Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Le matricole qui dentro. Presentatevi!
Rispondi
ElfoVerde
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: lun set 09, 2019 1:53 am
Orientamento: Gay
Genere: maschio

Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da ElfoVerde » dom dic 08, 2019 12:36 am

Ciao a tutt*! Premetto che difficilmente sarò presente sul forum, però ho pensato possa aver senso lasciare una testimonianza.

La mia sessualità a livello di autoerotismo è iniziata alle medie, però non avevo fantasie sessuali comuni. Purtroppo, ho vissuto in una cultura famigliare e scolastica che fa finta che l'omosessualità non esiste e quando proprio emerge l'argomento è a causa di un bullismo non grave fisicamente, ma pesante nel medio e lungo periodo per chi cerca di far chiarezza sul proprio orientamento.

Sicuramente ritrovarmi "contro corrente" (mi riferisco all'essere gay) ha rallentato la mia comprensione, ma solo dopo qualche anno di triennale all'università mi sono posto più seriamente il problema delle relazioni. Cosa che i miei compagni già facevano i primi anni delle superiori (argomenti ai quali era totalmente disinteressato).

Non ho mai provato e tuttora non provo interesse per il sesso anale ed orale, un modo di vivere il sesso ovviamente molto tipico sul versante gay. Al tempo stesso mi piace moltissimo il contatto fisico, ma solo con le persone da cui mi sento molto attratto. La masturbazione reciproca è stato il principale (credo di poter dire il solo) modo in cui ho vissuto la sessualità.

Dopo una manciata di anni che avevo capito di essere precisamente gay, ho incontrato un po' per caso il nome "asessuale" e mi sono chiesto se non fossi asessuale. Il mio bisogno di affetto e sesso c'è sicuramente, anche se atipico, e poi ho conosciuto il termine demisessuale dopo un'altra manciata di anni (sempre per caso) la "grey sexuality".

Non credo che le etichette siano importanti, però voglio dirvi che mi sono sentito meno solo e strano nel sapere che esistono anche asex, demi, grey e simili. Non saprei dove mi colloco, né questo ha molta importanza, anche se grey mi sembra un concetto ombrello che in qualche modo mi comprende.

Voglio aggiungere che ho due feticismi, questi ho visto che sono anche abbastanza diffusi nei siti di incontro (nulla di troppo strano), che mi rendono "meno platonico" (preferisco tralasciarli, è secondario...), ma anche per queste due preferenze le modalità sono molto più lievi e per lo più riconducibli al primo punto (desiderio di contatto, di toccare, di sentire su di me) senza nulla di "spinto". Quindi sono smussati anche questi feticismi.

Non voglio fare la storia della mia vita, mi sono focalizzato sui soli aspetti sessuali (non prendetemi per un maniaco). L'aspetto sfavorevole in tutta questa faccenda è che già essere gay è statisticamente poco vantaggioso e spesso ti porta verso grandi città se non all'estero, ma ridurre ancora la propria compatibilità con altri a causa di sessualità atipiche... Beh, posso dirvi che non è facile avviare una relazione. Proprio no.

Mi sono capitate occasioni, nonostante io dica sempre come sono, per fare sesso anale o orale, da attivo o da passivo, ma sul momento non ho mai avuto voglia... Sarebbe stata una forzatura spiacevole. Sono certo che molti mi evitano a priori quando dico che certe pratiche non mi piacciono.

Tra gay si guadagna in termini di probabilità di match quando si frequentano contesti in cui tutti hanno lo stesso orientamento. È indubbiamente più facile, i "migliori successi" li ho raggiunti in forum e soprattutto siti di incontro, mentre un po' meno i locali fisici (per farla breve c'è sempre troppo caos per i miei gusti).

Così... ripensando alla mia sessualità grigia, ho un po' esplorato i contesti dove a maggioranza ci si ritrova ad avere qualche modalità più comune (per quanto le sfaccettature sono tantissime pur restringendo il gruppo) e ho trovato questo sito.

Quindi devo ammettere che è una testimonianza, ma anche un modo di dire "ciao! io sono qui :D" ad ogni modo, penso saremo tutti belli sparpagliati nella verticalmente estesa Italia, quindi realisticamente prevale il desiderio di lasciare giusto un racconto.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26863
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da Bianca » dom dic 08, 2019 11:09 am

Ciao Elfo! Benarrivato su Aven.

La tua testimonianza è importante, meravigliosa e unica ma comunque importante per tante altre persone che la leggeranno e troveranno analogie.

Ti risponderò con più calma, per intanto, grazie per aver condiviso.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26863
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da Bianca » dom dic 08, 2019 7:25 pm

Sì, trasmettere la tua esperienza ha un senso, perchè da essa risulta chiaro che, in genere, si devono fare tanti passi per arrivare a trarre delle conclusioni, ad avere di sè una visione un pochino più chiara, senza escludere che anche le convinzioni a cui si giunge, nel corso degli anni potranno avere delle smentite o delle correzioni.


Ancora oggi per alcune persone, l'omosessualità non esiste o è una malattia gravissima da curare in modo drastico.

Spesso è proprio il bullismo, la crudeltà dei coetanei, le battute, gli epiteti volgari che costringono l'individuo a prendere atto di una diversità che lo marchia, lo rende fragile ed esposto a considerazioni che, inizialmente, neppure comprende.

Accorgersi di avere preferenze e desideri diversi dalla maggioranza dei propri amici e compagni, costringe la persona ad intraprendere una strada in salita e che sarà, a grandi linee, sempre in salita, se pur con tratti meno difficili.

Tu non riferisci niente circa i rapporti con i tuoi familiari, quando,come e se hai deciso di renderli partecipi della tua realtà.
Mi sembra scontato che più si trova accoglienza e comprensione, complicità e aiuto da parte dei propri cari, più la matassa si sbroglia e le difficoltà si alleggeriscono.

Voglio sottolineare questo aspetto, affinchè, se qualche genitore si trovasse a passare su Aven, avesse subito ben chiaro che il suo ruolo e il suo atteggiamento sono elementi fondamentali.
D'altra parte, l'amore è accettazione, senza condizioni.

Ma i fatti della vita ci insegnano che per qualcuno può essere meno difficile accettare un figlio delinquente, una figlia che ha sterminato la famiglia, che tenere amorevolmente tra le proprie braccia, una creatura che manifesti preferenze sessuali diverse dalla norma o che non manifesti il minimo interesse per il sesso.


Riconoscersi gay e anche con dei limiti, rende più improbabili e difficili le relazioni.
Tu, nello specifico, parli delle varie attività che vengono preferite e proposte ma non dici niente dell'aspetto sentimentale che, in qualche modo può averti coinvolto aldilà del sesso.

Non credi che questo aspetto possa essere più importante e coinvolgente, tanto da rendere meno incisiva la sola attività sessuale?

ElfoVerde
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: lun set 09, 2019 1:53 am
Orientamento: Gay
Genere: maschio

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da ElfoVerde » lun dic 09, 2019 12:01 am

Grazie Bianca, è stato un bel intervento. Rispondo agli aspetti che hai sottolineato e che ho omesso.

Il rapporto con i miei genitori è tendenzialmente buono, anche se con vari elementi critici che prescindono dall'orientamento sessuale. Ho comunicato ad entrambi di essere gay un po' avanti con gli anni (circa 25 anni). E' stata una comunicazione difficile, piena di disagio, perché in passato sono state dette cose spiacevoli e dal potenziale scoraggiante (del tipo "se sei gay, vedi di cambiare" o "gay? gentaglia"). Poi, l'atteggiamento è cambiato, ed hanno saputo mostrare (soprattutto mia mamma) un atteggiamento più comprensivo. Però, ho percepito non poca ipocrisia in tutto questo e comunque è prevalso il silenzio, ovvero "ok è così, ma non parliamone mai". Il non parlarne mai è estremamente marcato sul lato di mio papà. C'è anche da dire che, orientamento a parte, tutti e due i miei genitori non hanno MAI parlato di sesso, credo siano sessuofobi, ma gli stessi sentimenti amorosi... sono un argomento che ho mai sentito da parte loro. Insomma, sono cresciuto in una solitudine ed ignoranza affettiva-relazionale e sessuale che rende più lenta la comprensione, più fragilmente esposti alle violenze (anche solo verbali) dell'ambiente sociale in cui siamo immersi... Insomma i genitori devono avere idee chiare, devono amare la sessualità umana (è così che nasciamo! se non siamo apposto interiormente su questo aspetto, meglio non fare i genitori...).

Ormai è storia passata (ho poco più di 30 anni), ho maturato la mia identità, ho una visione ampia delle identità di genere e della sessualità, dei modelli di famiglia. Sono riuscito a "venirne fuori" dall'ignoranza che sentivo.

L'altro tema era l'affettività. Non so bene per quale ragione mi sono focalizzato sull'aspetto sessuale (probabilmente perché è quello in cui sono atipico e quindi mi crea indiretti problemi...), ma effettivamente l'affettività è centrale per me. E' un sentimento che mi spinge alla ricerca di un compagno e la vivo e manifesto principalmente attraverso il contatto fisico: tenersi per mano, abbracciarsi, stare vicini col viso (sì, rischio di essere un po' "appiccicoso" ma so regolarmi).

Ho vissuto qualche importante frequentazione, però non molto a lungo e probabilmente sono rimasto un po' "immaturo", forse dalle modalità un po' adolescenti... ma non posso farci niente, con le relazioni che verranno maturerò anche sotto questo aspetto, ammesso che io debba veramente maturare altro...

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26863
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da Bianca » lun dic 09, 2019 8:06 pm

Grazie per le tue ulteriori spiegazioni.
Rendono completa la tua condivisione e suscitano riflessioni.

Sicuramente ti rendi conto che l'imbarazzo che nasce nell'affrontare certi argomenti, anche con le persone che più ci sono care, è reciproco.

Tutti i genitori pensano che il loro bambino appena nato sia perfetto.
Gli contano le dita, sono felici se mangia, lo contemplano mentre dorme beato e spiano i suoi gesti, le sue espressioni, le reazioni, le trovate quotidiane.

Ogni cosa che fa, pur rientrando nella normalità, viene ritenuto un avvenimento, come se nessun bambino lo avesse fatto prima del loro.



L'omosessualità non è mai contemplata, anche quando molte avvisaglie la rendono evidente.
Quando non si possono più trovare scuse o inventarsi dubbi, perchè il figlio dichiara questa sua tendenza, si devono fare i conti con una realtà che non si sarebbe mai voluta prendere in considerazione.

Ma, grazie a Dio, l'amore non viene mai meno, anche quando la reazione immediata è di rifiuto e incredulità, anche quando le parole restano in gola.
Magari si vorrebbe rassicurarlo, parlargli di quell'amore che non gli mancherà mai, dirgli che non ci ha deluso e che sarà per noi sempre il caro ragazzo che è stato fino a quel giorno, di cui siamo orgogliosi, invece, si resta in silenzio e si dà l'impressione di aver accantonato l'argomento.
E' solo un modo pudico di dire: è tutto come prima, non è cambiato niente.


Mi fai sorridere quando dici che i genitori devono avere le idee chiare, altrimenti, facciano a meno di sposarsi.

L'amore e il sesso esistono anche per loro ma non si deve fargliene una colpa se non ne sanno parlare apertamente.

Dipende dall'educazione che hanno ricevuto, dall'ambiente in cui sono cresciuti, da quanto la religione abbia inciso negativamente sul loro prendere atto della sessualità, esercitabile, fino a non molti anni fa, all'interno del matrimonio e principalmente a fini riproduttivi.

Non è ignoranza, è incapacità.

L'affettività è importante per la maggior parte delle persone.

E' fonte di sicurezza, equilibrio e amplifica le capacità personali.

Si dice: si può vivere senza sapere perchè; non si può vivere senza sapere per
chi .

In te c'è questo normale desiderio/esigenza, lecito e naturale, che puoi cercare di realizzare attraverso un comportamento serio ed onesto.

Può essere che nei tuoi modi sia rimasto qualcosa di adolescenziale ma non fartene un cruccio e adesso, sai che cosa ti mando io?
Un naso naso.

Avatar utente
gio74
(A)VENdicatore
Messaggi: 1606
Iscritto il: dom ott 30, 2016 9:02 pm
Orientamento: etero
Genere: maschile

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da gio74 » lun dic 09, 2019 8:13 pm

Ciao elfo, benvenuto, e grazie per la tua testimonianza.

Avatar utente
gio74
(A)VENdicatore
Messaggi: 1606
Iscritto il: dom ott 30, 2016 9:02 pm
Orientamento: etero
Genere: maschile

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da gio74 » lun dic 09, 2019 8:15 pm

Naso naso senza ciglio ciglio che è pericoloso

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26863
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da Bianca » mar dic 10, 2019 4:40 pm

Gio, perché ciglio ciglio è pericoloso?

ElfoVerde
Newbie
Messaggi: 4
Iscritto il: lun set 09, 2019 1:53 am
Orientamento: Gay
Genere: maschio

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da ElfoVerde » mar dic 10, 2019 9:02 pm

Bianca ha scritto:
lun dic 09, 2019 8:06 pm
Un naso naso.
:D
Bianca ha scritto:
lun dic 09, 2019 8:06 pm
L'amore e il sesso esistono anche per loro ma non si deve fargliene una colpa se non ne sanno parlare apertamente.
Dipende dall'educazione che hanno ricevuto, dall'ambiente in cui sono cresciuti, da quanto la religione abbia inciso negativamente sul loro prendere atto della sessualità, esercitabile, fino a non molti anni fa, all'interno del matrimonio e principalmente a fini riproduttivi.
Non è ignoranza, è incapacità.
Hai pienamente ragione ed è una cosa che ho compreso razionalmente anche piuttosto presto, ma emotivamente ci ho messo molto di più ad accettarlo... Ormai so che loro hanno certi limiti, in fondo (come accennavo) c'è tendenzialmente un buon rapporto. Ognuno è frutto del proprio tempo storico e il tipo di famiglia che ho avuto è, non a caso, diffusa in Italia.
Bianca ha scritto:
lun dic 09, 2019 8:06 pm
non si può vivere senza sapere per chi
E' probabilmente vero, anche se richiede l'instaurarsi di un legame che non è frequente, spero che mi capiterà.

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26863
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da Bianca » mer dic 11, 2019 5:38 am

Te lo auguro.
Sperimenterai la completezza, una maggiore consapevolezza di vivere; scoprirai di saper fare cose che mai avresti pensato di saper fare; capirai che il perdono non è sconfitta ma coraggio e che un dono gratuito ti torna indietro in serenità, armonia e pace.

Avatar utente
gio74
(A)VENdicatore
Messaggi: 1606
Iscritto il: dom ott 30, 2016 9:02 pm
Orientamento: etero
Genere: maschile

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da gio74 » mer dic 11, 2019 4:00 pm

Bianca ha scritto:
mar dic 10, 2019 4:40 pm
Gio, perché ciglio ciglio è pericoloso?
Perché rischi di beccarti una testata, se non è fatto bene

Avatar utente
Bianca
AVEN Mastermind
Messaggi: 26863
Iscritto il: lun mar 10, 2014 7:11 pm
Orientamento: Eterosessuale Sessuale Romanti
Genere: Signora

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da Bianca » mer dic 11, 2019 5:02 pm

Una testata?
E io che credevo ci si attaccasse l'influenza......

Certo che deve essere fatto bene, come tutte le cose, con garbo, gentilezza, leggerezza e senza intrecciarsi le ciglia.

Avatar utente
Just K_98
A-ssolutamente Fantastico
Messaggi: 70
Iscritto il: gio ott 02, 2014 7:15 pm
Orientamento: asex(?) eteroromantica
Genere: femmina
Località: Verona

Re: Ciao! Lascio per lo più una testimonianza

Messaggio da Just K_98 » sab gen 04, 2020 11:48 pm

Ciao Elfo, grazie per la presentazione! E in bocca al lupo con la ricerca di un partner- è vero che esser parte delle minoranze romantiche e sessuali non aiuta, ma son sicura che troverai ciò che fa al caso tuo!
ElfoVerde ha scritto:
dom dic 08, 2019 12:36 am
Al tempo stesso mi piace moltissimo il contatto fisico, ma solo con le persone da cui mi sento molto attratto.
Ah, quanto ti capisco su questo punto!
Io sento un fortissimo bisogno di vicinanza fisica, contatto nel mio caso più romantico che sessuale, ma concretamente parlando è un desiderio che ho applicato solo a pochissimi intimi.
Just K_98

Rispondi