Essere asessuale aromantico è un vantaggio?

Per tutto ciò che riguarda l'asessualità e gli asessuali.
Avatar utente
axelay
(A)VENdicatore
Messaggi: 1532
Iscritto il: ven gen 30, 2015 10:50 am
Orientamento: della prua 15° a babordo
Genere: pirata romantico ma gladiatore

Re: Essere asessuale aromantico è un vantaggio?

Messaggio da axelay » ven feb 27, 2015 10:50 am

Un romantico non è altro che un aromantico (in quanto essere umano) che vive l'amore ed il rapporto di coppia in maniera romantica.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26679
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Essere asessuale aromantico è un vantaggio?

Messaggio da Bianca » ven feb 27, 2015 11:09 am

Cos'è? Uno scioglilingua?

Avatar utente
Bakeneko
AVENissimo
Messaggi: 3546
Iscritto il: mer mag 23, 2012 5:28 pm
Orientamento: Asessuale
Genere: Umanoide

Re: Essere asessuale aromantico è un vantaggio?

Messaggio da Bakeneko » ven feb 27, 2015 12:16 pm

Celeste ha scritto: Avere bisogno dell'approvazione altrui vale per tutti i tipi di relazione, non solo per quelle romantiche; c'è chi ha bisogno dell'approvazione degli amici, della famiglia, perfino degli estranei che passano. Quella è insicurezza, non vuol dire "essere molto romantici"!
Quotone! Io mi definisco gray-romantic (per cui sto nella fascia che comprende lithromanticismo e sfumature più o meno chiare di aromanticismo) eppure mi trucco e mi preparo bene prima di uscire di casa, mi fa piacere ricevere complimenti, i miei amici si contano sulle dita di una mano (meglio pochi ma buoni) ma se non ne avessi neanche uno non so come mi sentirei. Se qualcuno mi fa notare qualcosa che non va in me ci posso rimanere anche parecchio male.
Celeste ha scritto: Secondo me, buona parte di colpa sta in quelle sciocchezza del "cambiare per amore", dell'idea che se amiamo dobbiamo cambiare per compiacere l'altro o che l'altro se ci ama deve modificare aspetti di sè per compiacere noi. Questa idea è per me falsissima, per prima cosa perchè se amo una persona che però voglio cambiare vuol dire che non amo quella persona (mi pare evidente), e in secondo luogo perchè non è un obbligo cambiare per l'altro, se accade accade spontaneamente e non ce ne si accorge neanche. Un aromantico non conosce questi meccanismi, ed è convinto che l'amore sia una questione di superficie (farsi belli, accontentare l'altro, rinunciare a cose di sè ecc).
Quoto anche questo! La frase in grassetto rispecchia i miei pensieri di qualche tempo fa... quando ancora non conoscevo il termine asessuale e aromantico.
Celeste ha scritto: Probabilmente dipende dal fatto che chi non è aromantico parla delle sue relazioni in questi termini (dal "guarda cosa mi ha regalato" / "ho fatto questo e quest'altro per lui/lei" / "sono stat* lasciat* perchè non ho fatto abbastanza" e mille altri esempi). È normale, quando uno ha una relazione manifesta all'esterno i picchi, ovvero quando è molto felice o quando è molto triste, e un aromantico che ovviamente non può capire le dinamiche sottostanti deduce che l'amore sia una somma di cose fatte per l'altro e che l'altro ha fatto per me.Gli sembra uno squallore (e se l'amore fosse questo lo sarebbe davvero) e pensa che sia una fortuna non esserne soggetto.
Ho visto illuminazione! :D
53x+m³=Ø

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26679
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Essere asessuale aromantico è un vantaggio?

Messaggio da Bianca » ven feb 27, 2015 12:33 pm

L'amore non è guarda cosa mi ha regalato, guarda cosa ha fatto per me.
A parte che io non devo dimostrare a nessuno, se non a me stessa, quanto sono amata.

Mai ho pensato di poter cambiare qualcuno. Piuttosto mi viene naturale cercare di modificare in me le cose che possono dare fastidio, ma questo è un processo naturale quando si vuole bene a qualcuno.

No, l'amore non è una questione di superficie, di apparenza, di esteriorità.
L'amore è fatto di tante piccole cose gentili, carezze per il cuore, parole dolci, interesse, pensieri, partecipazione, condivisione, anche quando si dorme.

Rispondi