Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odio?

Per tutto ciò che riguarda l'asessualità e gli asessuali.
Avatar utente
Gin's Jinx
Junior
Messaggi: 24
Iscritto il: ven gen 15, 2016 2:07 pm

Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odio?

Messaggio da Gin's Jinx » gio mar 03, 2016 9:40 pm

Sono stanca e sfiduciata. Ho provato a fare "coming out" come asessuale con quattro amici: tre l'hanno presa da copione (vedi: ma non esiste l'asessualità sei solo confusa) e una pseudo bene, anche se mi ha detto che è inutile darsi etichette. Questo è successo il mese scorso.
Oggi, evidentemente avendo dimenticato l'esperienza, ho fatto il mio primo post pubblico sull'acefobia perché avevo letto in giro troppi commenti orribili cercando degli articoli e ci ero rimasta male. Non mi aspettavo che i miei conoscenti, perché amici un corno dopo tutto quell'odio che mi hanno riversato contro, si coalizzassero contro la causa dicendo di quelle cose che devo riportare fedelmente o non rendono:

1) Boh, con tutto il rispetto mi sembra che certi problemi si stiano ingigantendo un po' troppo solo perché va di moda parlarne. Non è questione di provare necessariamente "fobia", quanto fastidio per come si voglia attirare l'attenzione su questioni obiettivamente stupide

2) A me sinceramente dell'etichetta che si dà ad una persona con un certo orientamento sessuale di cui obiettivamente me ne sbatto altamente non può fregar di meno e neanche vado a leggermeli certi articoli, perché se devo dare il via ad una lotta sociale lo faccio per cause davvero giuste e ben più importanti. Ok difendere i diritti, ma mò con queste manie di protagonismo anche basta XD

3) Non sono "asexualfobica", quanto altezzosa e razzista verso la stupidità e l'esibizionismo umano. Ed è un mio diritto anche questo.

4) No è che io posso capire la lotta per i diritti civili di omosessuali e lesbiche. E posso capire la lotta che fanno i transessuali per vedersi riconosciuti, sempre a livello civile, come gli uomini e le donne che si ritengono.
Ma le battaglie di asessuali o pansessuali o bisessuali no, perché appunto non c'entrano niente con il civile, con ciò che uno stato dovrebbe proteggere. Se io sono mi innamoro di un uomo o di una donna bel privato sono affari miei. Non vado a sbandierare la mia eterosessualità o omosessualità o pansessualità Perché credo che non ce ne sia bisogno. E anche gli asessuali o che: non ti interessa? Bene. Perché devi essere riconosciuto? A che pro? Che cambia? In questo io concordo con chi la pensa così. E sono la prima che ha a cuore cause civili che fi stanno affrontando ora. Ma di chi mi innamoro sono affari miei.


5) Si creano movimenti per cose inutili. io amo mangiare la pizza e non mangio i carciofi... Voglio creare il movimento di "viva la pizza abbasso il carciofo"
Io ho chiesto come è possibile mettere allo stesso grado una cosa come l'asessualità e una cosa stupida come questa e la risposta data è stata:
Magari anche per me può essere importante essere riconosciuta in un'amante della pizza e non dei broccoli, perché adesso vuoi negare la mia esistenza o definire stupida questa mia necessità? Lo vedi che allora ragioni nello stesso modo?

6) Le discriminazioni, purtroppo, sono sempre esistite: verso le donne, verso gli stranieri, verso i disabili, verso le persone considerate generalmente più deboli, verso gli hipster, verso i tatuati, verso i tossicodipendenti, verso le persone grasse, verso i vegani, verso i secchioni...e sì, c'è gente stupida che discrimina anche gli asessuali, i pansessuali, i bisessuali ecc. Potrei andare avanti per ore. Cosa dobbiamo fare, istituire campagne personalizzate per tutti? [...] Ma ora pensare che sugli asessuali piovano le più grandi disgrazie e discriminazioni del mondo mi sembra veramente esagerato, chi muore di cancro sta peggio.

E infine chicca finale, commento per intero perché è troppo bello per non essere postato.

7) Per quanto riguarda ME, quindi non dico che il mio sia un parere assoluto ed universale, andare in giro a dire "ehi guardami guardami guardami sono un asessuale!" è stupido ed effimero come dire "ehi guardami guardami guardami ho i capelli neri!" o "ehi guardami guardami guardami sono un giocatore di rugby!" o "ehi guardami guardami mi piace la pizza ma i carciofi no!" (ed ero ovviamente sarcastica a livelli iperbolici, si chiamano figure retoriche e si utilizzano proprio per sdrammatizzare conversazioni come questa, non prendere tutto così sul serio che ti logori il fegato inutilmente). Non ci vedo niente di irrispettoso in questo, anzi, è proprio perché non discrimino che non pongo l'accento su queste differenze, perché io non vedo le persone con un orientamento sessuale diverso dal mio come persone diverse da me. Per te, invece, porre un accento su queste differenze ed accentuarle invece che andare verso un percorso di "normalizzazione" è una cosa importante e lo rispetto, per me ci sono battaglie più importanti di questa da combattere nel mondo. Mi scuso se le mie opinioni non totalmente integraliste come le tue ti hanno offesa, ma non sento di dovermi scusare per il fatto che la penso così. Se però queste mie idee mi fanno passare per persona cattiva ed irrispettosa, quando invece sono la persona più aperta al dialogo e ai cambiamenti di questo mondo e credo che alcune necessità abbiano la priorità rispetto ad altre, francamente mi girano e anche tanto

Adesso spiegatemi io cosa devo fare? Sono stanca, sono sul punto di piangere, ho voglia solo di sparire dal mondo e rinchiudermi in camera per sempre a guardare anime. Come reggete le critiche della gente? Come fate a sopportare tutto questo? O sono io che ho esagerato e non dovevo reagire così male? la cosa peggiore è stata che non si sono rese conto di quanto mi facevano male, nonostante glielo abbia ripetuto più volte, la loro risposta era sempre "sei permalosa, non stiamo dicendo niente di cattivo, sei tu che non rispetti i pareri degli altri e reagisci male se qualcuno la pensa diversamente". Io non so nemmeno che dire.

Avatar utente
SZangy
Samurai Asexy
Messaggi: 665
Iscritto il: mar ago 25, 2015 1:46 pm
Orientamento: Queer-Demi
Genere: FtM(Pre-T)/Androgino
Località: Ignoto

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da SZangy » gio mar 03, 2016 9:55 pm

sposto il topic in "Asessualità: domande, risposte e riflessioni" dato l'argomento trattato :)
ImmagineImmagine

uccio
Ameba
Messaggi: 51
Iscritto il: dom mag 17, 2015 3:44 pm
Orientamento: Asessuale aromantico
Genere: Bestia

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da uccio » gio mar 03, 2016 10:21 pm

No, non ne vale la pena. Io non sento il bisogno di parlarne, anzi.
E a dirla tutta credo che tu abbia reagito male, o meglio, in maniera troppo emotiva: qualcuno ci odia? Non capisce cosa proviamo o non proviamo? Non ci crede? Lo aggiungo alle cose di cui non me ne frega un c***o.

L'ultima frase: "sei permalosa, ecc." è la moda attuale di internet. La gente che vuole capire ti fa domande, gli altri possono andare al diavolo ;)

Avatar utente
Gin's Jinx
Junior
Messaggi: 24
Iscritto il: ven gen 15, 2016 2:07 pm

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da Gin's Jinx » gio mar 03, 2016 10:40 pm

è che con queste persone parlavo senza problemi dell'omosesualità quando pensavo di essere lesbica, non mi aspettavo che persone così solidali e aperte in quello fossero così chiuse e bigotte in questo. Sono molto emotiva, lo ammetto, sono anche permalosa, forse fin troppo, ma mai senza motivo e qui mi sembrava di averlo.
Non riesco a fregarmene, purtroppo, dovrò solo abituarmi all'idea di tornare "nell'armadio" e non parlare di questo.

mikstick
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 536
Iscritto il: mar gen 19, 2016 6:28 am
Orientamento: Asessuale
Genere: trans mtf
Località: Marche

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da mikstick » gio mar 03, 2016 11:00 pm

Io penso che.dovresti parlarne solo con chi pensi possa veramente capirti. Purtroppo quello dell'asessualita' è una situazione non solo poco diffusa ma anche poco cpnosciuta r quindi si tende molto a minimizzare la cosa.
Se davvero loro ti trattano cosi allora secondo me è inutile parlarci, qualsiasi cosa.dirai loro tenderanno sempre e kmq a minimizzare o dire.che non è.vero.
Kmq qui puoi star certa che.nessuno ti tratterà male e nessuno si prenderà gioco di te. Siamo tutti sulla.stessa.barca.e dobbiamo aiutarci tra di noi. Se ti va di sfogarti o di parlare di qialsiasi cosa noi siamo qui.

Avatar utente
Matty
Samurai Asexy
Messaggi: 720
Iscritto il: mer dic 30, 2015 6:18 pm
Orientamento: Asex; Romantico
Genere: Maschio
Località: Provincia Bologna

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da Matty » gio mar 03, 2016 11:28 pm

Mi dispiace tanto, io sinceramente non ho mai rivelato a nessuno il mio orientamento, spesso ero convinto che non sarei stato capito, un po' come succede a te. So bene che la mia non è la soluzione ottimale però.
Hai avuto coraggio a esporre il tuo orientamento e le tue idee, e purtroppo c'è ancora troppa gente che non è pronta per ascoltarci.

La questione non è tanto sui diritti civili, perché non vedo diritti (di legge) che ci sono negati. Il problema è anche lì, molte persone sono sensibili al riconoscimento di diritti a categorie di cui magari non fanno parte, ma se davanti a loro trovano categorie che non si trovano in condizione di negazione di diritti, la cosa viene presa meno a cuore. Magari c'è anche meno voglia di informarsi su chi siano gli asessuali.
E' anche una questione culturale, se qualcosa è poco conosciuto, è molto facile, per una persona di medio scarsa cultura della sessualità, dire che si tratta di una moda, o di un capriccio. E poi viviamo oggettivamente in un mondo di mode e tendenze, anche comportamentali, la gente è troppo confusa e non riesce più a distinguere le cose, e se non viene a contatto con le nostre motivazioni, continuerà sempre a pensarla così.
Quindi niente, tutto quello che possiamo fare è diffondere informazioni sul nostro orientamento.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26015
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da Bianca » gio mar 03, 2016 11:46 pm

Non perdere la fiducia, puoi essere capitata e aiutata.
Di altri orientamenti, sono secoli che se ne parla e non devi stupirti se sono più conosciuti e spesso dati per scontati.
Non credo che gli amici volessero offenderti.
Penso che, da una parte, tu abbia interpretato male i loro commenti e dall'altra loro non fossero in grado di fare un discorso serio sull'argomento, per ignoranza e per essere stati presi di sorpresa, senza il tempo di fare nessuna riflessione.

Nonostante questa delusione che tu hai vissuto, non devi pensare di non poterne parlare mai più e che mai nessuno sarà in grado di capirti.

Mi sembra di poter escludere che qualcuno odi gli asessuali.
L'odio è un sentimento grave e pesante.
Posso capire qualche battuta quando se ne parla, ma nulla di più.
Sui vari socials, puoi trovare commenti stupidi o considerazioni senza senso, ma sappiamo che in giro c'è molta gente di un' ignoranza abissale e quindi, non ci si può stupire, nè giungere alla conclusione che è meglio chiudersi e non parlarne con nessuno.
Meno ciascun interessato ne parla e meno l'argomento circola e diventa noto.
Non essere troppo severa con i tuoi amici, forse li hai solo messi in imbarazzo.

Avatar utente
Haderian
Asexy
Messaggi: 365
Iscritto il: ven set 16, 2005 7:13 am
Orientamento: omosessuale
Genere: maschio

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da Haderian » ven mar 04, 2016 12:09 am

ci si sono messe d'impegno a criticarti. al di la delle loro argomentazioni mi sembrano risposte date con rabbia, supponenza e insensibilita'. mi spiace, non capisco perche' abbiano reagito cosi'

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26015
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da Bianca » ven mar 04, 2016 12:16 am

Dai Had, non contribuire alla cattiva impressione che Gin ha riportato dalla conversazione con gli amici...

secrets
A-ssolutamente Fantastico
Messaggi: 84
Iscritto il: sab feb 23, 2013 5:41 pm
Orientamento: asessuale romantico
Genere: maschio

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da secrets » ven mar 04, 2016 12:54 am

Che risposte acide! Purtroppo non tutti possono capire, ma non lasciare che sia questa gente ad influenzare il giudizio sulla tua scelta di parlarne. Hai scelto di mostrarti per ciò che sei, qualcuno lo apprezzerà. Io 99 volte su 100 mi sono nascosto e, se potessi tornare indietro, credo che non lo rifarei.
E allora l'esistenza che importanza ha? Io esisto meglio che posso!

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26015
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da Bianca » ven mar 04, 2016 4:09 am

Secrets, anch'io la penso come te.
Tacere, non vuol dire solo tacere, vuol dire mentire, inventare, creare situazioni ipotetiche.
Perché?
Per una cosa di cui non c'è niente di cui vergognarsi, nè sentirsi in colpa.

Avatar utente
Valkyrie
A-ccademico viola
Messaggi: 7755
Iscritto il: sab mag 02, 2015 9:32 pm

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da Valkyrie » ven mar 04, 2016 6:50 am

Ma quindi cosa si puó fare per evitare al massimo commenti cosí???:(

mikstick
Troppo Asexy per AVEN
Messaggi: 536
Iscritto il: mar gen 19, 2016 6:28 am
Orientamento: Asessuale
Genere: trans mtf
Località: Marche

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da mikstick » ven mar 04, 2016 6:58 am

Credo non ci sia un modo piu giusto di un altro, come in tutte le cose bisogna trovarcisi per capirlo e scoprirlo, poi ci si può sempre pentire della scelta ma in quel momento probabilmente per te era la cosa più giusta

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26015
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da Bianca » ven mar 04, 2016 8:13 am

Spiegarsi meglio?
Fidarsi di più?
Essere comprensivi nei confronti dell'altro?
Non irritarsi se non capisce?
Non prendere in modo negativo qualsiasi considerazione.

Avatar utente
Edward
AVENita di Classe A
Messaggi: 2738
Iscritto il: mar dic 09, 2014 10:49 pm
Orientamento:
Genere: f

Re: Vale davvero la pena di parlarne quando ottieni solo odi

Messaggio da Edward » ven mar 04, 2016 10:58 am

Io non so quale articolo tu abbia condiviso e come si sia svolta la discussione, dunque una larga fetta della storia mi manca.
Però posso dirti una cosa.
Critiche come "siete esibizionisti" si sentono spesso anche in campo gay, è un'accusa classica di chi non ha capito cosa siano i gay e perché facciano politica.
Bisogna imparare a rispondere in modo preciso e secco.

Gli asex non lottano per avere diritti che ora non gli vengono riconosciuti.
Gli asex vogliono solo che si parli del loro orientamento sessuale, e con un unico scopo: quello di far sapere a chi non prova attrazione sessuale che ci sono altre persone come loro e che va tutto bene. Questo è lo scopo della comunità asex, ed è semplice, pacifico, altruista e non chiede nessuno sforzo agli altri, dunque avercela con noi è come avercela con gli arcobaleni, i cieli azzurri o la brezza marina.
Dubito che chiunque potrebbe ancora criticarti, dopo un discorso simile.

Rispondi