Grey area, frustrazione e aromanticismo

Per tutto ciò che riguarda coloro che si sentono "a metà" tra sessuali e asessuali: grey-A e demisessuali.
Rispondi
Avatar utente
DafneZ
Junior
Messaggi: 19
Iscritto il: mer mar 01, 2017 1:59 am
Genere: Femmina

Grey area, frustrazione e aromanticismo

Messaggio da DafneZ » mar lug 04, 2017 7:10 pm

Ciao a tutti, era da un po' che volevo condividere certe esperienze. Ho un gran bisogno di farlo, e non so se troverò il modo giusto, senza essere offensiva, o troppo esplicita nei contenuti.
Io mi considero appartenente allo spettro asessuale, nell'area grigia. Il desiderio sessuale è una parte fondamentale nella mia vita. Mi piace molto fantasticare e praticare autoerotismo. Del sesso con gli uomini l'unica cosa che non mi piace (e che non desidero) è la penetrazione (anche con le dita), non ne ho mai sopportata una completa. Adoro tutto il resto, dal flirt appena ci si conosce ai primi imbranati contatti fisici, abbracci, carezze, baci (di tutti i tipi), petting, fino ad arrivare al sesso orale (praticato e ricevuto).

Quando avevo vent'anni, e parlavo liberamente di questa che io chiamavo asessualità (avevo imparato ad usare questo termine già dall'adolescenza), le persone, anche gli amici, anche quelle che io consideravo persone intelligenti, aperte, sensibili a questo termine, mi hanno interpretata molto male, e mi hanno detto parecchie cose. Mi fa particolarmente male essere etichettata come bacchettona o moralista, perché davvero, non c'è niente di più lontano dalla mia posizione, assolutamente materialista, atea e permissiva. Ovviamente so che in questo forum c'è chi può capirmi, e non sto a spiegare ancora la differenza fra asessualità e atteggiamento sex-negative. Idem mi faceva male essere considerata frigida o anche solo priva di desiderio: con tutto il rispetto per gli asessuali "neri" e per chi non prova alcun tipo di attrazione, io lo provo, ed è un grande fraintendimento pensare che sia totalmente assente.

Ma vengo al punto. Quello che mi dicevano queste persone è che io ero una ragazza destinata a deludere e frustrare i partner. "Poverini quelli che avranno a che fare con te", resteranno delusi per la famosa mancanza di soddisfazione finale completa. Anzi, il fatto che io amassi molto i preliminari andava tutto a mio sfavore (anche qui, l'idea che sia meglio essere completamente bianchi o completamente neri, ma mai grigi - ricordo qualcuno scrivere su questo forum "il sesso c'è o non c'è, non ci sono vie di mezzo"), facendo di me una gran stronza che "te la fa annusare" e poi non te la dà. Con mia grandissima tristezza ascoltavo queste cose, consapevole non solo di tutto il bisogno mio di ricevere contatto fisico, ma anche di tutto quello che io sono in grado di dare.

Dove voglio arrivare? Sono passati tanti anni, diverse (anche se poche) esperienze, tanta consapevolezza in più. Quelle persone che mi dicevano che io sono una che rende i partner frustrati non hanno idea di quanto siano stati gli uomini a frustrare me, i miei bisogni. Ho conosciuto un numero incredibile di sessuali totalmente aromantici. Persone che non sopportano alcun tipo di comunicazione non verbale (sguardi, sorrisi), di contatto fisico (tocco leggero sul braccio, baci sulle guance), ma che poi hanno rapporti sessuali completi, direttamente così, facendo a meno se possibile di abbracci o baci. Due osservazioni vorrei fare: quello che io intendo per flirt o preliminari non ha nulla a che vedere con il legame affettivo (quindi con una sorta di mia demisessualità). Il grande equivoco, con tanti di questi uomini, è che se vuoi il flirt sei una che è innamorata e vuole una relazione fissa, cosa che da parte mia era totalmente assente, ma che, sempre assillati dalla paura che la donna si innamorerà di loro, questi fanno di tutto per frustrare e tenere alla larga (aggiungendo che ne sarebbero comunque incapaci). L'altra osservazione è che da parte mia non c'è alcun giudizio negativo sui sessuali aromantici, io e loro siamo male assortiti e stop, solo che la parte della persona particolare spetta spesso all'asessuale. Negli ultimi tempi, però, prendo atto che i sessuali aromantici si stanno rendendo conto che anche la loro situazione è qualcosa che richiede una spiegazione preventiva a un eventuale partner, non è una situazione che "va da sé". E secondo me è già un passo avanti.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26508
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Grey area, frustrazione e aromanticismo

Messaggio da Bianca » mar lug 04, 2017 9:33 pm

E' evidente come tu faccia parte di una delle tante sfumature intermedie che stanno tra il bianco e il nero.

Molti asessuali escludono la penetrazione mentre invece gradiscono le cose che elenchi tu, in tutto o in parte.
Proprio perchè, non tutti sono completamente privi di attrazione, ma la sperimentano con intensità diverse.

Il fatto che tu sia stata giudicata così negativamente, sia per come hai riferito di essere, sia, addirittura su quanto avrebbe potuto accadere in seguito con eventuali partners, mi sorprende parecchio.
Non riesco a capire chi può essersi sentito autorizzato a considerazioni così negative.

Non è vero che il sesso non abbia vie di mezzo; ne ha tantissime, tutte perfettamente in grado di soddisfare un'intesa ed armonizzarsi con un accordo a due.

Mi chiedo anche, perchè gli altri dovessero entrare cosi tanto e con scarponi chiodati, nella parte di te più riservata e sensibile, facendoti del male e rendendoti triste e insicura.

Il fatto di aver incontrato sessuali aromantici, è forse stato causato dal fatto che tu cercavi più un rapporto che fosse soddisfacente ma rispettasse i tuoi limiti.
Anche loro erano alla ricerca di sessualità più che di amore e trovarla con dei limiti, non andava loro bene, per cui, vi deludevate a vicenda.
Chi cerca sesso, solitamente salta i preliminari, per cui l'incontro diventa un equivoco reciproco.

Non basta essere sessuali per far passare l'aromanticismo in secondo piano, anzi, avere tanto gran bel sesso, senza nessun sentimento, credo che alla lunga, inneschi un senso di frustrazione.

Avatar utente
Anubi84
Junior
Messaggi: 10
Iscritto il: lun mag 15, 2017 11:29 am
Orientamento: eteroromantico
Genere: Maschio

Re: Grey area, frustrazione e aromanticismo

Messaggio da Anubi84 » mer lug 05, 2017 7:22 pm

Ciao DafneZ, credo che il condividere sia sempre positivo, soprattutto se si sente il bisogno di farlo.
Mi ritrovo abbastanza nelle tue parole, io stesso credo di potermi definire della gray area, dunque ho una situazione simile alla tua pur con le relative sfumature di grigio e il fatto di aver a che fare con le donne, essendo entrambi etero.
Dici di aver conosciuto tantissimi sessuali aromantici, me ne dispiace ma ti assicuro che uomini romantici ce ne sono ancora. Non solo gray come me ma ho anche molti amici sessuali che sono certo saprebbero trattare una donna con il romanticismo e la galanteria necessaria.
Dal basso della mia ignoranza vorrei esporti un paio di riflessioni. Innanzi tutto credo sia giusto valutare l'ambiente in cui hai conosciuto questi uomini. Incontri che avvengono ad esempio in discoteca o locali notturni in genere hanno già una predisposizione poco romantica rispetto a una passeggiata al parco o attività simili, così aumenta il rischio di incontrare uomini poco propensi a una relazione duratura o quantomeno non finalizzata al solo sesso.
Un'altra riflessione che forse ti risulterà utile è che chi non ama il sesso può facilmente trovarlo fastidioso o disturbante: io ad esempio le poche esperienze che ho avuto sono state con donne esperte, a volte più vecchie di me e che godevano di una certa "fama" di ottime amanti. Con me sono state anche molto gentili eppure il tutto mi è sembrato fastidioso e doloroso. Questo per dirti che la mancanza di preliminari non gioca certamente a favore degli uomini che hai conosciuto, ma non necessariamente da parte loro potrebbe esserci stato del menefreghismo, semplicemente è un'attività in cui non riscontri piacere a prescindere da come venga fatto. Per fare un esempio stupido è come quando mia madre aggiunge il peperoncino alla pasta al grido di "Ne ho messo così poco che si sente appena" eppure il gusto di piccante mi rovina il pasto.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26508
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Grey area, frustrazione e aromanticismo

Messaggio da Bianca » mer lug 05, 2017 8:01 pm

Concordo con quello che dice Anubi.
In questo caso però, non si parla di romanticismo in quanto modo di fare, ma in quanto predisposizione all'innamoramento e quindi all'intento di avere rapporti che non siano soltanto ricerca di piacere.

Dafne ama i rapporti sessuali; l'unica cosa che non gradisce è la penetrazione; è diverso dal non avere nessun interesse per il sesso.
Per rimanere nelle gradazioni, mi viene da dire che Dafne appartenga ad un grigio molto chiaro, perchè da quello che ho letto qui, i grey amano quasi esclusivamente coccole, abbracci, baci superficiali e poco sesso, saltuariamente.

Il fatto che Dafne non abbia gradito il modo di fare di uomini sessuali, a cui lei aggiunge aromantici, è probabilmente perchè, invece di partire dalle attività che lei gradisce, partivano esattamente da ciò che lei rifiuta.

Avatar utente
DafneZ
Junior
Messaggi: 19
Iscritto il: mer mar 01, 2017 1:59 am
Genere: Femmina

Re: Grey area, frustrazione e aromanticismo

Messaggio da DafneZ » mer lug 05, 2017 8:16 pm

Ciao Anubi, grazie della risposta. Uhm, ho qualche delucidazione da fare.
Anubi84 ha scritto: Dici di aver conosciuto tantissimi sessuali aromantici, me ne dispiace ma ti assicuro che uomini romantici ce ne sono ancora. Non solo gray come me ma ho anche molti amici sessuali che sono certo saprebbero trattare una donna con il romanticismo e la galanteria necessaria.
Ma io non parlavo di galanteria. Romanticismo lo intendevo nel senso di attrazione sessuale romantica: dal flirt al contatto fisico, fino ai preliminari (che a me piacciono moltissimo!). Parlo proprio di contatto fisico. Sono persone che mi hanno parlato a lungo dei loro problemi a toccare e farsi toccare, ma poi hanno rapporti completi. Non si capisce bene in che modo. Tipo" Il Dormiglione" di Woody Allen?
Anubi84 ha scritto: Innanzi tutto credo sia giusto valutare l'ambiente in cui hai conosciuto questi uomini. Incontri che avvengono ad esempio in discoteca o locali notturni in genere hanno già una predisposizione poco romantica rispetto a una passeggiata al parco o attività simili,
Beh, io sono una grande amante di musica, letteratura, arti visive, e questi uomini li ho tutti conosciuti tramite altri amici appassionati delle stesse cose, in vari luoghi di condivisione, pubblici e privati. Il fatto di essere persone amiche (e culturalmente affini) non incide sui loro orientamenti e comportamenti sessuali, com'è ovvio che sia.
Anubi84 ha scritto: così aumenta il rischio di incontrare uomini poco propensi a una relazione duratura o quantomeno non finalizzata al solo sesso.
Uhm, a me non interessa la relazione duratura. Mi sta bene il solo sesso, se fatto come piace a me, ovviamente.
Anubi84 ha scritto:Un'altra riflessione che forse ti risulterà utile è che chi non ama il sesso può facilmente trovarlo fastidioso o disturbante: io ad esempio le poche esperienze che ho avuto sono state con donne esperte, a volte più vecchie di me e che godevano di una certa "fama" di ottime amanti. Con me sono state anche molto gentili eppure il tutto mi è sembrato fastidioso e doloroso. Questo per dirti che la mancanza di preliminari non gioca certamente a favore degli uomini che hai conosciuto, ma non necessariamente da parte loro potrebbe esserci stato del menefreghismo, semplicemente è un'attività in cui non riscontri piacere a prescindere da come venga fatto. Per fare un esempio stupido è come quando mia madre aggiunge il peperoncino alla pasta al grido di "Ne ho messo così poco che si sente appena" eppure il gusto di piccante mi rovina il pasto.
Anch'io ho avuto esperienze simili alle tue, con uomini più esperti, che sono stati anche gentilissimi e mi hanno lasciato fare quello che volevo fermandomi quando volevo. Sono proprio loro che vedono i preliminari solo come, appunto, pre-qualcosa che viene dopo, quando per me essi rappresentano la cosa principale. So che non c'era menefreghismo da parte loro, ci mancherebbe, eravamo solo male assortiti.
Qualcuno in questo forum scrisse anche qualcosa tipo: "detto tutto ciò, continuo ad essere alla ricerca di partner sessuali". Ho molti problemi ad ammetterlo, ma devo dire che purtroppo vale anche per me.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26508
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Grey area, frustrazione e aromanticismo

Messaggio da Bianca » mer lug 05, 2017 9:37 pm

Se tu vuoi partners sessuali, è molto probabile che diano per scontato, un rapporto completo, ovvero che comprenda anche ciò che tu non gradisci.
Ma la cosa non deve stupirti. E' normale che vedano i preliminari come preliminari e non come il clou del rapporto.

Sei tu che vuoi qualcosa di diverso, ma bisogna che tu ti accordi prima.

Se a te non interessa la relazione duratura, è probabile che il romantico non abbia interesse nei tuoi confronti e allora, hai ragione a dire che siete male assortiti.

I comportamenti sessuali, non sono determinati dal livello culturale, ma il porsi con una donna, sicuramente sì.
I modi di un uomo che ama la musica, le arti, la poesia, sono sicuramente diversi da quelli che può avere uno scaricatore di porto.
Poi, c'è sempre l'eccezione e il falso acculturato.

Rispondi