Come avete scoperto di essere asessuali?

Per tutto ciò che riguarda l'asessualità e gli asessuali.
Avatar utente
SilverKitsune
z = z² + c
Messaggi: 9690
Iscritto il: ven apr 15, 2011 6:03 pm
Orientamento: Asessuale
Genere: Demiguy / Non-binario
Località: Monte Argento

Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da SilverKitsune » ven giu 28, 2013 10:09 am

^ La domanda si riferisce a quando avete iniziato a sospettare di non essere etero/omo/bi/altro-sessuali, quindi anche prima di approdare su AVEN. ;)
"I see now that the circumstances of one's birth are irrelevant; it is what we do with the gift of life that makes us who we are."

MBTI: INTJ

Avatar utente
Fox
Пролетарские Якобинцы
Messaggi: 330
Iscritto il: mar lug 05, 2011 10:21 pm
Orientamento: Asessuale
Genere:
Contatta:

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da Fox » ven giu 28, 2013 11:14 am

Io per qualche anno ho pensato di essere fra quelli che "hanno bisogno della ragazza giusta". Poi, gradualmente, mi sono reso conto che la cosa non mi interessava granché. E poi sono approdato su AVEN. :lol: Penso di essere stato fortunato in questo senso, perché per alcuni può essere una realizzazione ben più tormentata.
"La dialettica del cervello è solo il riflesso del movimento del mondo reale, entrambi della natura e della storia." F. Engels
"Anyone who believes that the laws of physics are mere social conventions is invited to try transgressing those conventions from the windows of my apartment." A. Sokal
"The old faiths light their candles about / But burly truth comes by and puts them out." L. Reese

Avatar utente
The Wayward Fox
AVENissimo
Messaggi: 3626
Iscritto il: sab feb 16, 2013 2:35 am
Orientamento: Demisessuale panromantic*
Genere: Genderqueer/Non-binari@ (l*i)

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da The Wayward Fox » ven giu 28, 2013 11:37 am

Ripeto spesso che prima di scoprire di essere demi ho passato anni a considerarmi asessuale :mrgreen:
Non ricordo dove incontrai per la prima volta il termine - Wikipedia, forse? - ma all'epoca avevo quindici anni e mi ritrovai perfettamente nella definizione. Ero sempre stata disinteressata a qualunque aspetto della vita romantica, non avevo mai trovato un ragazzino fisicamente attraente come le mie coetanee, non capivo gran parte dei loro discorsi. La consapevolezza di non essere proprio simile agli altri me la portavo dentro fin da quando ero un'infante, ma è stato solo intorno ai tredici, quattordici anni che ho cominciato a mettere insieme i pezzi del puzzle e ad avere una minima, seppur distorta, idea di quello da cui i miei compagni sembravano ossessionati. E io non solo mi sentivo profondamente diversa, ma ero anche percepita come tale e presa in giro per questo, tra le mille altre cose.
A proposito, Kit, spero non ti dispiaccia se ti rubo l'idea e apro un topic simile nella sezione dedicata all'area grigia ;D
« Ci sono crimini peggiori del bruciare libri. Uno di questi è non leggerli. »

Immagine

Diario di un asso grigio scuro, blog a tematica asessuale e affini.

Avatar utente
Chiara78
Residente permanente di AVEN
Messaggi: 5200
Iscritto il: ven ott 29, 2010 4:47 pm

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da Chiara78 » ven giu 28, 2013 1:15 pm

Non saprei... ho sempre avuto chiaro, fin da quando ho scoperto la sua esistenza, che magari con la persona giusta il sesso sarebbe stato piacevole, ma che non è tra le mie priorità.
♥ La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo! ♥

Immagine

Avatar utente
strangeR
A-ssolutamente Fantastico
Messaggi: 93
Iscritto il: mar mar 31, 2009 12:26 am
Orientamento: asessuale

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da strangeR » ven giu 28, 2013 4:20 pm

quando ho scoperto il sesso (9 anni circa, tramite materiale cartaceo trovato per caso), ero incuriosito, ma avevo la sensazione che non c'era una mia collocazione in quell'attività, che la cosa non mi riguardasse... quando la sensazione si confermò dopo lo sviluppo sessuale pensai che dipendesse dal mio disagio fisico e dalla disidentificazione dal mio genere di appartenenza, ma sentivo di non avere nessun tipo di pulsione sessuale o attrazione verso persone specifiche... quando ho scoperto la mia transessualità e la possibilità di transizionare decisi di rimandare ogni valutazione a dopo la transizione, portando avanti il concetto per cui una distonia di genere e un profondo disagio fisico possono inibire le pulsioni sessuali, quindi risolvendo il problema identitario poi forse sarebbe cambiato qualcosa (ma già avevo la sensazione che la situazione non sarebbe cambiata molto, anche perchè altre persone transessuali riportano di aver sempre avuto pulsioni sessuali: magari non tutti le hanno agite, ma l'impulso c'era...), ma alla fine del percorso di transizione (che ritengo soddisfacente: il problema del disagio fisico l'ho sicuramente risolto) ho avuto un'ulteriore conferma della mia asessualità, e solo a questo punto ho trovato anche il termine per definire questo aspetto. per non lasciare niente di intentato, dopo aver sentito tanti discorsi di persone che hanno approcciato il sesso senza una grande convinzione e solo per esperienza diretta hanno potuto farsi un'opinione realistica a riguardo, non ho voluto precludermi l'esperienza, quando è capitato nell'ambito di una relazione, affrontandola con la massima apertura (mentale, ovviamente... battutaccia...). ulteriore conferma, anche se penso che l'esperienza diretta, come gli altri passaggi della mia presa di consapevolezza dell'asessualità, sia stata importante, togliendomi ogni residuo dubbio sul fatto che il mio disinteresse dipendesse da qualche tipo di blocco, repulsione, paura, disagio... ho capito che semplicemente non mi interessa, ma ho anche imparato a gestire la situazione dal mio punto di vista per evitare possibilmente che sia quello il punto focale della relazione

Asphyxia
A-utorità Asexy!
Messaggi: 4100
Iscritto il: dom apr 07, 2013 2:18 am

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da Asphyxia » ven giu 28, 2013 6:50 pm

.
Ultima modifica di Asphyxia il lun gen 12, 2015 11:00 am, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
klizia
Maxi-Mitosi
Messaggi: 248
Iscritto il: lun gen 07, 2013 12:44 am
Orientamento: Asex Aromantica
Località: Roma

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da klizia » ven giu 28, 2013 7:43 pm

Non riuscirei a stabilire una data, direi comunque nello stesso momento in cui sono venuta a conoscenza dei vari orientamenti sessuali, quindi da ragazzina: non mi sono mai rispecchiata in nessuno degli orientamenti che conoscevo, anche se non sapevo che esisteva l'asessualità come orientamento penso di averlo sempre saputo, ho sempre avuto le idee abbastanza chiare.

Avatar utente
Shali
Mega-Mitosi
Messaggi: 189
Iscritto il: mer giu 26, 2013 9:08 pm
Orientamento: poco incline ai r.f.
Genere: donna

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da Shali » ven giu 28, 2013 9:17 pm

io ho cominciato a pensare alla possibilità di essere asessuale in modo un po' particolare... avevo 14 o 15 anni e a scuola tutti mi chiedevano di chi fossi innamorata, dando per scontato che dovevo essere innamorata di qualcuno, e quando dicevo che non mi interessava nessuno non mi credevano, dicevano che non volevo confidarmi con loro. Un giorno lessi su una rivista un articolo che parlava di un ragazzo asessuale (considerandolo una specie di fenomeno da baraccone -.-) e mi venne da pensare che, se lo avessero letto i miei compagni mi avrebbero chiamata così. Onestamente la cosa mi dava fastidio :)
Poi per tanti anni ho "messo da parte" l'argomento, però ogni volta che mi piaceva qualcuno o che qualcuno si interessava a me mi rendevo conto che pensare ad una "fisicità" con questa persona non mi riusciva naturale... non sapevo che pensare di tutto ciò fino a pochi mesi fa, quando ho letto per pura casualità le definizioni dei vari tipi di asessualità e mi sono immediatamente riconosciuta.
C'erano molte persone a cui voleva bene, donne e uomini, ma se in virtù di un curioso accordo avesse dovuto, come condizione dell'amicizia, prendersi cura del loro naso e farglielo soffiare regolarmente, avrebbe preferito vivere senza amici.

nei miei stupidi ambienti
ci si lascia stare per non dire la verità


Si rivolgeva al suo mondo in onestà, alla ricerca di qualcosa che meritasse le quantità di amore che sapeva di avere dentro, ma a ogni cosa diceva: Non ti amo. Paletto di recinto marron-corteccia: Non ti amo. Poesia troppo lunga:Non ti amo. Cena nella scodella: Non ti amo. La fisica, l'idea di te, le tue leggi- Non ti amo. Nulla sembrava qualcosa in più di quello che era davvero.

Non venivano mai proferite parole d'odio, né si alzavano mani. Ancor di più: non venivano mai proferite parole di rabbia, e nulla era negato. Ma ancor di più, non venivano mai proferite parole che non fossero d'amore, e tutto era portato come un ulteriore, piccolo elemento probatorio del fatto che così può essere, e non dev'essere altrimenti; se nel mondo non c'è amore faremo un altro mondo, e lo circonderemo di mura massicce e lo arrederemo con interni rossi e soffici, e gli forniremo un battaglio che suoni come un diamante caduto nel feltro di un gioielliere in modo che non lo sentiamo mai. Amami perché l'amore non esiste e io ho provato tutto ciò che esiste.

Avatar utente
Caos
A-frodite
Messaggi: 1028
Iscritto il: ven mar 15, 2013 10:50 pm
Orientamento: asessuale aromantica
Genere: femmina

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da Caos » ven giu 28, 2013 10:07 pm

Come hanno detto molti, inconsciamente penso di averlo sempre saputo e ora che sto "razionalizzando" tutta la faccenda mi stanno tornando in mente un sacco di fatti che ora,per fortuna :D , hanno un senso....ad esempio quando da ragazzina un compagno di scuola mi chiese se me piacessero i ragazzi e io sovrappensiero gli risposi un secco"NO!", per molto tempo ho finito per ignorare la cosa pensando che prima o poi sarebbe successo anche a me di innamorarmi o di volere un ragazzo come tutti ma, invece....
Il punto di svolta è stata una serata tra ragazze qualche anno fa, a un certo punto una mia amica cominciò a chiedere " Allora, quale è l'attore che vi fa venire voglia di strappargli le mutande?" tutte avevano una risposta mentre io rimasi muta e non certo per pudore ma, semplicemente non ne avevo minimamente idea!!:shock:
Ero diventata maggiorenne da poco e a rigor di logica avrei dovuto avere tutti gli ormoni in subbuglio.....ho pure pensato di essere lesbica per un certo periodo ma, alla fine non è cambiato nulla....non è stato un periodo facile e ho cercato ancora di lasciare perdere la questione e pensare ad altro.
Poi Sherlock Holmes, il caso ed un orrido sito di fan-fiction(.....brrrrrr.. :? ) mi hanno portata qui, quando si dice il destino!! :D
I'm not crazy, my reality is just different from yours

secrets
A-ssolutamente Fantastico
Messaggi: 84
Iscritto il: sab feb 23, 2013 5:41 pm
Orientamento: asessuale romantico
Genere: maschio

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da secrets » ven giu 28, 2013 11:37 pm

Anche io, come tanti altri hanno già scritto, dentro di me ho sempre pensato di non essere come gli altri. Ho sempre desiderato una ragazza (dal punto di vista romantico), ma in adolescenza ho preso gradualmente coscienza del fatto che, dal punto di vista fisico, le ragazze si aspettavano qualcosa che non mi veniva naturale dare. Ho pensato per tanto tempo di avere qualche cosa che non andava...
E allora l'esistenza che importanza ha? Io esisto meglio che posso!

Avatar utente
SilverKitsune
z = z² + c
Messaggi: 9690
Iscritto il: ven apr 15, 2011 6:03 pm
Orientamento: Asessuale
Genere: Demiguy / Non-binario
Località: Monte Argento

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da SilverKitsune » dom giu 30, 2013 10:32 am

Fai pure Fox, le esperienze dell'area grigia possono essere anche più particolari di quelle degli asessuali, considerato che la differenza coi sessuali è molto meno netta :)
Il mio percorso è simile a quello di tanti altri, eccetto per una buffa variante: in terza media, verso maggio 2006, mi capitò di vedere Orgoglio e Pregiudizio al cinema in gita scolastica. Film molto pudico, ovviamente, al punto tale che nella scena finale del bacio non mostrarono neanche il bacio vero, bensì fu tagliata per arrivare direttamente alla proposta di matrimonio... tutto il cinema era in subbuglio (immaginate un'orda di studenti medi che fanno "Buuuuuu!"), io per niente. In classe sentii le professoresse che commentavano la scena, e una di loro, quella d'inglese, affermò: "Eh, hanno voluto mantenere l'immagine di un amore completamente platonico!"
In quel momento capii che era esattamente ciò che volevo. Non so come, né perché. Fu una sorta di rivelazione "a intuito".

Mi diedi del tempo, pensando che, in fin dei conti, avevo appena 13 anni e dovevo ancora affrontare lo sviluppo. I miei compagni di classe sembravano mediamente interessati in questa cosa mistica e strana chiamata sesso che facevano le persone adulte. Alle superiori la gente cominciò ad avere rapporti, e io ero lì che ascoltavo e pensavo che lo dicessero per finta, solo per vantarsi. Beata ingenuità :lol:
Decisi di attendere fino alla mia prima relazione, che comunque affrontai dicendo fin dall'inizio che non avevo intenzione di fare sesso, per deliberare che fosse effettivamente vero. Neanche a dirlo, l'attrazione e il desiderio non scattarono neanche allora.
Tuttavia, continuavo a non sentirmi bene con me stess*, perché ero in salute, ma pensavo: perché proprio io? Cos'ho che non va?

Un giorno, non molto tempo dopo la rottura con la persona sopra citata, feci l'accesso a facebook per caso. Lo usavo sì e no una volta ogni 2-3 mesi, dico sul serio.
Quel giorno uno dei suoi amici, che mi aveva aggiunto tra gli amici e che io nemmeno conoscevo di persona (l'avevo accettato solo perché sapevo che fosse un suo amico), condivise un link ad AVEN commentandolo in tono sarcastico.
Tadannnnnnn! Sia benedetto il caso! :mrgreen:
"I see now that the circumstances of one's birth are irrelevant; it is what we do with the gift of life that makes us who we are."

MBTI: INTJ

Avatar utente
Mia23
Ameba
Messaggi: 51
Iscritto il: lun apr 29, 2013 3:59 am
Genere: Femmina
Località: Varese

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da Mia23 » dom giu 30, 2013 3:59 pm

Beh, io negli ultimi due decenni sono passata per varie fasi prima di capire-illuminarmi. Per diversi anni non ci ho mai pensato (non essendo il sesso tra i miei interessi), poi quando ho iniziato a notarlo e parlarne con qualcuno mi è stato sempre e solo parlato di "aspetta la persona giusta e vedrai, è normale..." o detto che "sono una romanticona" e infine ho pensato di essere disturbata (anche) in questo campo, essendo convinta non fosse normale il disinteresse per il sesso. Cioè, non in senso cattivo, quanto di qualche mio problema inconscio, magari risalente ad anni fa, qualcosa che mi abbia potuto traumatizzare o altro (magari rimossa). Ero abbastanza ignorante in materia, ma poi è bastato fare una ricerca per scoprire di non essere sola ed eccoci. :D

In effetti posso dire di averlo scoperto molto tardi -c'è chi parla di 9 anni, già qualche indizio- alias qualche mese fa, ma penso questo sia dovuto al semplice fatto che la mia vita è sempre stata costellata di cotte/innamoramenti/altro, quindi sarà stato difficile soffermarmi su come IO personalmente avrei "manifestato" tali sentimenti o altro (cioè in modo diverso dalla maggior parte del mondo).

KatNik
Ameba
Messaggi: 59
Iscritto il: dom dic 08, 2013 5:48 am
Orientamento: etero - grigio chiaro
Genere: ragazza coccolosa

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da KatNik » dom dic 08, 2013 8:39 pm

E' stato un percorso molto graduale quindi non lo so, semplicemente verso i 16/18 ho cominciato a fare sesso e mi piaceva, poi pian piano ha avuto sempre meno importanza fino a sparire quasi del tutto. Mentre ho iniziato ad apprezzare di più le coccole e a cercare rapporti sempre più intensi dal punto di vista emotivo.

Francy81
Asexy
Messaggi: 321
Iscritto il: mar dic 03, 2013 1:09 pm
Orientamento: asessuale romantica
Genere: femmina
Località: Biella

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da Francy81 » ven dic 13, 2013 5:17 pm

adesso che so cosa vuol dire essere asessuale penso di esserlo sempre stata.
prima credevo che si trattasse di educazione troppo rigida e cattolica, che dovessi incontrare l' uomo giusto e cose così.
invece ho capito che la serietà e la religione non c' entrano nulla.
ho scoperto la parola asessuale dal commercialista anni fa, nell' attesa che mi ricevesse ho iniziato a sfogliare un giornale e c' era un articolo che parlava proprio degli asessuali, così una volta tornata a casa ho provato a cercare su internet e mi si è aperto uno spiraglio, subito chiuso quando ne ho parlato con il mio migliore amico che mi ha detto che non esistono gli asessuali.
anni dopo è arrivata la puntata di Forum ed eccomi qua.
mi sa che dovrò riparlarne con il mio amico! :wink:

Avatar utente
Shichiyoo
Asexy
Messaggi: 322
Iscritto il: sab nov 09, 2013 1:02 pm
Orientamento: Ace aromantica
Genere: Femmina
Località: Varese
Contatta:

Re: Come avete scoperto di essere asessuali?

Messaggio da Shichiyoo » ven dic 13, 2013 5:53 pm

Come francy... credo più o meno di averlo sempre saputo :lol: Nel senso, non mi è mai piaciuto un ragazzo (e nemmeno una ragazza) nel senso romantico e sessuale del termine ma non ci ho mai dato peso. Inoltre, sebbene io capisca benissimo e faccia a volte a mia volta battute di carattere "sessuale", sono sempre stata di un'ingenuità disarmante quando si trattava di discorsi un po' meno campati per aria :mrgreen:
Per intenderci, tipo cinque o sei anni fa scherzando (ma non poi tanto) con un'amica le dicevo che dovevo essere tipo asessuata (non conoscevo il termine allora) :lol:

Coscientemente invece, direi da quando sono incappata in una storia che citava en passant un asessuale, mi sono incuriosita e mi sono informata: et voilà! Niente che mi si addicesse meglio v.v
七曜
[Shichiyoo] 1) Seven stars; Ursa Major. 2) Seven gleams.
(X1999, CLAMP)

«Here's to the crazy ones: the misfits, the rebels, the troublemakers, the round pegs in square holes, the ones who see things differently. They're not fond of rules, and they have no respect for the status quo. You can quote them, disagree with them, glorify or vilify them. About the only thing you can't do is ignore them, because they change things. They push the human race forward. And while some may see them as the crazy ones, we see genius.
Because the people who are crazy enough to think they can change the world, are the ones who do.
»

Rispondi