Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Per tutto ciò che riguarda l'asessualità e gli asessuali.
Avatar utente
ZilRaag
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 545
Iscritto il: dom giu 26, 2005 3:23 am
Orientamento: Asessuale.
Genere: Maschio
Località: Ad ovest di Paperino

Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da ZilRaag » gio apr 27, 2017 12:57 am

Mea culpa, mea culpa, il resto non lo so, perché ho fatto l’ITI e il latino non l’ho studiato (e anche la frequentazione di chiese ed affini è stata praticamente nulla)

A forza di cercare notizie sullo stato degli asessuali (e non solo) in Papuasia, mi sono fatto passare sotto il naso per più di un mese una risposta di Candida Morvillo ad una ragazza asessuale sul blog di Io Donna del Corriere della Sera.

Insomma: ce l’avevo sotto al naso, magari le è anche già stato risposto. È bello essere sempre sulla notizia…

La ragazza si lamenta del fatto di non essere capita come asessuale di come tutti le dicano di “aspettare la persona giusta”, e dice di essersi trovata bene in contatto con la comunità asex, una volta trovata.

La signora Morvillo, nella risposta, tira fuori una perla:
L’altra cosa che sommessamente le suggerisco, se me lo consente, è di non fare circolo neanche con gli altri del “no sex no problem”. Se immagina un “voi” e un “resto del mondo” che non vi capisce, rischia l’autorafforzamento forzato delle sue convinzioni. Rischia di perdere di vista se stessa, e l’incontro con l’inatteso che può stupirla.
Ma la signora Morvillo, lo ha letto cosa ha scritto in quella risposta?

Gli altri del “no sex no problem”?

L’autorafforzamento forzato delle sue convinzioni?

L’incontro con l’inatteso che può stupirla?

Le sta dicendo veramente che deve aspettare la persona giusta? Che è una fase? Che prima o poi un principe azzurro lascerà un secondo il cavallo bianco in seconda fila per passare a prenderla e portarla in un castello incantato con vista sulla superstrada?

Ve lo concedo: il cavallo in doppia fila, l’ho inventato io. Il resto, l’ha scritto davvero.

Non ce la faccio neanche ad incazzarmi…

Qualcuno pensa che la risposta non sia così grave? Immaginiamoci, allora, che, con lo stesso tono, la Morvillo abbia detto la stessa cosa ad una ragazza che le avesse confessato di essere lesbica. Avrebbe detto “carissima, non stare soltanto con le tue amiche lesbiche, altrimenti si autoconvince che sia una cosa giusta, e rischia di perdere di vista l’incontro con l’inatteso che può stupirla”. Cosa succede il giorno dopo? La signora Morvillo riceve un convinto e sonoro vaffanculo da tutto il mondo civile, e la stima di Adinolfi, che forse è ancora più offensiva del vaffanculo.

Temo che si debbano ancora fare sforzi in molte direzioni. “No sex, no problem”, dice la giornalista, quanti asessuali farebbero provare alla Morvillo un secondo della propria adolescenza? Altro che “no problem”. Quanti dubbi senza nessuno che ci abbia detto cosa fare? Evidentemente, aver preso coscienza del nostro orientamento, e prima, aver cercato un nome al nostro orientamento che ci faceva sembrare così sbagliati, e impossibili da
“incasellare” nel nostro mondo, fino a trovare gli altri del rischio dell’autorafforzamento per di più anche forzato delle nostre convinzioni.

Mentre aspettare il principe azzurro ed essere etero per mancanza di prove, è il consiglio che la signora Morvillo dà ad una ragazza asessuale poco più che ventenne.

Speriamo non sia troppo tardi.



PS: ho fatto l’ITI, ma temo che “l’autorafforzamento forzato”, in italiano torni poco. E anche come modo di dire mi pare un po’ una cavolata. Con rispetto.


da carrodibuoi.it (sì, l'ho scritto io :D )


L'articolo originale è qui: http://blog.iodonna.it/posta-del-cuore/ ... capiscono/

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26833
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da Bianca » gio apr 27, 2017 9:02 am

Il problema nasce dal fatto che la signora in questione, si trova in una posizione avvantaggiata (Lei non è solo Bianca, lei è Candida!) e quindi, può permettersi tutta una serie di stupidaggini, scriverle e dirle, (la sento anche, nei salotti che frequenta) senza preoccuparsi di informarsi, documentarsi, seguendo un suo autorafforzamento forzato, che le deriva dalla posizione che qualcuno le consente di ricoprire.

Forse, la cosa più grave sta, nel come lei donna, non si senta minimamente responsabile, nemmeno quando si rivolge ad una ragazza di 21 anni.

[Mi ricorda una tal Antonella Boralevi che, un po' di anni fa, scrisse un bellissimo, romantico articolo, su una donna che, grazie ad una donazione, aveva ricevuto un trapianto renale, magnificamente funzionante, dato che alla fortunata, erano stati impiantati ben due reni.
Non tutti sono obbligati a sapere che in seguito ad una donazione, i due reni vengono impiantati su due persone diverse, ma se scrivi un articolo, scambia almeno due parole con un medico o con l'interessata.]

La ragazza, spiega benissimo la sua situazione, ha le idee chiare e non è in cerca di risposte; si lamenta soltanto di come gli altri non la prendano sul serio, di come nessuno capisca una realtà innata, che interessa un numero di persone, destinato ad aumentare.

Praticamente, non solo la candida le consiglia: aspetta e vedrai, ma la invita anche, a non frequentare cattive compagnie che potrebbero accentuare un problema inesistente.
D'altra parte, non si dice "chi va con lo zoppo impara a zoppicare"?
In seguito a questo consiglio, la malcapitata che, timidamente, ha rivelato di aver incontrato un luogo di suoi simili (ma neanche tutti) chiamato AVEN, dovrebbe anche rinunciare a confrontarsi, palesare le sue difficoltà, trovare una dritta utile.

Confidiamo in un autovaffa naturale e spontaneo.

Avatar utente
keymaster
A-postolo Asexy
Messaggi: 462
Iscritto il: mer mag 28, 2008 11:58 pm
Orientamento: asessuale, aromantico
Genere: cyborg
Località: Via Lattea, Sistema Solare, 3° pianeta

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da keymaster » gio apr 27, 2017 9:11 am

Per quanto mi riguarda trovo magnifica la convivenza con animalini domestici, ovvero il gatto. Ogni volta che ascolto esperienze di terzi, che siano essere positive o negative, ritengo la mia condizione di estremo privilegio. Tutti gli umani asessuali e aromantici dovrebbero valutare l'enorme vantaggio che hanno, al pari di disporre di un potere sovrumano. Vivere in modo eccellente, senza mai ricercare piaceri fisici e relazioni sentimentali con terzi. E contribuire alla decrescita demografica su questo piccolo pianeta. Personalmente non mi interessa che l'asessualità sia accettata dagli altri miliardi di esseri umani. Se anche non lo fosse, problemi di altri.
Peter: E lei Alice, è mestruata al momento?
Bibliotecario: Scusi, questo che c'entra?
Peter: Non rompiamo! Si inchini alla scienza!

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26833
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da Bianca » gio apr 27, 2017 9:26 am

Key, la smetti con sto gatto? Ti abbiamo visto mentre gli piangevi nella pelliccia!.............

Furious Panda
Junior
Messaggi: 12
Iscritto il: mer apr 26, 2017 12:42 am
Genere: Femmina

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da Furious Panda » gio apr 27, 2017 10:05 am

Sottoscrivo quello che dici ZilRaag e aggiungo che trovo veramente fastidioso definire una convinzione l'asessualità. Così come molti sostengono che sia una "moda", cosa che fino a non troppo tempo fa succedeva anche agli omosessuali, adesso un po' meno per fortuna. Penso che siano poche le persone che accettano subito e serenamente la propria assessualità e penso che sia più facile convincersi di non esserlo piuttosto che il contrario.
Ma questa è una mia idea.
Non vedo poi come una comunità che l'accoglie, l'accetta e l'aiuta possa rischiare di farle perdere di vista se stessa; anche perché se la signora prima di denigrare il sito l'avesse visitato avrebbe notato la grande varietà di persone, orientamenti sessuali e generi che la popolano capendo che siamo un campione quantomai misto e quindi il rischio che lei suggerisce è improbabile.

Avatar utente
SoItIs
Mega-Mitosi
Messaggi: 105
Iscritto il: mer apr 13, 2016 10:16 am
Orientamento: asessuale
Genere: uomo

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da SoItIs » gio apr 27, 2017 10:10 am

Di là da ogni altra considerazione, una precisazione: il
No sex no problem, diciamo noi.
si trova nello scritto di Caterina a Candida, non è certo una creazione denigratoria della giornalista.
Questa è una doverosa precisazione per poter esprimere un'opinione scevra da polemiche.

Direi che la Signora Candida ha risposto ai quesiti di Caterina, è palese che non tutti, ad iniziare dalla stessa Caterina, possano trovarsi o meno d'accordo sul contenuto di quest'ultima.
Considerando che la Signora Candida presumibilmente non è asessuale, ritengo la risposta affatto discriminante, denigratoria o permeata di pregiudizi. Hai estrapolato ed evidenziato la parte terminale della risposta, per inciso sei liberissimo di esprimere la tua opinione finanche il tuo sdegno.
Solo che riferirsi ad un parziale, senza menzionare il resto del testo è funzionale non tanto ad una critica costruttiva ma ad aride polemiche. In ultima analisi, a manipolazioni dei potenziali lettori. questo il tuo
Temo che si debbano ancora fare sforzi in molte direzioni. “No sex, no problem”, dice la giornalista,
Riporto la risposta completa:
Cara Caterina, una cosa può farla. Smettere di abboccare all’amo delle chiacchiere infinite. Se lei sente vera e profonda la sua scelta, non consenta a chi le sta intorno di farne argomento di discussione, e quindi di pettegolezzo. Alzi le spalle, rida e parli d’altro. Se non dà loro spago e dimostra di vivere felice e serena, le sue amiche si stuferanno di tormentarla. L’altra cosa che sommessamente le suggerisco, se me lo consente, è di non fare circolo neanche con gli altri del “no sex no problem”. Se immagina un “voi” e un “resto del mondo” che non vi capisce, rischia l’autorafforzamento forzato delle sue convinzioni. Rischia di perdere di vista se stessa, e l’incontro con l’inatteso che può stupirla.


La prima parte della risposta IMHO è neutra, permeata di buon senso, semmai banale, se proprio si vuole cercare il pelo nell'uovo.
Sulla seconda possiamo anche discutere, da parte mia non vedo un arido accostamento di frasi fatte, semmai una risposta articolata (ripeto, il punto di vista è quello di una persona presumibilmente sessualmente attiva, questo non andrebbe scordato dato che si può comprendere senza necessariamente condividere un concetto) che riprende alcuni concetti che valgono universalmente, passami l'espressione: isolarsi in un gruppo ben definito, compatto, impenetrabile porta a distinguersi nel bècero "noi contro loro" non è mai utile e pure dannoso. L'isolamento rafforza le proprie idee, le convinzioni, i pregiudizi, i preconcetti. Porta a ricalcare apaticamente l'ideologia di turno. Vale indistintamente e fa si che la comprensione che si esige, anzi spesso si pretende, non si sia disposti a concederla verso chi è fuori dal gruppo. Fa si che che ci si autoconvinca che che sia un "noi" migliore contrapposto ad un "loro" di per se criticabili. Il rafforzamento null'altro è che il ripetere a mo di mantra di determinate convinzioni.
Rifletti sul fatto che questa stessa dinamica ad esempio ha contribuito a far si che alcuni gruppi omosessuali rifiutino oggi tout-court di accettare parte della comunità LGBT.

Io criticherei semmai la scelta invero infelice di utilizzare il "neanche", conducente all'estremo opposto del non frequentare affatto altri asessuali. Per il resto, condivido pure il ragionamento che isolarsi nel gruppo possa condurre a minore percezione delle proprie legittime ed essenziali aspettative, sino ad un miope incanalamento delle proprie convinzioni.
Le sta dicendo veramente che deve aspettare la persona giusta? Che è una fase? Che prima o poi un principe azzurro lascerà un secondo il cavallo bianco in seconda fila per passare a prenderla e portarla in un castello incantato con vista sulla superstrada?
a mio parere no, le ha risposto con un "incontro con l'inatteso che può stupirla". Quest'inatteso può essere di tutto di più, pure il principe azzurro. Deve essere per forza questo fumoso principe? No, decisamente no.
carissima, non stare soltanto con le tue amiche lesbiche,
Questa è censurabile, campata in aria, fuori luogo. Dove trovi un riferimento in tal senso?

Rifletti, non hai motivo di prendertela. Per cosa poi? per la tua personale interpretazione? Vedi, tu stesso hai voluto trovare un motivo di contrapposizione, sei libero di farlo, solo non devi citare a tuo vantaggio, cercando di indirizzare verso una direzione a te consona l'opinione di chi legge il tuo thread.
È un peccato perchè denoti pure uno stile scorrevole, fresco, ammiccante, lo sprechi per cercare uno scontro, non per discutere.
Lascia pure stare i continui riferimenti all'ITI, non ne hai bisogno, a meno che tu non gradisca che ti si appiccichi un'etichetta.
Con rispetto.

Avatar utente
SoItIs
Mega-Mitosi
Messaggi: 105
Iscritto il: mer apr 13, 2016 10:16 am
Orientamento: asessuale
Genere: uomo

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da SoItIs » gio apr 27, 2017 10:22 am

Bianca ha scritto:Il problema nasce dal fatto che la signora in questione, si trova in una posizione avvantaggiata (Lei non è solo Bianca, lei è Candida!) e quindi, può permettersi tutta una serie di stupidaggini, scriverle e dirle, (la sento anche, nei salotti che frequenta) senza preoccuparsi di informarsi, documentarsi, seguendo un suo autorafforzamento forzato, che le deriva dalla posizione che qualcuno le consente di ricoprire.

Forse, la cosa più grave sta, nel come lei donna, non si senta minimamente responsabile, nemmeno quando si rivolge ad una ragazza di 21 anni.

[Mi ricorda una tal Antonella Boralevi che, un po' di anni fa, scrisse un bellissimo, romantico articolo, su una donna che, grazie ad una donazione, aveva ricevuto un trapianto renale, magnificamente funzionante, dato che alla fortunata, erano stati impiantati ben due reni.
Non tutti sono obbligati a sapere che in seguito ad una donazione, i due reni vengono impiantati su due persone diverse, ma se scrivi un articolo, scambia almeno due parole con un medico o con l'interessata.]

La ragazza, spiega benissimo la sua situazione, ha le idee chiare e non è in cerca di risposte; si lamenta soltanto di come gli altri non la prendano sul serio, di come nessuno capisca una realtà innata, che interessa un numero di persone, destinato ad aumentare.

Praticamente, non solo la candida le consiglia: aspetta e vedrai, ma la invita anche, a non frequentare cattive compagnie che potrebbero accentuare un problema inesistente.
D'altra parte, non si dice "chi va con lo zoppo impara a zoppicare"?
In seguito a questo consiglio, la malcapitata che, timidamente, ha rivelato di aver incontrato un luogo di suoi simili (ma neanche tutti) chiamato AVEN, dovrebbe anche rinunciare a confrontarsi, palesare le sue difficoltà, trovare una dritta utile.

Confidiamo in un autovaffa naturale e spontaneo.
Dove, dove si trova scritto tutto quanto contesti?
Un esempio, uno solo: "La ragazza (...) non è in cerca di risposte". Chiaro, se scrivo su un Blog di una testata giornalistica, rubrica "La posta del cuore, sesso", se nel mio testo chiudo con il quesito
Come posso fare a convincerli che sto bene così?
non sono in cerca di risposte.
Lampante. Una logica inappuntabile.
Come già ho scritto altre volte: assertività, please.
Leggere il testo, ecco il segreto.

Avatar utente
SoItIs
Mega-Mitosi
Messaggi: 105
Iscritto il: mer apr 13, 2016 10:16 am
Orientamento: asessuale
Genere: uomo

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da SoItIs » gio apr 27, 2017 10:29 am

Furious Panda ha scritto:Sottoscrivo quello che dici ZilRaag e aggiungo che trovo veramente fastidioso definire una convinzione l'asessualità. Così come molti sostengono che sia una "moda", cosa che fino a non troppo tempo fa succedeva anche agli omosessuali, adesso un po' meno per fortuna. Penso che siano poche le persone che accettano subito e serenamente la propria assessualità e penso che sia più facile convincersi di non esserlo piuttosto che il contrario.
Ma questa è una mia idea.
Non vedo poi come una comunità che l'accoglie, l'accetta e l'aiuta possa rischiare di farle perdere di vista se stessa; anche perché se la signora prima di denigrare il sito l'avesse visitato avrebbe notato la grande varietà di persone, orientamenti sessuali e generi che la popolano capendo che siamo un campione quantomai misto e quindi il rischio che lei suggerisce è improbabile.
Anche in questo caso, assertività, please.
Tutto condivisibile quello che scrivi, ma dove trovi nella risposta della giornalista denigrazione? del sito, poi (??)
Dove bolla come convinzione l'asessualità?
"Siamo un campione"? Ci vogliamo dare la zappa sul piede? Me ne tiro fuori, siamo persone, punto.

Leggere, leggere il testo, non ricamarci su.
Con rispetto.

Avatar utente
ZilRaag
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 545
Iscritto il: dom giu 26, 2005 3:23 am
Orientamento: Asessuale.
Genere: Maschio
Località: Ad ovest di Paperino

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da ZilRaag » gio apr 27, 2017 12:22 pm

SoItIs ha scritto:Di là da ogni altra considerazione, una precisazione: il
No sex no problem, diciamo noi.
si trova nello scritto di Caterina a Candida, non è certo una creazione denigratoria della giornalista.
Questa è una doverosa precisazione per poter esprimere un'opinione scevra da polemiche.
No. E' scritto nella lettera di una ragazza di 21 anni, che io non ho neanche preso, come noti, in considerazione, nel commento.
La stessa cosa, scritta nella risposta di una giornalista che fa quello di mestiere, ne cambia il significato.
Nella sua risposta, la frase diventa non fare circolo neanche con gli altri del “no sex no problem”.
Mi pare che abbia un altro significato.
Non andare TU ad estrapolare una frase dal contesto :D

SoItIs ha scritto:Direi che la Signora Candida ha risposto ai quesiti di Caterina, è palese che non tutti, ad iniziare dalla stessa Caterina, possano trovarsi o meno d'accordo sul contenuto di quest'ultima.
Considerando che la Signora Candida presumibilmente non è asessuale, ritengo la risposta affatto discriminante, denigratoria o permeata di pregiudizi. Hai estrapolato ed evidenziato la parte terminale della risposta, per inciso sei liberissimo di esprimere la tua opinione finanche il tuo sdegno.
Solo che riferirsi ad un parziale, senza menzionare il resto del testo è funzionale non tanto ad una critica costruttiva ma ad aride polemiche. In ultima analisi, a manipolazioni dei potenziali lettori. questo il tuo
Candida Morvillo non chiama in una sola riga l'asessualità "un orientamento", ma parla di "scelta". Per me, è abbastanza discriminante già così.
Secondo me, non ha neanche sprecato un secondo del suo tempo per andare su Google a vedere di cosa stesse parlando.

SoItIs ha scritto:Riporto la risposta completa:
La risposta completa è linkata nell'articolo del blog, e l'ho anche linkata quando ho riscritto il pezzo qui. Non l'ho tenuta segreta. L'ho letta, ma mi interessava quella parte. Il resto è aria fritta da "posta del cuore", e non ho ritenuto di commentarla (poi, magari, mi sbaglio, ma questo è un altro discorso)

La ghettizzazione è sempre da evitare. Sempre. Bisogna sempre vivere tra gli altri.
Puoi trovare roba che ho scritto io su questo forum qualche anno fa (io bravo :D ).

Quello che dici tu in materia, è giusto, ma la Morvillo parla di autorafforzamento rafforzato e di incontro con l'inatteso. Non ti sembrano scotici di apaliosità parabolica a coppie giusto per dire qualcosa. Ripeto: cinque minuti su Google, li poteva perdere...

SoItIs ha scritto:Rifletti sul fatto che questa stessa dinamica ad esempio ha contribuito a far si che alcuni gruppi omosessuali rifiutino oggi tout-court di accettare parte della comunità LGBT.
Più conosco la comunità LGBT+ e più penso che sia una cosa talmente enorme e variegata che sta stretta sotto un nome solo :wink:

SoItIs ha scritto:
Le sta dicendo veramente che deve aspettare la persona giusta? Che è una fase? Che prima o poi un principe azzurro lascerà un secondo il cavallo bianco in seconda fila per passare a prenderla e portarla in un castello incantato con vista sulla superstrada?
a mio parere no, le ha risposto con un "incontro con l'inatteso che può stupirla". Quest'inatteso può essere di tutto di più, pure il principe azzurro. Deve essere per forza questo fumoso principe? No, decisamente no.
1) E' Candida Morvillo. Scrive di posta del cuore. Non il compianto Umberto Eco. Cosa avrà voluto intendere? :D
2) Quella sul principe azzurro è una battuta. Come se fosse un finale scontato, come, appunto, i film romantici e le favole.
3) Il cavallo bianco in doppia fila, l'ho inventato io. Lo ammetto (e me ne vanto).
SoItIs ha scritto:
carissima, non stare soltanto con le tue amiche lesbiche,
Questa è censurabile, campata in aria, fuori luogo. Dove trovi un riferimento in tal senso?
Dai, un po' di ironia... Ho solo detto: ma se anziché aver detto questo ad un'asex, lo avesse detto a una lesbica con le stesse modalità, le sarebbe piovuto il mondo addosso in quanto?
SoItIs ha scritto:Rifletti, non hai motivo di prendertela. Per cosa poi? per la tua personale interpretazione? Vedi, tu stesso hai voluto trovare un motivo di contrapposizione, sei libero di farlo, solo non devi citare a tuo vantaggio, cercando di indirizzare verso una direzione a te consona l'opinione di chi legge il tuo thread.
Un articolo di un blog è una notizia con un punto di vista. Tutti e due sono indispensabili. Solo il punto di vista diventa un temino delle medie, solo la notizia, al giorno d'oggi, non serve a nulla.
Non c'è nessun vantaggio, sul blog non c'è pubblicità. Non lo faccio per lavoro. Lo facevo ed ho smesso perché i compromessi erano troppi.
Non voglio "indirizzare" l'opinione di nessuno (affermarlo vorrebbe dire che io sia totalmente in malafede, ancora questo no), semplicemente, dico la mia.

SoItIs ha scritto:È un peccato perchè denoti pure uno stile scorrevole, fresco, ammiccante, lo sprechi per cercare uno scontro, non per discutere.
No, non ho bisogno di cercare uno scontro. Comunque grazie per il resto
SoItIs ha scritto:Lascia pure stare i continui riferimenti all'ITI, non ne hai bisogno, a meno che tu non gradisca che ti si appiccichi un'etichetta.
Ma quella è una battuta! :D :D :D
Come: ho fatto il militare a Cuneo

Morale: la signora Morvillo avrebbe potuto sprecare 10 minuti del suo tempo per andare su Google a vedere di cosa stesse parlando, come io li ho sprecati per capire chi diavolo fosse lei :D ...

Bacini... :wink:

Avatar utente
SoItIs
Mega-Mitosi
Messaggi: 105
Iscritto il: mer apr 13, 2016 10:16 am
Orientamento: asessuale
Genere: uomo

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da SoItIs » gio apr 27, 2017 3:26 pm

SoItIs ha scritto:
Di là da ogni altra considerazione, una precisazione: il
No sex no problem, diciamo noi.

si trova nello scritto di Caterina a Candida, non è certo una creazione denigratoria della giornalista.
Questa è una doverosa precisazione per poter esprimere un'opinione scevra da polemiche.
No. E' scritto nella lettera di una ragazza di 21 anni, che io non ho neanche preso, come noti, in considerazione, nel commento.
La stessa cosa, scritta nella risposta di una giornalista che fa quello di mestiere, ne cambia il significato.
Nella sua risposta, la frase diventa non fare circolo neanche con gli altri del “no sex no problem”.
Mi pare che abbia un altro significato.
Senti, come dovrei replicare a questo tuo post? "No"? La ragazza di 21 anni è appunto Caterina, colei che ha scritto la lettera. Questo è quello che avevo precisato.
Nella sua riposta la giornalista riprende questo che altro non è che uno slogan (già che ci siamo, oltretutto riduttivo), nulla di strano. Non è che la giornalista ne cambi il significato, l'espressione "fare circolo" è sinonimo di "fare gruppo", non mi pare permeata di negatività (pensa se avesse optato per un "fare comunella").
Scrivi che è tua intenzione esprimere un'opinione, citi da un articolo di un blog, ora sottolinei il fatto che non hai preso in considerazione la lettera di Caterina.
Dettaglio trascurabile, poi però non offenderti se scrivo che tenti di condurre i tuoi lettori dove intendi tu, un'opinione fondata su una critica costruttiva è tutt'altro.
Illuminami dove avrei estrapolato "la frase" dal contesto, quando tu stesso fai bella mostra di interessarti solo a "quella parte", bollando oltretutto come aria fritta il resto.

Detto questo ho una domanda: Caterina ha scritto una lettera, contenente una ben precisa domanda. Non l'ha inviata ad una persona privata, ma ad un blog, che altro non è che una pagina internet curata da una o più persone, aperta ai commenti. Certo, è una forma di comunicazione, ma sbagli ad affermare che
Un articolo di un blog è una notizia con un punto di vista
una notizia è per definizione un'informazione su un determinato fatto o accadimento elaborata da un giornalista e diffusa in un secondo momento con differenti mezzi di comunicazione; non mi pare che una lettera alla rubrica "posta del cuore" (più trasparente di cosi, cosa ci si può aspettare?) possa essere considerata una notizia, semmai, materiale per una notizia.
Ora, se qualcuno mi pone una domanda avrò l'insindacabile diritto di rispondere al meglio delle mie possibilità, esprimendo il mio personale punto di vista.
Senza offendere, secondo la logica del "trattare il prossimo come vorresti essere trattato". Questo punto di vista personale, in quanto personale, può anche essere in disaccordo con l'opinione di chi chiede, in antitesi al comune pensare, oppure perfettamente adeso a preconcetti o alle aspettative di chi chiede.
Godiamo o no del diritto di libera espressione? Sino a quando non offendo, potrò anche esprimere il concetto secondo il quale -giusto per restare in tema- l'asessualità è una scelta, senza che sia di per sé discriminante o offensivo. Sulla base di quali ragionamenti puoi sostenere a prescindere che a questa posizione io sia giunto senza informarmi, acriticamente? Le supposizioni è meglio prenderle con le pinze.

Vogliamo definire l'asessualità? Allora ti scrivo, come già ho fatto su questo forum, che si può benissimo considerare che essa, contraddistinta dall'alfa privativo, non sia un'orientamento, ma un quid che può plasmare l'orientamento di una persona. Non fosse così dovremmo introdurre il concetto del "doppio orientamento", ad esempio io sarei etero ed asessuale. Possibile, personalmente mi stona.
Questo per dire che ridurre un concetto ad ideologia è sempre da evitare. Nessuno ha la verità in tasca, per cui va da se che una pluralità di vedute non è solo normale ma in larga misura di fondamentale importanza. Come fai a vivere tra gli altri se chiedi rispetto ma non sei disposto a concederlo? Se chiedi comprensione ma accetti solo i fatti che che ti fanno comodo?

L'ironia... e pure il sarcasmo, ben vengano, esiste tuttavia una sottile linea che non andrebbe oltrepassata.

Ultima riflessione: sarebbe senz'altro interessante, oltre che corretto, avere la possibilità di sentire l'opinione di Caterina, che per inciso è l'unica persona che avrebbe diritto di sentirsi indignata.

Avatar utente
gio74
(A)VENdicatore
Messaggi: 1606
Iscritto il: dom ott 30, 2016 9:02 pm
Orientamento: etero
Genere: maschile

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da gio74 » gio apr 27, 2017 3:54 pm

In pratica, se ho capito bene, la signora, rispondendo alla ragazza, giudica l'asessualita come un capriccio giovanile, o peggio ancora come una moda... Vabbè, come dice Key, problemi suoi...

A me dispiace solo che porti lo stesso cognome della compagna di Giovanni Falcone, morta insieme a lui nella strage di Capaci

Avatar utente
ZilRaag
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 545
Iscritto il: dom giu 26, 2005 3:23 am
Orientamento: Asessuale.
Genere: Maschio
Località: Ad ovest di Paperino

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da ZilRaag » gio apr 27, 2017 4:21 pm

SoItIs ha scritto:Illuminami dove avrei estrapolato "la frase" dal contesto, quando tu stesso fai bella mostra di interessarti solo a "quella parte", bollando oltretutto come aria fritta il resto.
C'era un sottile strato di ironia. :wink:

SoItIs ha scritto:Detto questo ho una domanda: Caterina ha scritto una lettera, contenente una ben precisa domanda. Non l'ha inviata ad una persona privata, ma ad un blog, che altro non è che una pagina internet curata da una o più persone, aperta ai commenti. Certo, è una forma di comunicazione, ma sbagli ad affermare che
Un articolo di un blog è una notizia con un punto di vista
una notizia è per definizione un'informazione su un determinato fatto o accadimento elaborata da un giornalista e diffusa in un secondo momento con differenti mezzi di comunicazione; non mi pare che una lettera alla rubrica "posta del cuore" (più trasparente di cosi, cosa ci si può aspettare?) possa essere considerata una notizia, semmai, materiale per una notizia.
Ma infatti, quello non è un blog! Quella è una rubrica delle lettere su un sito collegato al Corriere... che viene chiamata "blog" a sproposito
Io intendevo l'articolo che ho scritto io sul blog che sto curando, e la maggior parte degli articoli dei blog (viene da web-log, diario in rete)
E' il mio di pezzo che era "una notizia e un punto di vista"!

SoItIs ha scritto:Godiamo o no del diritto di libera espressione? Sino a quando non offendo, potrò anche esprimere il concetto secondo il quale -giusto per restare in tema- l'asessualità è una scelta, senza che sia di per sé discriminante o offensivo. Sulla base di quali ragionamenti puoi sostenere a prescindere che a questa posizione io sia giunto senza informarmi, acriticamente? Le supposizioni è meglio prenderle con le pinze.
Non avresti la libertà di dire che l'asessualità sia una scelta. La comunità scientifica non riconosce più da un bel pezzo come "scelta" un orientamento sessuale. Come non puoi dire che le persone dalla pelle scura sono inferiori. Non avresti la libertà di dire una cosa del genere. Come non puoi dire che la Terra è piatta, o che le donne sono inferiori.

SoItIs ha scritto:Vogliamo definire l'asessualità? Allora ti scrivo, come già ho fatto su questo forum, che si può benissimo considerare che essa, contraddistinta dall'alfa privativo, non sia un'orientamento, ma un quid che può plasmare l'orientamento di una persona. Non fosse così dovremmo introdurre il concetto del "doppio orientamento", ad esempio io sarei etero ed asessuale. Possibile, personalmente mi stona.
L'asessualità si definisce come un orientamento contraddistinto dalla mancanza di attrazione sessuale verso tutti i generi. La definizione è questa, da Bogaert in giù.
Non esiste un "doppio orientamento" sessuale, o la "plasmatura" di un altro. O, almeno, questa è la prima volta che ne sento parlare.
Puoi avere un orientamento eteroromantico ed uno asessuale. L'orientamento sessuale e quello romantico sono cose separate, e questo lo dice tutta la letteratura in materia.
Oppure puoi essere demisessuale o fare parte dell'area grigia.
Non sono opinioni.

SoItIs ha scritto:Questo per dire che ridurre un concetto ad ideologia è sempre da evitare. Nessuno ha la verità in tasca, per cui va da se che una pluralità di vedute non è solo normale ma in larga misura di fondamentale importanza. Come fai a vivere tra gli altri se chiedi rispetto ma non sei disposto a concederlo? Se chiedi comprensione ma accetti solo i fatti che che ti fanno comodo?
Scusa, ma questa mi pare un po' gratuita. Spero di non avere, io, stavolta, colto un po' di ironia nelle tue parole. :D
Non ho preso solo "i fatti che mi facevano comodo".
Ho preso i fatti "che mi interessavano", è un filino diverso.

Quando si fanno le proteste contro la Finanziaria, si fanno contro una parte della stessa. Si protesta contro una scena di un film, o contro una parte di un programma televisivo (ricordi il caso "donne dell'est"?)
A me, interessava dire la mia opinione su una parte di una risposta, che era quella sulla quale potevo e mi sembrava di dovere dire qualcosa.
Cosa avrei dovuto? Commentare tutto il giornale? <--IRONICO :D

SoItIs ha scritto:L'ironia... e pure il sarcasmo, ben vengano, esiste tuttavia una sottile linea che non andrebbe oltrepassata.
Perché uso la frase "ho fatto l'ITI"? :D

SoItIs ha scritto:Ultima riflessione: sarebbe senz'altro interessante, oltre che corretto, avere la possibilità di sentire l'opinione di Caterina, che per inciso è l'unica persona che avrebbe diritto di sentirsi indignata.
E perché?
Quando venne fatta la trasmissione sulle donne dell'est, mica era offensiva solo verso le donne dell'est... Se vedo un'aggressione razzista, non posso indignarmi perché non mi è diretta contro? Ci sono cose che riguardano tutti. Dare un'informazione sbagliata, danneggia tutti, non solo i diretti interessati.

RiBacini :wink:

Avatar utente
ZilRaag
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 545
Iscritto il: dom giu 26, 2005 3:23 am
Orientamento: Asessuale.
Genere: Maschio
Località: Ad ovest di Paperino

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da ZilRaag » gio apr 27, 2017 4:26 pm

gio74 ha scritto:In pratica, se ho capito bene, la signora, rispondendo alla ragazza, giudica l'asessualita come un capriccio giovanile, o peggio ancora come una moda... Vabbè, come dice Key, problemi suoi...

A me dispiace solo che porti lo stesso cognome della compagna di Giovanni Falcone, morta insieme a lui nella strage di Capaci
A me, invece, dispiace solo che altri possano leggerlo...

Avatar utente
Delirio
Asexy
Messaggi: 375
Iscritto il: lun gen 02, 2017 2:46 pm
Orientamento: Asessuale, Etero
Genere: Femmina
Località: Toscana e Piemonte

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da Delirio » gio apr 27, 2017 5:05 pm

Allora:
Leggendo il tuo articolo e il tuo post, zilraag, la prima cosa che ho pensato è stata: questa donna è l'ennesimo esempio di quanto chiusa sia la mentalità di certe persone e di quanto queste persone si permettano, con arroganza, di far passare la loro opinione come un credo, facendo forza su un ruolo privilegiato che ricoprono, in questo caso, quello di una giornalista che cura una rubrica di un giornale e che si permette di sentenziare sulla vita e le esigenze altrui.

Ma poi, leggendo l'articolo di questa donna per intero, non ho affatto ritrovato quest'impostazione che tu, zilraag, hai fatto passare.
Per l'ennesima volta, come tua prassi comune, hai parafrasato le frasi di questa donna, hai puntato il dito solo su determinati punti, hai esasperato la sua immagine in negativo.

Come dice Solitis, se si legge per intero l'articolo, si nota un tono molto più moderato, molto più comprensivo e accogliente.

Questa donna ha effettivamente valutato che stava parlando con una ragazza giovane, le ha detto di rispettare se stessa, di non focalizzarsi sul giudizio delle amiche e prendere autonomamente le sue scelte, sdrammatizzando, al limite, sulle provocazioni ricevute.

Allo stesso modo, ha affermato di non arroccarsi in un concetto, in questo caso quello del "no sex no problem", non inteso come critico sarcasmo, almeno dal mio punto di vista, ma piuttosto come un vero e sincero consiglio: Candida le ha detto di tenere sempre in primo piano se stessa e di non sottomettere mai le sue esigenze a quelle di una comunità, al senso di appartenenza ad essa e al bisogno di essere parte di qualcosa. Le ha semplicemente detto di restare in ascolto, sempre, del suo essere.

Non la voleva allontanare dalla comunità asex, ma semplicemente avvertirla, metterla in guardia in modo soft e sintetico, su certe dinamiche che si sviluppano quando si entra in una comunità, e che riguardano il perdere se stessi, la propria individualità e le proprie peculiarità e sfumature, in funzione di una coscienza di gruppo che necessita di essere affermata, mantenuta e fissata, in modo statico, solido e quindi sicuro, ancorante, socialmente aggregante al resto delle persone che si definiscono allo stesso tuo modo, ma d'altra parte, estremante limitante.

Siamo esseri umani, e come tutte le cose a questo mondo, siamo un divenire, siamo in continuo mutamento, e seppur l'orientamento è definito come fisso, dobbiamo sempre restare in ascolto di noi stessi e assecondare la nostra indole, anche se un giorno questa indole si scontrasse con quello che la comunità a cui abbiamo aderito, in cui ci ritrovavamo, si aspetta da noi.

Candida può, come ha detto Solitis, essere accusata di banalità, in quanto la sua risposta è molto moderata, paraculo, se vuoi definirla tale, nel senso che semplicemente le dice di restare se stessa a prescindere da tutti gli altri, amiche e comunità asex compresi, senza darle un effettiva risposta su come farsi capire e comprendere, ma nulla più.

Il tono malevolo che è emerso dal tuo articolo, non ha riscontro, almeno a mio guudizio, nell'articolo di Candida, ma piuttosto è una tua interpretazione.

Ma le critiche si fan sui fatti, non sulle parafrasi.

È abbastanza inutile criticare qualcuno su qualcosa che non ha detto, facendo passare la tua interpretazione deviata delle sue parole come la sua effettiva opinione.

Questo è estremamente visibile nel tuo ricreare una sua eventuale risposta ad una lesbica: ma chi te lo dice che ad una lesbica avrebbe risposto così?

Valuta i fatti, non le supposizioni, no?

Senza contare che è abbastanza inutile che la screditi dicendo che scrive sulla posta del cuore.
Se si vuole Umberto Eco, si legge "Il nome della rosa".

Lei può essere chi le pare, qua in esame non c'è lei come persona, ma una sua risposta data ad una ragazza che le ha chiesto consiglio. Fine.

Limitiamoci ad esaminare questa e a criticare, eventualmente, questa.

Poi se lei è sessuale, asessuale, frivola, intelligente, onnivora, vegana, quel che ti pare, son cose a parte.

Valuta la risposta, se è intollerante, moderata, pertinente, stupida, ecc..

Ma senza far parafrasi, senza partire con pregiudizi, senza focalizzarsi su i punti che potrebbero crear polemica al solo fine vittimistico, come a voler a tutti i costi esasperare il concetto che il mondo ce l'ha con noi.

Per concludere, quella che tu chiami ironia, io la percepisco come sarcasmo, e il sarcasmo ha una componente critica e polemica, a differenza dell'ironia, che si limita a voler far divertire.

Però è una mia percezione, non dico che era la tua intenzione, incitare, con quel che io avverto come sarcasmo, un allarmismo, una polemica, una vena, quasi terroristica.
Gruppo Arcadia - Asessuali e Asessualità:
https://www.facebook.com/groups/2059068674322030/

Avatar utente
ZilRaag
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 545
Iscritto il: dom giu 26, 2005 3:23 am
Orientamento: Asessuale.
Genere: Maschio
Località: Ad ovest di Paperino

Re: Asessuale? Aspetta il principe azzurro!

Messaggio da ZilRaag » gio apr 27, 2017 5:47 pm

Delirio ha scritto:Per l'ennesima volta, come tua prassi comune, hai parafrasato le frasi di questa donna, hai puntato il dito solo su determinati punti, hai esasperato la sua immagine in negativo.
Potrei fare a te, e non solo a te, diversi appunti dal punto di vista etico, ma ho promesso che non avrei fatto polemica.

La frase che hai scritto nei miei confronti è non solo offensiva, ma anche gratuita.
Mi era sembrato di aver riportato metà della risposta della Morvillo, e di aver scritto che commentavo quella metà.
Ho fatto l'ITI, ma fino a lì ci arrivo.

Il resto, neanche lo riporto, se mi permetti. So che, per l'ennesima volta, e come tua prassi comune, quello che scrivo non ti piace. :D
Me ne farò una ragione, il mondo è bello perché è vario, e non smetterò certo di scrivere perché tu, come è nel tuo diritto, non sei d'accordo. :wink:
Come mi farò una ragione di non starti simpatico. Capita. Parafrasando De Gregori, io non ti piaccio, e mi dispiace che tu non possa piacere a me.

Ti avviso, io continuerò a postare gli articoli strettamente inerenti all'argomento.

Se vuoi continuare a leggerli, e a dire che non ti piacciono, fai pure, ma almeno, sei pregata di non andare sul personale. Io non lo farei mai :wink:

Bacini anche a te (oggi sono buono)

Rispondi