione sessuale verso persone con cui hanno stabilito un legame solido, dunque il loro mondo è emotivo. Per le persone con le quali non hanno un legame, sono asessuali.
Non mi sembra questo il tuo caso.
A me pare che tu senta attrazione verso caratteristiche che non sono semplicemente visibili e valutabili nell'estetica in senso stretto, ma legate ad atteggiamenti, modi di fare e di esprimersi. Questo aspetto ti porta a recepirti ora come diversa rispetto ai più, perché la maggior parte delle persone ha delle "risposte" immediate: "quella donna mi piace perché ha un bel viso", "quell'uomo è attraente perché molto muscoloso". Tu sei più il genere "mi piace quell'uomo perché ha un modo di fare così e cosà". Non c'è nulla di male: sicuramente tu sei una persona un po' più riflessiva e osservatrice, e un po' più difficile di gusti.

Capisco bene quello che racconti: quando noi sentiamo determinate cose, pensiamo che il mondo sia simile a noi. A me sembra che il mondo esageri quando dica "il sesso è la cosa più esaltante del mondo", ma per molte persone è così, perché vivono il sesso in modo diverso da me. Ho impiegato del tempo per capirlo. Tu ora hai capito che valutando in un certo modo alcune esperienze del passato, hai valutato con la tua unità di misura, che non necessariamente corrisponde con quella altrui. Capire questo significa comprendere meglio il sentire degli altri, ma anche - e soprattutto - il proprio.

She_92
A-gente
Messaggi: 831
Iscritto il: gio ott 22, 2015 12:21 pm
Genere: Girl
Località: Palermo

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da She_92 » mer dic 30, 2015 2:18 pm

Ciao! Benvenuta!

Dalla tua storia mi fa capire che col tempo ha capito che tu sei perfettamente normale. Essere diversi dagli altri non significa essere anormali o sbagliati. Il che questa è la prima cosa da capire.
Siamo tutti diversi, quindi secondo quella teoria dovremmo essere tutti anormali lol.
Comunque, detto questo, l'unico modo per capire chi sei è leggere la storia di persone simili a te e cercare dentro te stessa il risultato di questa ricerca.

Penso ci siano persone che possano darti più aiuto, in quanto più competenti.
In ogni caso, ancora un gran benvenuto in quest'isola! ^-^

GoldenLight
Newbie
Messaggi: 2
Iscritto il: mer dic 30, 2015 10:32 am

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da GoldenLight » mer dic 30, 2015 3:54 pm

Ringrazio tutti per il caloroso benvenuto :)

Rispondo intanto ad Edward perchè mi sembra abbastanza ferrato.
Ciò che dici mi ha portato a riflettere su un fatto. E' sicuramente vero che sono il tipo di persona che descrivi, ma non si tratta semplicemente di un " mi piace tizio perchè si comporta cosi e cosà" , in quanto se non interagisce con me o non sono costretta, per motivi più disparati, ad interagire io stessa con la persona, non riesco a provare attrazione neanche se possiede la tipologia di carattere a me più congeniale. In sostanza deve esserci sempre un'interazione informale : la semplice osservazione, anche dell'atteggiamento che tiene all'esterno (come ad esempio può capitare con colleghi o compagni), non è abbastanza. Finchè non accade sono sostanzialmente priva di desiderio, posso solo razionalmente dedurre che ha una tipologia di carattere eccitante per me.
Se questa interazione informale avviene, allora i tempi di attrazione possono essere molto brevi. In certi casi meno di un mese, in altri casi ci sono voluti mesi, dipende, credo, dal grado di confidenza che riusciamo a raggiungere.
Sulla base di questo posso anche dedurre di non essere "romantica". Non è necessario infatti che inizi a pensarci insieme per tutta la vita per eccitarmi, basta un coinvolgimento erotico/emotivo mediante il quale io possa percepire il desiderio dell'altro. Poichè infatti, di mio, sono piuttosto passiva, è come se dovessi nutrirmi di quello altrui per accendermi a mia volta.
Chiaramente con queste premesse è impossibile eccitarsi con sconosciuti, sebbene questi possano essere attratti dalla mia figura, l'interazione non è mai abbastanza lunga e potente da farmi accendere. Ancora più improbabile dirigere il tutto attivamente, cioè sperimentare attivamente e di propria iniziativa il desiderio per l'altro, cosa mai accaduta e fuori dalla mia natura. Mi accendo solo se prima si accende l'altro.
Sto scrivendo tutto questo anche per me stessa, perchè scrivendolo riesco a comporre meglio il quadro. Mi scuso quindi se indugio in dettagli inutili ai fini della discussione.

Bianca e She, vi ringrazio moltissimo.
So di essere perfettamente "normale". Nel senso che non c'è nulla di perverso o irrimediabilmente sbagliato in me e nella mia sessualità.
Non esiste un manuale della sessualità perfetta, anche se vogliono farcelo credere.
Ciò che mi porta qui a farmi domande è la curiosità, non la frustrazione.
Forse un minimo di dolore ogni tanto fa capolino, ma penso sia normale. Più completo il quadro, più mi comprendo, più se ne va.

Sulla base di ciò che ho detto, anche se a quanto ho capito ( e sono d'accordo) evitate le classificazioni a meno che non siano strettamente necessarie, come potrei collocarmi?
Se avete domande fate pure, sarò un libro aperto.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26736
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Bianca » mer dic 30, 2015 5:04 pm

Non esiste un manuale sulla sessualità che possa servire a tutti.
Ciascuno di noi, deve misurarsi e agire in base a ciò che sente, prova, desidera.
Pur essendo io di una normalità banale, nemmeno io provo il desiderio di stare con il primo che incontro, anche se è un uomo molto affascinante, ci vuole altro, molto di più.
Ci vuole conoscenza, intesa, l'instaurarsi di una certa complicità, il desiderio di operare affinchè l'altra persona sia felice, esattamente secondo le sue esigenze. E con quest'ultima condizione, si spiega anche perchè io ritenga possibile una relazione tra sessuale ed asessuale.
Non è strano che tu provi desiderio soltanto quando percepisci il desiderio dell'altro, è un elemento di cui parecchie donne hanno bisogno.
Devi avere una conferma dell'esistenza di attrazione, ma questo, secondo me ,è solo senso di rispetto e rappresenta l'aver capito che, per fare l'amore si deve essere in due.
No, non è assolutamente normale provare attrazione per uno sconosciuto.
Può succedere, ma non è una cosa così scontata.
Tu non capisci negli altri, quella che definisci "natura animale".
Io posso capirla, ma ritengo che non sia quell'aspetto che deve guidare i comportamenti di uomini e donne.
Noi possiamo scegliere, noi possiamo guidare gli istinti, senza metterci a livello degli animali, per i quali la natura ha predisposto tempi e modi per tutelare la riproduzione.
Ai sessuali ha dato il desiderio e l'attrazione, agli asessuali ha dato il desiderio.
I primi possono tenere a bada entrambi, i secondi, hanno bisogno, non sempre e non tutti, di dar sfogo al desiderio.
Tu hai avuto l'impressione di amare di più, perchè non operi tradimenti a livello di attrazione, ma non sempre questo è vero.
Una sorta di attrazione, la provano anche gli asessuali, soltanto che non la mettono in atto, perchè non hanno interesse a farlo.
Se proprio vogliamo andare a cercare i meriti degli uni e degli altri, non ti sembra che un sessuale che tiene a bada desiderio e attrazione, ami tanto?
Tu hai concluso che la tua fedeltà non sia merito del tuo amore verso una persona, ma della tua natura.
Non credo sia così.
Amare una persona implica una fedeltà mentale, non genitale e questo mette alla pari sex e asex.

Avatar utente
Edward
AVENita di Classe A
Messaggi: 2738
Iscritto il: mar dic 09, 2014 10:49 pm
Orientamento:
Genere: f

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Edward » mer dic 30, 2015 6:00 pm

GoldenLight ha scritto: Sto scrivendo tutto questo anche per me stessa, perchè scrivendolo riesco a comporre meglio il quadro. Mi scuso quindi se indugio in dettagli inutili ai fini della discussione.
Non scusarti: è esattamente così che funziona. È vero che ci sono persone fortunate alla quale appare chiaro tutto subito, o perlomeno semplice da "etichettare", ma per tanti altri il proprio sentire è molto più complesso e sfumato. Dunque i dettagli non sono affatto inutili, anzi!

Tu, al quadro, aggiungi questo: per provare attrazione, deve piacerti il modo di fare della persona abbinato al modo in cui ha a che fare con te. Ti serve l'interazione con la persona e se questa è attratta, puoi ricambiare l'attrazione, altrimenti nisba.
Questa potrebbe essere una tua caratteristica, che al momento non mi pare sia stata abbinata a qualche orientamento specifico (servirebbe il parere di qualche vecchia leva, ma non mi pare di aver sentito una particolarità simile in altre discussioni e luoghi). Altrimenti, potrebbe anche essere una sorta di tua insicurezza: nel momento in cui senti che la persona prova interesse, ti senti più sicura e permetti a te stessa di ricambiare. Ma sinceramente non credo molto possa essere così, perché alla fine l'attrazione è una cosa che c'è o meno, e non necessariamente deve essere palesata all'altro.

Io credo che tu possa rientrare in quella che noi siamo soliti chiamare gray-area. Vedi sulla testata del forum, il triangolo di fianco ad "AVEN"? Il nero è l'asessualità, il bianco rappresenta la sessualità (cioè le persone che provano attrazione sessuale). La zona grigia è quella nella quale possono rientrare le persone che non si sentono totalmente sessuali o asessuali. Non significa avere minore attrazione rispetto alla media (anche perché, come calcolarla?), ma non provarla con una certa regolarità. Anche i demisessuali rientrano nella grey-area, perché a differenza di noi asex, l'attrazione la possono provare.
Prendi però tutto con le pinze: solo tu potrai scoprirlo davvero.

Avatar utente
Haderian
Asexy
Messaggi: 365
Iscritto il: ven set 16, 2005 7:13 am
Orientamento: omosessuale
Genere: maschio

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Haderian » sab gen 02, 2016 3:51 am

Edward ha scritto:La zona grigia è quella nella quale possono rientrare le persone che non si sentono totalmente sessuali o asessuali. Non significa avere minore attrazione rispetto alla media (anche perché, come calcolarla?), ma non provarla con una certa regolarità.
si' e' una definizione imprecisa ma e' giusto parlare anche di differenti livelli di intensita' di attrazione

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26736
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Bianca » sab gen 02, 2016 11:05 am

Il triangolo non indica, con le diverse tonalità, dal nero al grigio chiarissimo, le diverse intensità di attrazione, dall'assenza totale, alla presenza sporadica?

Per favore, puoi spiegare perché, secondo te, la definizione di Ed è imprecisa?
Grazie

Avatar utente
Haderian
Asexy
Messaggi: 365
Iscritto il: ven set 16, 2005 7:13 am
Orientamento: omosessuale
Genere: maschio

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Haderian » sab gen 02, 2016 11:43 am

no non dicevo che e' imprecisa la sua definizione, mi riferivo al "minore attrazione rispetto alla media", quindi su questo concordavo con Ed.
pero' ho aggiunto che non si tratta solo di regolarita' ma anche di intensita'

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26736
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Bianca » sab gen 02, 2016 2:01 pm

Quindi, si deve tener conto di intensità e tempi.
L'intensità si sente e si manifesta all'altra persona.
E difficile da misurare ed ognuno conosce la sua e quella del partner, in un rapporto lungo.
I tempi, possono più o meno, rientrare nella media, ma anche la media è difficile da stabilire, perchè nella vita, non è obbligatorio collocarsi in una certa frequenza; per ciascuno, ci sono delle variazioni, anche importanti, dovute a molti fattori.

Avatar utente
Edward
AVENita di Classe A
Messaggi: 2738
Iscritto il: mar dic 09, 2014 10:49 pm
Orientamento:
Genere: f

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Edward » sab gen 02, 2016 5:53 pm

Con "tempi" io intendo che un sessuale prova attrazione con regolarità nell'arco della vita. Questa regolarità non vuol dire sempre, ogni mezz'ora o ogni giorno o ogni settimana: vuol dire che l'attrazione è parte integrante della sua vita, non un'eccezione o una cosa che è accaduta tre volte in 15 anni.

Per l'intensità.
Probabilmente un gray potrebbe provare un'attrazione sessuale talmente minima da non desiderare davvero di seguirla.
Però in queste cose io tendo ad andarci sempre un po' con i piedi di piombo, perché altrimenti è molto facile cadere nell'errore di credere che basti avere gusti diversi dai più, un desiderio meno frequente dell'ossessione per identificarsi nella gray-area. È un discorso complesso, penso che ogni persona dovrebbe riflettere tanto e comprendere che comunque l'area bianca è molto molto variegata. In passato è già capitato che alcune persone identificassero l'area grigia come tutto quello che non è un'attrazione sessuale ossessiva...

Avatar utente
Ipazia
Maxi-Mitosi
Messaggi: 260
Iscritto il: lun nov 30, 2015 2:12 pm
Genere: femmina

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Ipazia » sab gen 02, 2016 7:19 pm

Carissima, qui ci sono persone ben più ferrate di me che ti stanno rispondendo egregiamente. Io però ti consiglio di leggerti bene il forum, io ho fatto così, me lo sono letta bene, soprattutto quello che mi sembra fosse più simile a me e dopo un mesetto le cose si stanno chiarendo. Poi è altrettanto importante sapere che non si è soli e che qui ci si sostiene senza giudicare!Un abbraccio

Avatar utente
Aliah
Mega-Mitosi
Messaggi: 165
Iscritto il: sab lug 04, 2015 10:11 pm
Orientamento: Demisessuale Romantica
Genere: Femmina

Re: Chiedo lumi sulla demisessualità, aiutatemi a capire

Messaggio da Aliah » lun gen 25, 2016 6:30 pm

Ciao Goldenlight. Hai richiesto aiuto sulla demisessualità, ed eccomi qui! Allora, come è già stato scritto in questo thread e come avrai già avuto modo di leggere in giro sul forum, la demisessualità è associata all'asessualità, in quanto, generalmente, la persona non sperimenta attrazione sessuale. Questa scatta solo ed esclusivamente dopo che si è stabilito un forte legame emotivo, che include condivisione di esperienze, feeling, fiducia, trasparenza, sincerità e altro. Spesso questa attrazione, sebbene ci sia, non viene concretizzata, o almeno non immediatamente (insomma, non è come per i sessuali, che quando scatta, se ce n'è la possibilità, si fa) (mi baso su film per questo commento, non avendo io sperimentato questa cosa).
Dunque, alla luce di tutto ciò, credo tu sia regolarmente sessuale, al massimo grey tendente al bianco (=sessualità). Il fatto che l'attrazione per l'altra persona scatti se c'è un minimo d'interazione mi sembra normalissimo, nel senso che non sei ipersessuale o altro. Di sicuro non sei demisessuale: a me non basta l'interazione per trovare qualcuno attraente dal punto di vista sessuale, l'interazione mi porta ad avere molti amici. ^_^
.I won't LAST LONG in this WORLD so WRONG.

Rispondi