Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Per tutto ciò che riguarda l'asessualità e gli asessuali.
WarDogKinzoku
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: dom lug 09, 2017 4:53 pm

Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da WarDogKinzoku » gio lug 27, 2017 5:04 pm

Mentre rispondevo a Volpe, ho riflettuto molto sulla mia sessualità e mi è venuto un dubbio, "sono veramente demisessuale come ho sempre creduto? Provo veramente attrazione sessuale? Che cos'è realmente l'attrazione sessuale? L'ho mai realmente provata?"
Che cos'è l'attrazione sessuale? È l'atto in sé? È come lo vivi? Io non lo so
Nella mia vita ho sentito il bisogno di un'intimità "maggiore" tre volte soltanto, ma dell'atto in se non mi è rimasto praticamente nulla, ricordo solo lei, ma allo stesso tempo non so dire con certezza se era proprio quello che cercavo.
Non era una ricerca di sesso, era un bisogno di sentirla più vicina, di farla sentire più vicina a me.
Alla domanda "sei mai stato attratto sessualmente da 'Shy?", mi viene da rispondere "sono stato attratto da 'Shy", non mi viene spontaneo metterci quel "sessualmente" accanto.
Non riesco a capire l'attrazione sessuale, so in teoria cos'è, ma è come se non fa parte di me, quindi mi chiedo può una persona provare qualcosa che non comprende dentro di se? Se non capisco l'attrazione sessuale, posso averla provata? O me lo sono imposto per un senso di "normalità"?
Io spesso tendo a cercare molto il contatto con la mia partner, ma, spesso, mi sembra come se non le do qualcosa di cui LEI ha bisogno.
Mi sembra come se mi manca un pezzo.
Se penso a quei momenti oltre a sentire una fitta al petto, ricordo i suoi occhi, il bacio che ci siamo dati prima, ricordo il suo profumo di ciliegia e lavanda, ricordo il sorriso, ricordo tutto il resto, ma dell'atto non mi è rimasto nulla.
Era l'apice della mia attrazione sensuale (che comprendo e sento parte di me) nei suoi confronti?
Demisessuale, un'etichetta che mi sembrava così perfetta ora mi sta stretta, come se non fosse mai stata mia, come se io volevo che fosse mia.
Mi piacciono le ragazze? Si
Mi piacciono gli uomini? No
Provo attrazione estetica? No
Provo attrazione romantica? SI
Provo attrazione aromantica? Si
Provo attrazione sensuale? SI
Provo attrazione sessuale? Non lo so è questo "non lo so" mi turba molto.
Le altre cose sono chiare nel modo di vederle viverle, mentre ho come l'impressione che mi sono imposto che ho provato attrazione sessuale, ma in realtà non è così.
Ma non so rispondere ancora alla domanda.
Più leggo la definizione si AVEN più mi sembra lontana dal mio modo di essere.
Forse infondo so la risposta, ma inconsciamente non lo accetto.
Ho pensato a "perché è successo quel giorno?"... Io volevo che lei si sentisse appagata, piena del mio amore, dei miei sentimenti.
Come per dirle "non sei Ashlyn, non sei Ashy, non sei Shy, sei la MIA Shy"
Ma non arrivo a una conclusione, mi resta quel dubbio.
Scusate per il lungo post, ma magari può servire a me è ad altri per un confronto

Avatar utente
Volpe
Mega-Mitosi
Messaggi: 145
Iscritto il: dom lug 16, 2017 7:17 pm
Genere: Vulpes vulpes
Località: Torino

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da Volpe » gio lug 27, 2017 6:18 pm

Hai fatto una bella descrizione questa volta! =) e hai tirato in ballo diversi argomenti.
Diciamo che in linea di massima per qualsiasi persona sessuale non è per niente difficile capire quando vuole saltare addosso a qualcuno =P e questo vale sia per le persone che pensano continuamente al sesso e sia per quelle che lo ritengono più marginale, in ogni caso è facile dire: "Con quello/a ci voglio andare a letto".
Il demisessuale, che non è una categoria definita ma più che altro un concetto disposto su un continuum sessuale-asessuale, prova attrazione sessuale solo quando instaura un rapporto stretto e profondo con l'altra persona. Diciamo che è un altro modo di vivere il sesso, e pensa che pure i sessuali possono sperimentare una differenza tra essere sessualmente attratti da uno sconosciuto o da una persona con cui hanno un profondo legame, è un tipo di attrazione diversa; pure a me è successo di provare improvvisamente attrazione sessuale per una ragazza, che non mi sarei MAI portato a letto, nel momento stesso in cui ho realizzato di essere innamorato di lei (ci ho messo un po'). Fin qui per dirti come ognuno vive il sesso (e il mondo in generale) a modo proprio.

Ora da quel che scrivi sembra che tu stia puntando all'essere asessuale e all'avere rapporti per compiacere la partner, il che potrebbe anche essere vero, ma certo ci devi ragionare ancora un po' per capirlo. E pensa che anche una volta capito, le cose cambiano! Sì perché l'orientamento sessuale (e il ruolo, e l'identità) può mutare nel corso della vita: quello che oggi credi di essere, domani può non essere più vero.

Se ti stai chiedendo se il tuo cervello inconscio e quello conscio sono due cose diverse: sì sono due cose diverse! E qui viene il bello: la cosa più semplice che puoi fare per capirne di più è verificare se hai un'erezione quando vedi una persona. Potresti paragonare donne e uomini per guardare se ci sono differenze, o anche mi vien da chiederti come gestisci la masturbazione: la pratichi? A chi pensi?
...d'altro lato, sebbene il cervello inconscio faccia il lavoro maggiore, a volte un cambiamento di pensieri consci può determinare un cambiamento più in profondità, come nel mio caso che ti ho raccontato prima: cambiamento cognitivo (hei mi piace questa ragazza!) --> nuova lettura della relazione (partner e non amica) --> sblocco della sessualità (verso una ragazza che ti assicuro non essere particolarmente bella).

So che c'è già abbastanza carne al fuoco ma volevo concludere con: da quanto tempo è finita questa relazione? Perché finché hai il suo pensiero fisso in testa puoi esser bloccato nel provare attrazione, di qualsiasi tipo, verso altre persone

WarDogKinzoku
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: dom lug 09, 2017 4:53 pm

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da WarDogKinzoku » gio lug 27, 2017 9:01 pm

Volpe ha scritto:Hai fatto una bella descrizione questa volta! =) e hai tirato in ballo diversi argomenti.
Diciamo che in linea di massima per qualsiasi persona sessuale non è per niente difficile capire quando vuole saltare addosso a qualcuno =P e questo vale sia per le persone che pensano continuamente al sesso e sia per quelle che lo ritengono più marginale, in ogni caso è facile dire: "Con quello/a ci voglio andare a letto".
Il demisessuale, che non è una categoria definita ma più che altro un concetto disposto su un continuum sessuale-asessuale, prova attrazione sessuale solo quando instaura un rapporto stretto e profondo con l'altra persona. Diciamo che è un altro modo di vivere il sesso, e pensa che pure i sessuali possono sperimentare una differenza tra essere sessualmente attratti da uno sconosciuto o da una persona con cui hanno un profondo legame, è un tipo di attrazione diversa; pure a me è successo di provare improvvisamente attrazione sessuale per una ragazza, che non mi sarei MAI portato a letto, nel momento stesso in cui ho realizzato di essere innamorato di lei (ci ho messo un po'). Fin qui per dirti come ognuno vive il sesso (e il mondo in generale) a modo proprio.

Ora da quel che scrivi sembra che tu stia puntando all'essere asessuale e all'avere rapporti per compiacere la partner, il che potrebbe anche essere vero, ma certo ci devi ragionare ancora un po' per capirlo. E pensa che anche una volta capito, le cose cambiano! Sì perché l'orientamento sessuale (e il ruolo, e l'identità) può mutare nel corso della vita: quello che oggi credi di essere, domani può non essere più vero.

Se ti stai chiedendo se il tuo cervello inconscio e quello conscio sono due cose diverse: sì sono due cose diverse! E qui viene il bello: la cosa più semplice che puoi fare per capirne di più è verificare se hai un'erezione quando vedi una persona. Potresti paragonare donne e uomini per guardare se ci sono differenze, o anche mi vien da chiederti come gestisci la masturbazione: la pratichi? A chi pensi?
...d'altro lato, sebbene il cervello inconscio faccia il lavoro maggiore, a volte un cambiamento di pensieri consci può determinare un cambiamento più in profondità, come nel mio caso che ti ho raccontato prima: cambiamento cognitivo (hei mi piace questa ragazza!) --> nuova lettura della relazione (partner e non amica) --> sblocco della sessualità (verso una ragazza che ti assicuro non essere particolarmente bella).

So che c'è già abbastanza carne al fuoco ma volevo concludere con: da quanto tempo è finita questa relazione? Perché finché hai il suo pensiero fisso in testa puoi esser bloccato nel provare attrazione, di qualsiasi tipo, verso altre persone
Grazie per la risposta, per prima cosa la mia relazione con 'Shy è terminata 2 anni fa e dopo di lei ho avuto altre 2 relazioni con ragazze molto sessuali e, proprio per questo, sono durate un mese circa.
Con 'Shy ci siamo fidanzati a ottobre e la nostra prima volta c'è stata a febbraio (non so se è utile ai fini della domanda, ma nel dubbio te lo dico).
Lei è l'unica che mi ha amato di 7 ragazze con cui sono stato.
Non la amo più, ma per me sarà sempre un ricordo piacevole, ma allo stesso tempo doloroso.
Mi masturbo, ma solo quando sento il bisogno (è come il kebab, mi piace, ma non è detto che mi va di mangiarlo sempre e, se non mi va, finisce che non riesco a finirlo nemmeno sotto sforzo).
Non essendo attratto da porno e simili penso al piacere che mi provoca.
Per "uomini e donne sono diverse" intendi per me o in generale?

Avatar utente
Volpe
Mega-Mitosi
Messaggi: 145
Iscritto il: dom lug 16, 2017 7:17 pm
Genere: Vulpes vulpes
Località: Torino

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da Volpe » gio lug 27, 2017 9:34 pm

Se la masturbazione è un'attività che porrti a termine con piacere allora la parte biologica (medica) è a posto: funziona tutto come deve. L'input però qual è? Senti il desiderio per...? L'eccitazione deriva da...? Non credi sia collegato a qualche situazione o pensiero particolare? Ma tu avevi il timore di non riuscire a leggerti bene dentro, per questo ti dicevo di utilizzare una strategia più basica e aiutarti osservando se l'erezione (o qualsiasi sensazione proveniente da quella zona) cambia a seconda del genere di persona che hai davanti, così capisci se c'è un genere che ti stimola più dell'altro e questo ti porterebbe a dire che sì sei sessualmente attratto da qualcuno!

WarDogKinzoku
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: dom lug 09, 2017 4:53 pm

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da WarDogKinzoku » gio lug 27, 2017 9:51 pm

Volpe ha scritto:L'input però qual è? Senti il desiderio per...? L'eccitazione deriva da...? Non credi sia collegato a qualche situazione o pensiero particolare?
Diciamo che è... complesso. Per me la masturbazione è tipo un pulsante che si accende quando in un certo senso sento bisogno di "amore verso me setsso" (non so se mi sono spiegato). Nel mentre penso al piacere che mi da.
Ci sono periodi che mi masturbo giornalmente, altri che non lo faccio per mesi.
Se sono fidanzato diminuisce drasticamente la frequenza.
Le carezze, i baci, gli abbracci, le coccole.... È come se colmano questo mio bisogno.
Se non conosco la persona, l'ubriacone del bar e la supermodella sono uguali, corpi "vuoti".
Ma allo stesso tempo tra le persone che conosco le ragazze hanno sempre una sorta di corsia preferenziale, per esempio ho sempre avuto migliori amiche, mi attraggono maggiormente in un certo senso (non solo romanticamente)

Avatar utente
Volpe
Mega-Mitosi
Messaggi: 145
Iscritto il: dom lug 16, 2017 7:17 pm
Genere: Vulpes vulpes
Località: Torino

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da Volpe » gio lug 27, 2017 10:39 pm

Sei sicuramente orientato verso le coccole rispetto al sesso.
Da quel che hai scritto fino ad adesso viene fuori che senti la libido a periodi, e sarebbe utile capire cosa la attiva e perché va a periodi.
Non è chiaro se questa libido sia indirizzata verso persone, cose, idee o semplicemente fisiologica; gli asessuali appunto possono avere una libido di questo genere.
Non è chiaro cosa ti abbia spinto ad avere rapporti con 'Shy, se hai davvero provato desiderio per lei o se l'hai fatto per farle un favore pensando che stesse male a non avere rapporti. La demisessualità fa riferimento ad un'attrazione sessuale, il desiderio di avere un rapporto sessuale, con una persona con la quale c'è un forte legame; il tuo volerle dimostrare il tuo amore potrebbe andare in questa direzione, e se sei riuscito a portare a termine l'atto sessuale senza problemi e con piacere direi che asessuale non sei. Che dici?

WarDogKinzoku
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: dom lug 09, 2017 4:53 pm

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da WarDogKinzoku » ven lug 28, 2017 1:49 am

Volpe ha scritto:[...]Da quel che hai scritto fino ad adesso viene fuori che senti la libido a periodi, e sarebbe utile capire cosa la attiva e perché va a periodi.[...]
Non è chiaro cosa ti abbia spinto ad avere rapporti con 'Shy, se hai davvero provato desiderio per lei o se l'hai fatto per farle un favore pensando che stesse male a non avere rapporti. La demisessualità fa riferimento ad un'attrazione sessuale, il desiderio di avere un rapporto sessuale, con una persona con la quale c'è un forte legame; il tuo volerle dimostrare il tuo amore potrebbe andare in questa direzione, e se sei riuscito a portare a termine l'atto sessuale senza problemi e con piacere direi che asessuale non sei. Che dici?
Non so bene cosa attiva la mia libido, ma la vedo più fisiologica come cosa.
Il fatto di 'Shy...non te lo so dire bene, ma se me la poni come "desiderio di avere un rapporto sessuale" quando lo sento mi come stona...
E una domanda che ora mi viene spontanea è... sono riuscito a portare a termine l'atto con piacere, o mi ricordo tutto il contorno perché inconsciamente lo rifiutavo?
Altre cose che penso che sia utile aggiungere sono il fatto che ho cercato da quando ero piccolo di omologarmi alle persone "normali" e che per questo mi sono creato una sorta di sistema difensivo (tipo so quando una ragazza è "oggettivamente" bella, ma per me magari non lo è) quindi ho questa idea del "lei vorrebbe questo, ma io... bla bla bla"
Sarebbe bello sentire anche un asessuale che cosa pensa

WarDogKinzoku
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: dom lug 09, 2017 4:53 pm

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da WarDogKinzoku » ven lug 28, 2017 1:50 am

Naturalmente so che non avete il pendolino magico e che le risposte le devo trovare da solo

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26833
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da Bianca » ven lug 28, 2017 6:29 am

State ragionando tutte e due su una situazione finita da due anni, in cui il coinvolgimento emotivo era molto importante.
Inoltre, l'amore della ragazza per War, andava oltre la richiesta sessuale e non gli causava stress manifestando esigenze.
Il fatto che, situazioni diverse, successive, si siano risolte in pochissimo tempo, farebbe pendere la bilancia a favore di una sessualità gray che richiede tempi e sentimenti.
War è in crescita; pertanto, un punto fermo per lui, potrebbe essere il sapere che, in una situazione di interesse sentimentale ricambiato, potrebbe arrivare all'atto sessuale.
Il perché ci arrivi e il suo livello di coinvolgimento, potrà essere verificato in altre esperienze successive.
Quello che è certo per il momento, è che War non è il tipo che si butta sulla prima ragazza che si trova davanti.
Scandagliare ulteriormente il suo modo di vivere e reagire, vuol dire soltanto, cercare di spaccare un capello in quattro.

Stiamo parlando di un ragazzo di 23 anni che ha percepito molto presto di avere un atteggiamento diverso dagli altri nei confronti del sesso e che non ha un passato di avventure.
Il suo grado di asessualità, si colloca tra zero e dieci, con una, probabile, dimensione Demi, per altro, per il momento, verificata.

Sará la vita, il futuro, le persone che incontrerai War, a darti conferme e smentite, lo stabilirlo esattamente ora, non è possibile, oltre a non avere nè senso, nè utilità.

WarDogKinzoku
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: dom lug 09, 2017 4:53 pm

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da WarDogKinzoku » ven lug 28, 2017 8:38 am

Bianca ha scritto:Stiamo parlando di un ragazzo di 23 anni che ha percepito molto presto di avere un atteggiamento diverso dagli altri nei confronti del sesso e che non ha un passato di avventure.
Il suo grado di asessualità, si colloca tra zero e dieci, con una, probabile, dimensione Demi, per altro, per il momento, verificata
Sai Bianca, forse involontariamente mi hai fatto capire il problema.
Mi sono attaccato un'etichetta e ancora non ero pienamente cosciente di questo grande Mondo che è l'assessualità.
È vero da sempre so di essere un "asessuale" (per restare generico), ma non sono nemmeno due mesi che ho scoperto la demisessualità e, quando mi sono attaccato la parola demisessuale non avevo ancora fatto un percorso interiore grandissimo, ero rimasto comunque superficiale e mi sono fatto travolgere dalle emozioni.
Parlando con gli altri, leggendo le loro storie, ascoltandoli, ho compreso che io sono parte di questo Mondo, sono più consapevole di farne parte, ma sono anche più consapevole di me.
So che nel mio modo di vivere le relazioni amorose ho dei punti cardine, so che sono romantico, so che per me le coccole non sono qualcosa di bello, sono essenziali, sono il collante che sorregge il tutto (ADORO le coccole), so cosa mi piace, so che il mio amore è coinvolgente, semplice, puro.
Ma mi serve davvero stabilizzare i miei punti traballanti? Conta davvero sapere se avrò mai altri rapporti in relazioni future? Conta davvero darmi un'etichetta che mi soddisfa?
Per il momento penso che hai ragione tu, forse devo solo togliermi la parola demisessuale di dosso e aspettare che, col tempo, comprendo pienamente come sono.
Faccio parte di AVEN è di tutto quello che rappresenta? Si, ma è ancora presto per collocarmi da qualche parte.
Per il momento penso che sia meglio togliermi qualsiasi etichetta e incominciare a definirmi asessuale (per restare più generico) o, se avete un termine migliore, con quello.

WarDogKinzoku
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: dom lug 09, 2017 4:53 pm

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da WarDogKinzoku » ven lug 28, 2017 8:51 am

Perché mi sono attaccato addosso la parola demisessuale? Per sentirmi meno solo, meno diverso, meno sbagliato.
Forse ha fatto quello che doveva fare, farmi accettare per quello che sono, e per questo non serve più.

WarDogKinzoku
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: dom lug 09, 2017 4:53 pm

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da WarDogKinzoku » ven lug 28, 2017 9:48 am

Conta realmente sapere se la mia era attrazione sessuale, sensuale o altro? No.
Mi stavo fossilizzando sul contorno, perché infondo l'unica cosa importante è che mi deve bastare è sapere che quella era "l'armonia di suonata da due cuori perfettamente accordati per suonare dolcemente insieme", due innamorati che si sono amati con profondità e poca superficialità.
Scusate, ma mi scordo i pezzi xD

Avatar utente
Volpe
Mega-Mitosi
Messaggi: 145
Iscritto il: dom lug 16, 2017 7:17 pm
Genere: Vulpes vulpes
Località: Torino

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da Volpe » ven lug 28, 2017 9:57 am

Il fatto è che ognuno vive l'amore a modo suo e viverlo in modo romantico relegando la dimensione sessuale ad una piccola parte del tutto non vuol dire necessariamente essere asessuali o demisessuali. Quel che cercavo di capire era se il sesso lo vivi con piacere, le poche volte che c'è, o se lo vivi come imposizione sociale.
Il mio obiettivo non è quello di classificare ma di comprendere quanto accade. Abbiamo capito che una libido c'è ma non abbiamo capito cosa la attiva né i pensieri preponderanti in quel momento, direi che ci sono ancora molte informazioni che puoi ricavare da questo.
Le storie precedenti sono il tuo bagaglio di esperienze fatte, devi ragionarci perché da cui puoi attingere per tracciare una linea guida sul tuo funzionamento; le nuove esperienze invece ti danno informazioni aggiornate su quello che sei adesso e sono importanti anche loro. Non precluderti nessuna opportunità definendoti asessuale, come ho già detto, la sessualità muta =)

WarDogKinzoku
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 532
Iscritto il: dom lug 09, 2017 4:53 pm

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da WarDogKinzoku » ven lug 28, 2017 10:19 am

Volpe ha scritto:Il fatto è che ognuno vive l'amore a modo suo e viverlo in modo romantico relegando la dimensione sessuale ad una piccola parte del tutto non vuol dire necessariamente essere asessuali o demisessuali. Quel che cercavo di capire era se il sesso lo vivi con piacere, le poche volte che c'è, o se lo vivi come imposizione sociale.
Il mio obiettivo non è quello di classificare ma di comprendere quanto accade. Abbiamo capito che una libido c'è ma non abbiamo capito cosa la attiva né i pensieri preponderanti in quel momento, direi che ci sono ancora molte informazioni che puoi ricavare da questo.
Le storie precedenti sono il tuo bagaglio di esperienze fatte, devi ragionarci perché da cui puoi attingere per tracciare una linea guida sul tuo funzionamento; le nuove esperienze invece ti danno informazioni aggiornate su quello che sei adesso e sono importanti anche loro. Non precluderti nessuna opportunità definendoti asessuale, come ho già detto, la sessualità muta =)
Provo a risponderti (male che va ci riprovo dopo xD)
Diciamo che in un certo senso mi è indifferente, è piacevole vedere e sapere che la persona per cui provi quel sentimento meraviglioso che è l'amore si sente appagata. L'atto in se non mi lascia e dice nulla sostanzialmente.
Per me è molto più appagante ricevere e dare coccole. È l'idea che lei si sentiva appagata e amata che mi ha portato alla conclusione dell'atto in un certo senso.
Credo che la mia libido sia legata al mio bisogno di dare e ricevere amore. Più mi sento amato (anche da me stesso) meno sento il bisogno (anche se non muore completamente anche quando mi sento pienamente amato).
Cosa penso durante la masturbazione? Al fatto che è piacevole e mi fa stare bene.
Naturalmente per altre domande sono qui ^^

Avatar utente
Volpe
Mega-Mitosi
Messaggi: 145
Iscritto il: dom lug 16, 2017 7:17 pm
Genere: Vulpes vulpes
Località: Torino

Re: Demisessuale o asessuale che non si accetta?

Messaggio da Volpe » ven lug 28, 2017 12:02 pm

L'orgasmo è possibile raggiungerlo anche come atto puramente fisiologico: se stimoli il pene il meccanismo parte anche pensando a un muro. Questo sembra il tuo caso, slegato quindi da qualsiavoglia pensiero legato ad una persona o ad un oggetto o ad un'idea. Quello che non mi è ancora chiaro è: se per te in una coppia è indifferente la componente sessuale e lo fai solo per far piacere a lei, da dove arriva l'erezione? Se davvero questo è il tuo caso, dove la libido si fa sentire fisiologicamente ma non è orientata verso nessuno, la vista della ragazza che ami non dovrebbe procurarti nessun cambiamento a livello genitale. In questo caso sarebbe comunque possibile avere un rapporto sessuale, ma il pene andrebbe prima stimolato manualmente per procurare l'erezione, e poi, l'erezione sarebbe mantenuta dalle stimolazioni corporee dell'atto sessuale. Diverso il caso in cui la sola VISTA della ragazza ti abbia procurato l'erezione. Se fosse andata in questo secondo modo, da quello che ho capito di te, potresti aver orientato per la prima volta la tua libido verso una persona. Il desiderio di farla sentire appagata è il famoso pensiero preponderante di cui ti parlavo ed è questo che ti ha permesso di avere un rapporto completo. In questo caso, dimenticando le categorizzazioni, la tua sessualità si manifesterebbe in questo modo: come dono verso il partner, per farlo stare bene e legare la coppia, solo secondariamente come piacere personale legato all'orgasmo in sé. Ci sta?

Rispondi